Luigino Bruni

Capitali narrativi/4 - Fatti e atti che fondano e salvano non sempre sono eclatanti

di Luigino Bruni

pubblicato su Avvenire il 03/12/2017

171203 Capitali narrativi 4 rid«C’è bisogno di un amore infinito per rinunciare a sé e divenire finito, incarnarsi per amare così l’altro, e l’altro come altro finito»

Jacques Derrida Donare la morte

I capitali narrativi sono plurali. Non tutte le storie di cui si compongono hanno lo stesso valore. Solo alcune sono capaci di portare il peso della nuova costruzione. Il 'grano’ e la ‘zizzania’ si trovano in tutti i campi della terra, compresi quei campi speciali dove crescono i nostri ideali. All’inizio occorre far crescere tutte le piante del campo, perché - come dice la grande metafora evangelica - se i contadini intervenissero per estirpare la zizzania strapperebbero via anche le spighe buone e preziose.

Il mistero rivelato/6 - La verità senza amore uccide. La compagnia fedele è rugiada che salva.

di Luigino Bruni

Pubblicato su Avvenire il 08/05/2022

«Se il vostro Dio non vuole l’idolatria perché non la elimina»? I saggi risposero: «Se l’idolatria riguardasse solo ciò di cui il mondo non ha bisogno, Egli certamente la eliminerebbe. Ma gli uomini considerano divinità anche il sole, la luna, le stelle e i pianeti. Deve Egli forse distruggere tutto il mondo perché ci sono dei pazzi?»

Talmud Babilonese, Avodah Zarah

La fornace ardente dove Nabucodònosor getta i compagni di Daniele e la loro salvezza ci consegnano un grande insegnamento sulla natura del potere e sul martirio.

Ai potenti non basta erigere la propria statua. Vogliono che sia adorata, che sia oggetto di pellegrinaggi e liturgie. Una statua senza culto sarebbe insufficiente, perché la statua è divina solo se adorata dai fedeli. E quindi occorrono i sudditi, che sono tali perché adoratori della statua del re. È questa l’essenza del potere, che può rinunciare a tutto tranne all’adorazione. Ecco perché nella Bibbia ogni potere è tendenzialmente idolatrico, e perché ogni statua, di dèi o di sovrani, è un idolo. Noi abbiamo smesso di credere agli dèi ma non di adorare statue. Alle grandi imprese di oggi non bastano i profitti: vogliono l’adorazione della statua, la devozione al marchio, la genuflessione di fronte alla merce, la fedeltà del consumatore. Eppure la Bibbia ce lo aveva detto e oggi lo vediamo chiaramente: togliere Dio dall’orizzonte della storia non significa eliminare l’immagine di Dio dal mondo, significa solo moltiplicare le statue, gli idoli, gli adoratori di feticci. Perché se il capitalismo fosse soltanto una faccenda di soldi non ci avrebbe occupato da tempo il tempio dell’anima. 

Il mistero rivelato/15 - In ogni rapporto fallito si può ricominciare nel “nome” dell’altro

di Luigino Bruni

Pubblicato su Avvenire il 10/07/2022

"Abbiamo vissuto in fenditure della storia: ci diede riparo ciò che non chiude, totalmente, mai. Per l’ultimo giorno volevamo le visioni di cui ci siamo nutriti nell’esilio".

Ernst Bloch A Ingeborg Bachmann, dopo la sua visita al ghetto di Roma

La profezia consegnata a Daniele della fine dell’esilio, che non è arrivata ma arriverà è il fondamento biblico della grande virtù della speranza. E aiuta a interpretare il tempo.

Nei patti, l’essenziale è la fede nella fedeltà dell’altro. È più fondamentale della nostra propria fedeltà. Un patto spezzato può sperare di risorgere se, e fino a quando, chi ha tradito crede che l’altra parte è ancora fedele, spera che dall’altro capo della corda che ci lega e che io ho mollato ci sia una mano forte che tiene ancora. Tutto finisce davvero quando dall’altro capo della corda non c’è più nessuno – o quando crediamo che sia così. Nella Bibbia la fede in Dio è la speranza che da qualche parte nel cielo ci sia una roccia salda che non ci fa sprofondare dentro le nostre infedeltà. Da qui nasce la preghiera più bella che si può alzare dalle crisi della fede e dei nostri rapporti primari: «Tu, almeno tu, non mollare; resisti, continua a credere in quel patto che io, per fragilità o colpa, non sono stato capace di custodire. Sii fedele anche per me». In latino corda, fede e fiducia sono la stessa parola: fides. 

Oikonomia/7 - C’era (e deve esserci) una via lungo la quale i poveri non sono maledetti

Pubblicato su Avvenire il 23/02/2020

“Si giunge a negare le conseguenze sociali delle disparità dei punti di partenza individuali. Ciò si traduce nella deplorazione dell’egualitarismo livellatore e nella difesa della meritocrazia, esaltatrice dell’individualità.”

Federico Caffè, La solitudine del riformista

Lo spirito cattolico del capitalismo è diverso da quello anglosassone. Fino a tempi recenti, quando la centralità del consumo ha conquistato anche l’umanesimo mediterraneo. 

In occasione del Premio Nobel per l'Economia a Richard H.Thaler, teorico del "Nudge", ripubblichiamo l'articolo di Luigino Bruni sul tema per la Rubrica "Oltre il mercato"

di Luigino Bruni

pubblicato su Città Nuova n.02/2016 di febbraio 2016

Mosca nel gabinetto ridPerché, nonostante tutta l’informazione sull’alimentazione, sugli stili di vita, sulle conseguenze dei nostri comportamenti per il presente e il futuro del pianeta, continuiamo ad inquinare molto con auto e riscaldamenti, ma anche a mangiare male, troppo, e a non fare abbastanza attività fisica? È, infatti, più  semplice capire perché non riusciamo a rinunciare all’aria condizionata e all’auto privata. È un tipico caso dove il beneficio privato (comfort) prevale sul beneficio pubblico (riscaldamento del pianeta).

L’anima e la cetra/28 - Dalla nostra intimità abitata impariamo che l’universo intero è abitato da Dio

di Luigino Bruni

Pubblicato su Avvenire il 11/10/2020

"Se c’è un Altro, chiunque esso sia, ovunque sia, e quali che siano i suoi rapporti con me, anche se non agisce su di me in altro modo che con la semplice comparsa del suo essere, io ho un di fuori, una natura; il mio peccato originale è l’esistenza dell’altro".

Jean Paul Sartre,L’essere e il nulla

Il Salmo 139 è un grande messaggio poetico sull’essenza della fede e sul mistero della persona, che mentre si scopre guardata comprende una bellezza più profonda e più grande.

Nell’anima c’è un luogo segreto e profondissimo dove abita una sottile e delicata malinconia. È quella che affiora quando ci accorgiamo che anche la comunione con chi ci ama si arresta sull’uscio di una intimità segreta, quella dove si trova la parte più bella e vera di noi. Sappiamo che i nostri amici, i genitori, la moglie, i figli, ci vogliono davvero bene e ci conoscono davvero, ma la conoscenza amorosa che hanno di noi non riesce a raggiungere la cella vinaria del nostro cuore. Solo se arrivassero lì ci conoscerebbero veramente, perché vedrebbero una bellezza sconosciuta, se qualcuno riuscisse a raggiungerci in quel fondo capirebbe che siamo migliori di come appariamo, che siamo più belli della persona che finora ha conosciuto. Se è vero che l’altro è «colui che mi guarda» (J. P. Sartre), è ancora più vero che l’altro non mi guarda mai abbastanza, non vede la parte migliore di me. Gli altri conoscono qualcosa, alcuni conoscono anche l’essenziale, ma l’essenziale non ci basta, in queste cose l’essenziale è troppo poco. 

Intervista su TRS Radio a "Il posto delle parole"

Una casa senza idoli ridSabato 18 novembre nell'ambito della trasmissione di Livio Partiti "Il posto delle parole", Luigino Bruni ha presentato il suo libro "Una casa senza idoli" (Dehoniane, €12,50, 136 p).

Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download

Nei momenti di passaggio individuali e collettivi ci sono libri particolarmente preziosi che aiutano a comprendere in profondità la natura delle crisi, danno parole alle emozioni e illuminano zone buie. Qoèlet, vetta altissima della tradizione sapienziale biblica, è uno di questi, e si configura come una profonda ed efficace cura delle due principali malattie di tutte le fedi, religiose e laiche: l’ideologia e la ricerca di facili consolazioni attraverso risposte banali a domande difficili e tremende del vivere.

Intervista su TRS Radio a "Il posto delle parole"

Una casa senza idoli ridSabato 18 novembre nell'ambito della trasmissione di Livio Partiti "Il posto delle parole", Luigino Bruni ha presentato il suo libro "Una casa senza idoli" (Dehoniane, €12,50, 136 p).

Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download

Nei momenti di passaggio individuali e collettivi ci sono libri particolarmente preziosi che aiutano a comprendere in profondità la natura delle crisi, danno parole alle emozioni e illuminano zone buie. Qoèlet, vetta altissima della tradizione sapienziale biblica, è uno di questi, e si configura come una profonda ed efficace cura delle due principali malattie di tutte le fedi, religiose e laiche: l’ideologia e la ricerca di facili consolazioni attraverso risposte banali a domande difficili e tremende del vivere.

Intervento su Radio 1 a "Il cielo sopra S.Pietro"

Logo Giornata Dei Poveri 2017 ridDomenica 19 novembre nell'ambito della trasmissione "Il Cielo sopra San Pietro" si discuteva a proposito della Prima Giornata Mondiale dei Poveri indetta da Papa Francesco: qui riportiamo l'intervento di Luigino Bruni

Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download

 

Intervista su Radio 24 a Si può fare

Sabato 9 ottobre 2021 nell'ambito della trasmissione di Laura Bettini "Si può fare", Luigino Bruni, direttore scientifico di The Economy of Francesco, è intervenuto aprendo la puntata dedicata al rapporto tra religioni e ambiente, e spiegando come sia nato questo movimento scaturito dalla lettera di Papa Francesco ai giovani del 1° maggio 2019, e quali siano le attività che svolge.

 Ascolta Intervista:

Intervista su Radio 24 a Economia in pagine

Logo Radio24Sabato 26 agosto nell'ambito della trasmissione di Gianfranco Fabi "Economia in pagine", Luigino Bruni ha presentato il suo libro "Elogio dell'auto-sovverssione" (Città Nuova Editrice, €13,00, 120 p).

La necessità di un continuo cambiamento sia nelle organizzazioni che nella vita di tutti i giorni, ma anche nell'economia. Senza cambiamenti non si progredisce, non si ricostruisce e quindi ci si avvia al declino. Bisogna rigenerare ogni giorno un senso affinché si possa credere nel futuro creando ideali, ma senza sfociare nelle ideologie che soffocano l'ideale e l'organizzazione che nasce da questo ideale. Quando si raggiunge il successo bisogna trovare un modo per rinnovarsi, perché senza spirito di rinnovo il successo finisce in fallimento.

 Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download

Intervista su Radio 24 a Economia in pagine

Logo Radio24Sabato 26 agosto nell'ambito della trasmissione di Gianfranco Fabi "Economia in pagine", Luigino Bruni ha presentato il suo libro "Elogio dell'auto-sovverssione" (Città Nuova Editrice, €13,00, 120 p).

La necessità di un continuo cambiamento sia nelle organizzazioni che nella vita di tutti i giorni, ma anche nell'economia. Senza cambiamenti non si progredisce, non si ricostruisce e quindi ci si avvia al declino. Bisogna rigenerare ogni giorno un senso affinché si possa credere nel futuro creando ideali, ma senza sfociare nelle ideologie che soffocano l'ideale e l'organizzazione che nasce da questo ideale. Quando si raggiunge il successo bisogna trovare un modo per rinnovarsi, perché senza spirito di rinnovo il successo finisce in fallimento.

 Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download

Caterina e Flavio di Weeklynews hanno intervistato Luigino Bruni; la trasmissione è andata in onda il 17 ottobre 2020

pubblicato su RadioLuiss il 17/10/2020

Una conversazione sulla teoria del valore e del mercato, la felicità rapportata all'economia e molto altro!

Ascolta l'intervista:

Loppiano attende la visita di Papa Francesco il prossimo 10 maggio. Intervista di Adriana Masotti a Luigino Bruni. Radio Vaticana - 7 maggio 2017

pubblicato su Radio Vaticana il 07/05/2018

Logo radiovaticanaNata nel 1964, la cittadella internazionale del Movimento dei Focolari conta oggi circa 850 abitanti di 65 nazioni. Ogni anno accoglie migliaia di visitatori ed è divenuta punto d'incontro tra popoli, culture e religioni. La componente internazionale e multiculturale fa di Loppiano un "laboratorio di fraternità" con oltre quarant'anni di esperienza. Prima nata delle 25 cittadelle dei Focolari sparse nel mondo, "Loppiano è un gesto profetico" - dice ai nostri microfoni l'economista Luigino Bruni, membro del Movimento:

Ascolta Intervista:

Unable to embed Rapid1Pixelout audio player. Please double check that:  1)You have the latest version of Adobe Flash Player.  2)This web page does not have any fatal Javascript errors.  3)The audio-player.js file of Rapid1Pixelout has been included.

Download
 

Meritocrazia, giustificazione etica della disuguaglianza

 pubblicato su Radio Articolo 1 il 09/04/2019

Intervista a Luigino Bruni nella puntata di "Piazza del Lavoro" del 9 aprile 2019

Affrontiamo con Luigino Bruni, storico del pensiero economico, il tema del talento ridotto a merito, l’oblio di parole come umiltà e mitezza, le ideologie sostituite dalla tecnocrazia. E i divari tra gli strati sociali crescono. Puntata a cura di Simona Ciaramitaro

Ascolta il programma: 

«Non solo economisti»  di Luigino Bruni a Vite che non sono la tua. Nella prima puntata Luigino Bruni narra le vicende ed il pensiero dell'economista Albert-Otto Hirschmann

pubblicato su RaiPlayRadio il 04/12/2021

Otto-Albert Hirschmann è stato un economista tedesco di origine ebrea, nato a Berlino del 1915, la cui vita si intrecciò con gli eventi tragici del suo tempo. Luigino Bruni ci racconta le principali tappe della sua formazione e gli incontri fondamentali della sua vita. Si sofferma poi sulla sua opera più celebre, Exit, Voice and Loyalty, un libro che analizza il nesso tutt’altro che scontato tra il meccanismo della defezione (“exit”) e quello della protesta (“voice”). Mentre il primo è lo strumento per eccellenza a cui si fa abitualmente ricorso nei mercati, il secondo trova maggiore applicazione nella sfera politica e nella società civile, ossia in contesti nei quali l’uscita rappresenta spesso una scelta molto costosa o addirittura traumatica..

Ascolta il programma:

«Non solo economisti»  di Luigino Bruni a Vite che non sono la tua. Nella seconda puntata Luigino Bruni narra le vicende ed il pensiero dell'economista anconetano Giorgio Fuà

pubblicato su RaiPlaySound il 05/12/2021

Ripercorrere l’esistenza di Giorgio Fuà, uno dei più importanti economisti italiani del secondo Novecento, significa toccare la carne di alcuni passaggi decisivi della vita dell’Italia e dell’Europa, e non solo di quella economica. Giorgio Fuà nasce nel 1919 da una benestante famiglia anconetana di origini ebraiche: crescere nell’Italia fascista, iniziare l’università a Pisa con le leggi razziali del 1938, segneranno per sempre la visione del mondo di Giorgio, quella economica e insieme quella etica e politica. Dopo aver completato gli studi a Losanna, fondamentale fu per Fuà e per l’economia italiana l’incontro altamente generativo con Adriano Olivetti i cui frutti andarono ben oltre i dieci anni di lavoro comune, segnandolo per tutta la vita: non a caso nel 1960, dopo dieci anni di “pausa” tra le Nazioni Unite a Ginevra (1950-1955) e l’Eni di Mattei (1955-1960), Fuà deciderà di dedicarsi interamente alla ricerca e alla fondazione della facoltà di Economia e commercio di Ancona (oggi Facoltà di Economia "Giorgio Fuà") e nel 1967 chiamerà la sua scuola di formazione manageriale Istao, Istituto Adriano Olivetti.

Ascolta il programma:

«Non solo economisti»  di Luigino Bruni a Vite che non sono la tua. Nella terza puntata Luigino Bruni narra le vicende ed il pensiero dell'economista fiorentino Giacomo Becattini

pubblicato su RaiPlaySoundil 11/12/2021

Becattini è stato il grande teorico dei distretti industriali. La teoria dei distretti di Becattini ha un’origine pratica legata alla sua esperienza di economista a Prato, dove per tanti anni studiò il distretto pratese lavorando in istituti di ricerca come l’IRPET (Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana) e l’IRIS (Istituto di ricerche economiche e sociali di Prato) e dove fondò, nel 1991, la libera scuola di Artiminio per lo sviluppo locale. Ma la teoria dei distretti ha anche un’origine teorica, legata allo studio che Becattini, fin da giovane, fece del pensiero di Alfred Marshall. Come dirà Becattini in un libro del 2015 gli imprenditori devono avere ‘coscienza dei luoghi’ abitati dalle loro imprese, luoghi che sono l’insieme del patrimonio culturale, artistico, scientifico, tecnico, artigianale, culturale. Dal lavoro sui distretti Becattini pensa davvero ad un altro modo di fare economia.

Ascolta il programma a questo link 🎙

«Non solo economisti»  di Luigino Bruni a Vite che non sono la tua. Nell'ultima puntata Luigino Bruni narra le vicende ed il pensiero del filosofo ed economista indiano Amartya Sen, premio Nobel dell'Economia 2008

pubblicato su RaiPlaySound il 12/12/2021

Amartya Sen, filosofo ed economista indiano, premio Nobel per l’economia nel 1998, è uno dei pensatori più originali e innovativi del nostro secolo. Sen ha introdotto in economia concetti prima di lui non considerati, o perlomeno considerati a margine: diritti, libertà, capability, functionings, diventano con Sen oggetti, non semplici corollari o presupposti, della scienza economica (potremmo quasi dire che c’è un modo di fare economia ‘prima di Sen’ e ‘dopo di Sen’).

Ascolta il programma a questo link 🎙

Vatican news ha intervistato l'economista Luigino Bruni sull'assegnazione del Nobel dell'Economia 2020 a Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson, studiosi teoria delle “aste”: "Si tratta di meccanismi che interessano da vicino grandi compagnie, ma un settore lontano dalla vita delle persone"

di Fausta Speranza

pubblicato su Vatican News il 12/10/2020

 Gli studiosi statunitensi Paul R. Milgrom, 72 anni, e Robert B. Wilson, 83 anni, entrambi docenti all’Università di Stanford vincono l'edizione 2020 del cosiddetto Nobel per l'economia. Nella motivazione si legge che si sono distinti “per i miglioramenti della teoria delle aste e l’invenzione di nuovi format per aste”. Il loro lavoro innovativo è stato utilizzato, in particolare, nell'assegnazione delle frequenze di tlc e hanno risolto diversi problemi, per esempio nell’assegnazione dei campi di esplorazione petroliferi. Per capire significati e implicazioni degli studi premiati quest'anno abbiamo intervistato l'economista Luigino Bruni:

Ascolta l'intervista:

Image

GO TO THE ARCHIVE

Language: ENGLISH

Filter by Categories

Follow us:

Who’s online

We have 438 guests and no members online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

This website uses “technical cookies”, including third parties cookies, which are necessary to optimise your browsing experience. By closing this banner, or by continuing to navigate this site, you are agreeing to our cookies policy. The further information document describes how to deactivate the cookies.