Economia di Comunione

Intervista a Luigino Bruni di Gennaro Grimolizzi

pubblicata su eticanews.it il 4/10/2013

Logo Etica news2Luigino Bruni, docente di Economia politica alla Lumsa di Roma, è uno dei principali sostenitori dell’economia di comunione e della finanza con un cuore, oltre che con un cervello. Della finanza che guarda in faccia le persone, che le considera come tali e non semplici numeri dai quali realizzare profitti e speculazioni. Il crack di Lehman Brothers del 2008 è uno degli esempi più significativi della finanza rapace e bulimica alla quale si possono contrapporre nuovi modelli. L’obiettivo non è semplice da raggiungere e può essere centrato prima di tutto se se si fa affidamento su manager onesti. Per questo il professor Bruni si è fatto promotore nella sua università di un’iniziativa unica: il giuramento per i neolaureati in economia. Un modo per solennizzare l’impegno dei futuri operatori economici al rispetto delle regole e delle persone.

Iniziato a Sophia lo scorso week end il corso di formazione per imprenditori promosso da Ucid Emilia-Romagna in collaborazione con Aipec

di Michele Zanzucchi

Pubblicato su Sophia University il 8/10/2020 

Appena terminato il Festival dell’Economia Civile a Firenze, a Palazzo Vecchio, con la partecipazione del presidente Mattarella e del presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte, a Loppiano si è tenuta una giornata di formazione per imprenditori e manager organizzata dall’Ucid (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti) dell’Emilia-Romagna e dallIstituto Universitario Sophia, con la collaborazione dell’Aipec (Associazione Imprenditori per l’Economia di Comunione). Tema conduttore: “Economia Civile ed Economia di Comunione: tra storia, profezia e sfida all’economia del nostro tempo”. 

Due importanti  riconoscimenti al progetto Edc di Turismo sostenibile “Conectando destinos, uniendo personas” 

di Francesca Giglio

Argentina Turismo Sostenibile 01 ridA fine Settembre, mentre rimbalza sul web l’hashtag #Travel, Enjoy, Respect!, diffuso dall’UNWTO, in linea con le ultime azioni con cui le Nazioni Unite si avviano a concludere l’Anno del Turismo Sostenibile per Lo Sviluppo, arrivano 2 bellissime notizie dalla terra Argentina. Narrano e premiano, con sorprendente coincidenza di tempi, una grande storia, un progetto esemplare di come l’attività turistica possa avere un contributo unico e strategico in ambito di sostenibilità sociale, economica ed ambientale.

Ci sono oltre due milioni e mezzo di applicazioni disponibili su PlayStore. Esistono app per la produttività del lavoro, la gestione del denaro, la creazione di contenuti digitali, la socializzazione e anche per la mobilità. Bikelite è una di queste, ma del tutto speciale.

di Lourdes Hercules

Probabilmente sul tuo telefonino usi Waze o Google Maps per spostarti in macchina. Bikelite, anche se funziona in maniera simile, si differenzia da queste in alcuni importanti aspetti. Bikelite, è definita dalla sua creatrice, la cilena Paulina Barria, è un "sistema di mobilità urbana orientato al 100% verso la sicurezza dei ciclisti. A differenza di altre applicazioni, Bikelite utilizza percorsi che garantiscono la sicurezza della persona. Quando non ci sono piste ciclabili, l'alternativa sono corsie in cui le macchine possono andare ad un massimo di 30 km all’ ora". Inoltre, i percorsi sono arricchitidai contenuti forniti dai ciclisti, in modo che le strade possano essere qualificate come sicure o pericolose. 

"Nella cultura EdC non ci sono benefattori e beneficiari, ma piuttosto la ricerca della comunione tra tutti. Nella nostra rete, chi dà il bisogno ha lo stesso valore di chi offre la risorsa"

pubblicato su Anpecom

È da questa prospettiva che l’Anpecom gestisce il Supera - Il Programma di superamento della vulnerabilità economica. Attraverso di essa, con l'aiuto di un censimento annuale, i bisogni delle persone e delle famiglie in condizioni di vulnerabilità economica in tutto il Brasile vengono catalizzati, identificati e monitorati dagli agenti di Supera.

L'importanza di fare "piccole cose con amore" in ogni momento presente, specialmente quando si ha a che fare con situazioni difficili. L'esperienza dell'imprenditore Edc John Mundell

di John Mundell

La nostra azienda si è trovata al lavorare in questo progetto ambientale per una situazione davvero critica: il pozzo di approvvigionamento idrico di una scuola era stato contaminato inconsapevolmente da un rilascio di benzina proveniente da una stazione di servizio vicina. Anche se la scuola testava regolarmente il pozzo inviando i risultati all'agenzia di preposta dallo stato per i controlli, nessuno, inclusa l'agenzia stessa, aveva mai esaminato i risultati. Di conseguenza, i bambini delle scuole elementari avevano bevuto acqua contaminata per oltre tre anni. Quando la contaminazione è stata scoperta, la nostra azienda ha ricevuto la telefonata allarmata di un avvocato il cui cliente era il proprietario della stazione di servizio.

Ci ha lasciati il 17 giugno scorso Mário Massa, vero e proprio motore della diffusione dell'Edc in Portogallo

di José Maria Raposo

Mário Massa, imprenditore dell’EdC del Portogallo, ci ha lasciati il 17 giugno scorso, alle 12:00, ora nella quale ogni giorno siamo soliti fare una preghiera per la pace nel mondo, il “Time Out”. Mário era gravemente malato già da qualche tempo e la sera precedente i familiari hanno potuto salutarlo vivendo insieme un momento di grande comunione e serenità.

Economia civile e di comunione

di Luigino Bruni

pubblicato su Città Nuova n.1/2010

L’economia civile è una tradizione di pensiero che vede il mercato e l’impresa non come il regno dei soli interessi individuali ma come una faccenda di reciprocità e di fraternità. Solo se leggiamo l’economia in questo modo è possibile dire che l’Economia di Comunione (Edc) è veramente economia, e non un’esperienza marginale che imprenditori buoni portano avanti per tappare i buchi dell’economia che conta. È una novità non inquadrabile nello schema dualistico “for-profit” e “non-profit”, tipico della tradizione capitalistica.

Intervista dei docenti dell'Istituto Humanitas Unisinos, Prof. Gilberto Antônio Faggione Prof. Lucas Henrique da Luza Luigino Bruni

pubblicato sul Blog dell'IHU l'11/06/2011

logo_ihuL'Economia di Comunione dice che l'impresa deve cambiare. Non si tratta di occuparsi dei poveri, senza cambiare le strutture economiche, ma di proporre imprese diverse che non hanno il profito come scopo, che includono i poveri, per evitare che ci siano i poveri domani”, spiega l'economista italiano Luigino Bruni. Secondo lui, l'Economia di Comunione “è una proposta più radicale nel cambiamento struturale del sistema economico, attraverso il cambiamento della principale istituzione che è l'impresa”.

 Disponibile qui l'audio originale in italiano:

Ascolta l'intervista

In portoghese, il testo integrale

L’esperienza - La ricetta dell’Economia di comunione in Sudamerica ha creato un futuro per le popolazioni locali in difficoltà

di Antonio Degl' Innocenti

pubblicato su Avvenire il 30/09/2017

N44 pag04 05 Progetti Argentina 2 rid webCollaborazione, valore umano e volontà di unità. È questa la ricetta vincente dell’Economia di Comunione che in Argentina, assieme ad Amu(Azione per un Mondo Unito onlus, Ong di cooperazione internazionale allo sviluppo) hanno creato un futuro per le popolazioni locali del nord-ovest come la Quebrada del Toro. Un’area turistica lontano dalle città dove, in alcune zone, manca addirittura l’energia elettrica. È qui che nel 2010 è iniziato il progetto di Turismo Sostenibile che puntava ad un’autonomia delle popolazioni locali.

Il premio Entrepreneur of the Year Philippines è un progetto della Fondazione SGV Inc., con la partecipazione del Ministero del Commercio e dell’Industria, della fondazione Philippine Business for Social Progress, e della Borsa delle Filippine.

Investire nell’essere un buon vicino di casa

pubblicato su Businessworld il 02/10/2017

EOY Francis Ganzon 100217 ridLa fiducia e l’integrità sono da sempre considerate qualità fondamentali nel settore finanziario. Sono proprio questi i valori che hanno ispirato l’avvocato Francis Ganzon, 67 anni, quando ha rilevato Bangko Kabayan, (all'epoca Ibaan Rural Bank, ndr)  una banca di sviluppo privata la cui missione è accompagnare la crescita di imprese piccole e medie.

Dopo la laurea in Giurisprudenza all’Ateneo de Manila, College of Law e alcuni anni di lavoro come avvocato, Ganzon ha lasciato la carriera legale per contribuire a salvare l’azienda del suocero, la Ibaan Rural Bank, Inc. (IRB). L’IRB si trovava infatti in un momento di crisi e di corsa agli sportelli, perché alcuni dipendenti erano coinvolti in casi di frode. “Mio suocero mi affidò la missione di riconquistare la fiducia della gente e di assicurarmi che ogni cosa fosse fatta secondo le regole”, ricorda Ganzon.

L’economia globale offre opportunità nuove ma anche rischi. Occorre far sì che il mercato diventi luogo di inclusione per tutti...

di Luigino Bruni

editoriale pubblicato su Mondo e Missione n.5/2011

LOGO_Mondo_e_missioneL’economia globalizzata è una macchina potentissima ma fragile e instabile: è questo uno dei messaggi che la crisi che stiamo attraversando ci sta dicendo. In particolare l’economia globalizzata crea enormi opportunità di ricchezza, ma produce anche nuovi costi, tra cui una radicale incertezza dei sistemi finanziari, e squilibri sociali più forti. Spesso le conseguenze delle crisi le pagano settori sociali diversi da quelli che la procurano, e normalmente molto più poveri.

Oggi, 14 marzo 2012 ricorre il 4° anniversario della morte di Chiara Lubich, ideatrice nel 1991 del progetto Economia di Comunione. Per ricordarla riportiamo l’articolo-lettera di Luigino Bruni a lei diretta e pubblicata su Città Nuova, il 25 marzo 2008, inedita per il sito Edc

 di Luigino Bruni

Chiara_Lubich_3_rid_sx"Carissima Chiara, prima di tutto, grazie a nome dei poveri, degli imprenditori, dei lavoratori di tutta l'Economia di Comunione: con la tua intuizione del 1991 hai aperto a tutti noi una via di felicità, di libertà e di giustizia all'interno delle ordinarie faccende economiche.

L'economia è uno degli ambiti nei quali il tuo carisma ha portato più frutti. Gli hai dedicato grande attenzione, tempo, energie, amore. Hai dato vita ad una economia nuova a partire dai poveri, da quei figli tuoi che hai visto nelle favelas di San Paolo, che ti hanno ispirato la comunione come via all'economia, come via normale, per tutti.

Il primo giorno della Conferenza Nazionale della Economia di Comunione è stato caratterizzato da una immersione nelle radici della cultura economica EdC.

di Cibele Lana

Con queste aziende ed altre attività che nasceranno, dobbiamo raccogliere la comunione e distribuirla in modo che nessuno sia povero. Fino a quando non raggiungiamo questo obbietivo, non possiamo riposare”.

777Questa affermazione di Chiara Lubich, pronunciata alla fondazione dell’Economia di Comunione (EdC), oggi, a 28 anni di distanza, costituisce ancora un richiamo per i participanti della Conferenza Nazionale EdC, svoltasi dal 19 al 21 settembre 2019,al Centro Mariapoli Ginetta, in São Paulo, Brasile. Il primo giorno i circa 70 partecipanti sono stati invitati, attraverso video e relazioni, a immergersi nelle radici carismatiche dell’Economia di Comunione.

Nell'ambito degli appuntamenti della "Triangolare della spiritualità", Calciosociale organizza la serata:

Sperare nell'impossibile. Virtù o illusione?

Logo Calciosociale10 gennaio 2018, ore 19.30
Campo dei Miracoli
Via Poggio Verde 455
00148 Roma

Relatore: Luigino Bruni

L'Associazione AIPEC, in occasione del suo 5° anno di vita promuove il suo 1° Convegno Nazionale dal titolo:

Persone e Imprese al servizio del bene comune

171125 Torino Convegno Nazionale AIPEC STD rid mod25 novembre 2017, ore 9.00-18.00
Teatro Grande Valdocco
Via Sassari, 28
10152 Torino

L’evento sarà moderato da Lorena Bianchettigiornalista e conduttrice televisiva Rai e Francesco Antonioli, giornalista de "Il Sole 24 Ore". ​Il convegno è aperto a tutti, ciascuno è invitato a registrarsi sul portale Eventbrite al seguente indirizzo.

L’Economia di Comunione è ormai vicina ai suoi primi venti anni. Un “luogo di resistenza”.

di Luigino Bruni

pubblicato suCittà Nuova n.21/2010 del 10/11/2010
Favelas_San_PaoloA fine maggio 2011 tutto il mondo dell’Economia di Comunione (EdC) si ritroverà a San Paolo per tornare alle radici di questa esperienza e tracciare nuove prospettive. L’EdC è viva e cresce nella storia dell’oggi, nelle crisi e nelle speranze del nostro tempo.

 Nel maggio 1991, la proposta iniziale di Chiara Lubich di dar vita ad imprese e poli produttivi, e poi (maggio 1998) ad un movimento culturale che desse “dignità scientifica” alla prassi delle aziende, non è caduta nel nulla: essa è stata raccolta da migliaia di persone, prevalentemente dentro ma recentemente anche fuori del Movimento dei focolari, persone e istituzioni che stanno cercando di far fruttificare quel seme.

E nata a Trento dalla visione coraggiosa di Chiara Lubich una realtà che abbraccia tutte le religioni e pone al centro le dimensioni dell'accoglienza, della gratuità, dell'attenzione ai poveri

di Luigino Bruni

pubblicato su: pdf La Rivista Popolare n.16 (1.33 MB) , gennaio 2015

Chiara Lubich, fondatrice e presidente del Movimento dei Focolari, ha lanciato all'inizio Chiara Lubich 05degli anni '90 in Brasile il progetto dell'Economia di comunione (EdC),  chiedendo agli imprenditori di occuparsi direttamente della povertà attorno a loro. L'EdC, una realtà che, dopo 23 anni dal suo lancio, oggi coinvolge oltre un migliaio di imprese in molti paesi del mondo, centinaia di migliaia di cittadini, molti progetti di sviluppo, sostiene lo studio di giovani, tutti impegnati in vari modi a vivere e a raccontare un modo di fare economia diverso, incentrato sui principi di reciprocità, gratuità, giustizia. L'esperienza e le idee dell'Economia di comunione sono anche alla base del pensiero del la cosiddetta Economia civile, un arcipelago di idee e di pratiche sempre più vasto e non solo in Italia.

In Brasile, ANPECOM e EdC promuovono e sostengono corsi, formazione, progetti, iniziative, stage ed altre azioni che rafforzano e coinvolgono i giovani nell'Economia di Comunione. Venite a conoscerli!

di Cibele Lana

L'Economia di Comunione è un progetto giovane, di soli 28 anni. Ma è bastato poco tempo perché questa cultura economica piena di intenti trasformasse la vita di molti imprenditori, in Brasile e nel mondo.

Coloro che hanno avuto un ruolo di primo piano in questa storia, e sono stati i primi sostenitori dell'EdC nei suoi primi anni di vita, stanno facendo ogni sforzo per garantire che una nuova generazione si impegni per la loro prosperità. Pertanto, in Brasile promuoviamo e sosteniamo corsi, formazione, progetti, iniziative, stage ed altre azioniche formano e coinvolgono i giovani con l'Economia di Comunione.

Volete conoscere qualcuna di queste iniziative?

Pubblichiamo in anteprima l'introduzione al Rapporto Edc 2011, di imminente pubblicazione

di Luigino Bruni

Bruni_rid_modPresentiamo, con profonda gratitudine – a Dio, a Chiara, agli imprenditori, alle commissioni, e a tutti gli attori dell’EdC – questo “Rapporto EdC 2011”, il resoconto di un anno tra i più difficili per le economie mondiali, per quelle occidentali certamente. E dobbiamo subito constatare la nostra gioia per i risultati di questo anno difficile, che ci hanno stupito: come si vedrà sfogliando le pagine che lo compongono, sono aumentati sia gli utili che le imprese aderenti al nostro grande progetto (lo chiamiamo ancora così, finché non troveremo una parola migliore che più ci soddisfi). Ma è anche aumentata la qualità dei progetti di sviluppo nel mondo, portati avanti in collaborazione sempre più stretta ed efficace con l’AMU, così come è cresciuta la comunione con le persone che hanno ricevuto gli aiuti.

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 626 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.