Image

30 anni di Economia di Comunione

29 maggio 2021, ore 13:00 - 17:00 (CEST)
in diretta da Loppiano (Firenze)

Sono previste traduzioni in
inglese, francese, portoghese, spagnolo.

Image
Image
Image

30 anni di EdC

L’evento del 30° dell’Economia di comunione vuol essere un momento in cui, partendo dalle nostre origini in Brasile nel 1991, ci fermeremo a riflettere insieme su quello che abbiamo vissuto in questi 30 anni  per capire quale strada vogliamo intraprendere per il futuro.

Partendo da  quanto ci ha spesso raccomandato Chiara: “Non dimentichiamoci dei poveri”, primo e fondamentale scopo dell’Economia di Comunione, facendoci forti del la stessa passione che Papa Francesco sta mettendo in questo obiettivo, e a partire dagli  imprenditori che hanno incarnato questo sogno,   metteremo a fuoco il “nostro” modo  di guardare la povertà: non si tratta tanto di combatterla ma di decidere di “toccarla” e “abbracciarla” per comprenderla davvero. Chi ci darà la forza ed il coraggio di farlo se non i giovani ? Sono loro ad essere capaci di profezia, ed è  con loro che vogliamo immaginare i prossimi 30 anni.  “I giovani faranno profezie se i vecchi resteranno capaci di sognare”.

L’evento del 29 maggio 2021 si svolgerà in diretta streaming dalla Cittadella di Loppiano (Firenze, Italia) dalle ore 13.00 alle ore 17:00 CEST e si potrà partecipare da tutto il mondo. Il programma sarà arricchito dalla presenza speciale del Gen Verde. Sono previsti HUB di ascolto locali, dove le condizioni della pandemia lo permetteranno.
L’economia del dare

L’economia del dare

«A differenza dell'economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare. Ciò può sembrare difficile, arduo, eroico. Ma non è così perché l'uomo fatto ad immagine di Dio, che è Amore, trova la propria realizzazione proprio nell'amare, nel dare. Questa esigenza è nel più profondo del suo essere, credente o non credente che egli sia. E proprio in questa constatazione, suffragata dalla nostra esperienza, sta la speranza di una diffusione universale dell'economia di comunione».

Rocca di papa, 10 novembre '91
da "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.31 - maggio 2010
L’economia del dare

L’economia del dare

«A differenza dell'economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare. Ciò può sembrare difficile, arduo, eroico. Ma non è così perché l'uomo fatto ad immagine di Dio, che è Amore, trova la propria realizzazione proprio nell'amare, nel dare. Questa esigenza è nel più profondo del suo essere, credente o non credente che egli sia. E proprio in questa constatazione, suffragata dalla nostra esperienza, sta la speranza di una diffusione universale dell'economia di comunione».

Rocca di papa, 10 novembre '91
da "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.31 - maggio 2010

Pagina 1 di 4

Image

Ricerca gli articoli in archivio

Puoi trovare ulteriori articoli di questa categoria nel nostro Archivio OnLine.

Array
(
    [option] => com_content
    [view] => category
    [layout] => blog
    [id] => 14
    [filter_tag] => Array
        (
            [0] => 309
        )

)
Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 829 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.