varie news

0

#Edc, Brasile - Un' economia rigenerativa nell'Amazzonia è possibile

Economia rigenerativa. Intervista con l'attivista indigena Myriam Pereira Vasques del popolo Tikuna sull'impatto dello sviluppo della comunità e della leadership per la conservazione dell'Amazzonia.

fonte: edc Brasil

L'agenda per la conservazione dell'Amazzonia ha iniziato a riprendere fiato negli ultimi mesi, con la chiusura delle COP 27 e 15 e del Forum economico mondiale di Davos, tanto atteso dalle comunità ambientaliste, economiche e attiviste di tutto il mondo.

Sottolineando i dibattiti sul cambiamento climatico, l'urgenza di conservare la biodiversità, combattere la deforestazione e di conseguenza ridurre i danni causati dal riscaldamento globale, gli eventi hanno fatto luce su una riflessione necessaria nel panorama internazionale: non è possibile dipendere solo dall'unione tra federazioni e grandi agenti privati, è necessaria un'azione comunitaria scalabile e immediata per garantire che le generazioni future conoscano la grandezza della biodiversità che abbiamo ancora oggi.

È con questa consapevolezza che Myriam Pereira Vasques lavora nel comune di Benjamin Constant, nel gigantesco Stato dell'Amazonas, con il suo piccolo pezzo di terra viva. In una conversazione con Economia di Comunione, Myriam ha raccontato come la partecipazione al Progetto Amazônia Viva l'abbia aiutata a capire che un'economia rigenerativa in Amazzonia è possibile e, soprattutto, necessaria.

AGIRE PER LA VITA

Attualmente studentessa di Ingegneria Agraria con specializzazione in Agroecologia e attivista indigena che lavora per l'ambiente e per le donne indigene, Myriam è nata nell'Alto Rio Solimões e ha imparato fin da piccola dalla sua cultura ancestrale che la terra ha vita e intelligenza e che la sua preservazione e conservazione non solo generano una bella vista della foresta, ma soprattutto sussidi per le nostre vite che continuano a girare.economia regenerativa 02anpecom ant thumbnail

Fin da piccola, ad esempio, sua nonna le ha insegnato che gli alberi comunicano tra loro e oggi la scienza capisce che esiste una connessione tra gli alberi. All'università, quando diceva di avere già questa conoscenza datale dalla nonna, i professori le chiedevano se la nonna fosse una scienziata e lei rispondeva sempre: no, era indigena.

"Ho imparato che il frutto degli alberi con cui parliamo è più dolce. È una conoscenza ancestrale profondamente radicata nel mio popolo e dimostra quanto possiamo insegnare al mondo. Un altro esempio è quello della mia paura dei serpenti. Fin da piccola mia nonna mi ha insegnato a percepire la presenza e l'odore del serpente a circa 50 metri da me, in modo da potermi proteggere senza danneggiare la natura".

Questo insegnamento è stato trasmesso a suo marito, africano e ingegnere industriale, e a suo figlio, che ha solo 4 anni e sente già l'odore del serpente.

Se mantenere la foresta in piedi era già il suo obiettivo fin da bambina, la sfida più grande per Myriam era sapere come farlo: finché non ha trovato il Progetto Amazônia Viva, invitata dalla coordinatrice Maria Clézia Pinto de Santana e raccomandata da Zagaia Amazônia.economia regenerativa 03anpecom ant thumbnail

CONOSCENZA COLLETTIVA

Promosso insieme a collaborazioni legate alle nuove economie, il progetto invita i leader delle comunità, delle imprese e della fede a ripensare gli aspetti socio-ambientali, con momenti di formazione, scambio di conoscenze e visite sul campo. Grazie ad esso, Myriam è diventata una delle prime persone indigene a entrare nell'INPE di San Paolo e nell'INPA di Manaus.economia regenerativa 04anpecom ant thumbnail

Con l'arrivo del progetto, la sua comunità ha avuto l'opportunità di organizzare ulteriormente le associazioni di base che ora sono sempre più preoccupate per l'ambiente e cercano di capire come non distruggere la foresta, ad esempio eliminando il processo di combustione dalla routine rurale.

“Oggi mostro agli agricoltori con cui lavoro l'impatto negativo della combustione che, oltre all'impatto sullo strato di ozono, fa crescere erbacce e parassiti e rende il terreno meno adatto alla semina. E come l'ho scoperto? In pratica, facendo un processo senza bruciare la mia terra e osservando la ricchezza che il mio terreno presentava. Sono nata per questo, nata per essere un'attivista indigena accanto a tanti che fanno la differenza".

Attualmente risiede nella sua terra a Benjamin Constant e lavora con progetti legati alla sensibilizzazione dei giovani, all'emancipazione delle donne indigene e al recupero degli insegnamenti sui valori della fauna e della flora. Inoltre, è lì che dedica il suo tempo e i suoi investimenti per piantare alberi difficili da trovare a causa della deforestazione che devasta principalmente l'Amazzonia.economia regenerativa 05anpecom ant thumbnail

Pensare che tra 10, 20 o 30 anni le prossime generazioni non vedranno la ricchezza naturale della foresta è sinonimo di tristezza, perciò il suo sogno è dimostrare che vale la pena prendersi cura e investire nella terra, e la sua gioia è sapere di non essere sola in questa missione.

IL FUTURO DI UN'ECONOMIA RIGENERATIVA E DELLO SVILUPPO DELLA COMUNITÀ

Grazie ad Amazônia Viva, l'attivista ha conosciuto anche la Fattoria Bacuri, gestita da Hortência Osaqui, una donna che ha portato avanti il sogno del padre: sviluppare la regione con la piantagione di alberi bacuri.

Ancora giovane, Hortência ha perso suo padre ed è stata bombardata da commenti negativi da parte di persone che hanno cercato di toglierle il desiderio di rimanere nella fattoria e di contribuire alla conservazione di quella terra. Ma il suo desiderio parlava più forte e il risultato non poteva essere diverso: oggi sarà la prima donna in Brasile a esportare la polpa di Bacuri fuori dal Paese, oltre a ricevere studenti universitari, ricercatori e stranieri che vogliono conoscere la sua terra.economia regenerativa 06anpecom ant thumbnail

“La fattoria Bacuri è un esempio che la conservazione genera economia e Hortência è un esempio di donna empowered: ha studiato ingegneria agronomica in Brasile e ha deciso di non lavorare per le grandi aziende, è andata a lavorare per se stessa, e dalla sua crescita ha permesso che anche la comunità circostante ricevesse risalto e opportunità."

Dal lavoro che sviluppa, Myriam cerca di salvare la collettività, di riportare in vita la sua cultura Tikuna, di combattere i pregiudizi contro la sua lingua e di dimostrare che non è necessario essere indigeni per rispettare le culture indigene.

"Stiamo costruendo un impatto che andrà a beneficio di tutto il mondo. Credo che questa nuova azione fornirà nuova ispirazione per un cambiamento trasformativo che contribuirà efficacemente a combattere i gravi cambiamenti climatici. Saremo un grande esempio".

Per saperne di più sui risultati del Progetto Amazônia Viva, cliccate qui. E scopri l'impatto di un'economia rigenerativa in mezzo alla foresta.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 211 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.