varie news

0

#edc Brasile - Forum 2022: insieme per un nuovo modo di pensare e fare business

Il 21 e 22 ottobre si è svolto il Forum edc 2022, con l'obiettivo di riunire gruppi di impresari, ricercatori, imprenditori sociali e persone interessate alle nuove economie.

pubblicato sul sito edc Brasil

Dopo quasi tre anni di isolamento sociale - necessario a causa della pandemia del Covid-19 - la rete dell'Economia di Comunione, composta da impresari e imprenditori sociali, ricercatori, partecipanti a progetti e interessati alle nuove economie, si è (ri)incontrata a San Paolo, il 21 e 22 ottobre, per il Forum nazionale dell'Economia di Comunione 2022 con il tema «Un nuovo modo di pensare e fare business: perché siamo comunità». In totale, 180 persone hanno partecipato dal vivo e 1.671 in streaming.

Due giorni dedicati al dialogo, allo scambio di esperienze, a conferenze e workshop volti a riflettere sull'impatto sociale, sulla leadership, sul cambiamento climatico e su un nuovo modo di fare business, incentrato su tutti gli stakeholder, dai dipendenti alla comunità e alla natura che li circonda.

Con la partecipazione di professionisti legati alle Nuove Economie in Brasile e in America Latina, e con racconti concreti di imprenditori e partecipanti dei progetti Edc, il Forum ha recuperato la forza della comunità, della collaborazione e della comunione per la costruzione di un mondo più giusto e rigenerativo.

UNITÀ, SCAMBIO E PRATICA

Tra e dopo le conferenze, impresari e imprenditori sociali, esponenti del mondo accademico e partecipanti a progetti sociali hanno condiviso le loro esperienze nell'ambito dell'Economia di Comunione. È questo il caso di Sidinaldo, meglio conosciuto come Naldo, un contadino e un agricoltore familiare dell'insediamento Flor do Bosque, in Alagoas. Svolge un lavoro collettivo nella comunità in collaborazione con il Programma di superamento delle vulnerabilità economiche dell'Economia di Comunione, SUPERA, e ha rappresentato gli agricoltori della regione al Forum edc 2022. Il suo lavoro è svolto a beneficio della sua comunità ed è sempre finalizzato alla comunione e all'amore per il prossimo. Per dirla con le sue parole: «Una comunità felice è quella che passa dall'io al noi »edc Brasil forum 2022 06 ant 1 thumbnail

Elba da Cruz è un'imprenditrice comunitaria di Bahia, nella comunità di Beiru/Tancredo Neves, a Salvador. Ha conosciuto edc attraverso i circoli di conversazione promossi dal progetto Intersomos e ha seguito il suo percorso di empowerment nel progetto Ancestralidade Negra e Florescimento do EmpreendedorismoÈ stato grazie all'Economia di Comunione che ho capito che posso volare più in alto ogni giorno. Oggi sono una donna nuova».

Jean Santos è pedagogo, educatore musicale, CEO Siga-me ed è a capo del progetto Ancestralidade Negra e Florescimento do Empreendedorismo. Durante il Forum ha annunciato che il progetto si sta muovendo per avere una propria sede e per avviare nuovi programmi. Al fianco di Jean, hanno partecipato a queste due giornate quattro giovani che suonano decine, a volte centinaia, di strumenti, con il supporto dei gruppi musicali sviluppati da Jean nelle parrocchie vicine e nella comunità di Beiru. edc Brasil forum 2022 07 ant 1 thumbnail

edc Brasil forum 2022 08 ant 1 thumbnail

Camila Catelan, Lina Pimentel e Estevam Duarte hanno condiviso le loro conoscenze ed esperienze alla ricerca di un'economia fraterna e di un futuro equo per tutti. Inoltre, il secondo giorno dell'evento, i partecipanti hanno avuto l'opportunità di conoscere il primo polo dell' Economia di Comunione, il Polo Spartaco, a Cotia, gestito da ESPRI.SA.

PERCHÉ SIAMO COMUNITÀ

Tomás De Lara è co-leader e co-fondatore di Città+B - un'iniziativa globale del movimento delle Imprese B - e consulente del Sistema B Brasil. Su invito dell' edc, ha delineato una panoramica del tema centrale dell'evento, che comprendeva una visione a 360º della presenza della comunione in tutti gli aspetti della vita umana, dell'ecologia e dell'universo.

«Siamo tutti insieme, siamo un'unica vita che accade, che interagisce, in profonda collaborazione».

In questo modo, Tomás ci ha mostrato l'effetto di guardare al pianeta come a un'unità di comunione. Una comunione che esiste innanzitutto sulla terra e che si estende alla vita sociale e all'economia che deve essere praticata nel presente. edc Brasil forum 2022 01 ant 1 thumbnail

Il pannel intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), presentato da Tomás, ha mostrato la traiettoria storica del riscaldamento globale. Secondo i dati, le proiezioni indicano un riscaldamento di 2,4°C entro il 2030 e non degli 1,5°C previsti. Un numero preoccupante e causato dagli atteggiamenti dell'attuale sistema economico che mira esclusivamente al profitto. «È una tragedia per la natura e per la crisi climatica», spiega. 

Tomás ha aggiunto che il nostro problema è che l'attuale modello economico si basa su un modello infinito, ma il nostro pianeta è finito. Abbiamo un'economia lineare, anziché circolare. Da qui l'impatto della costruzione di un'economia basata sulla comunione, che vede l'obbligo di tracciare i cambiamenti aziendali nel presente, in modo da avere in futuro risorse disponibili in vista del bene comune e della permanenza del sistema di rigenerazione della vita e della società.

«La sfida è molto grande e ci fa pensare alla collaborazione e alla comunione come mai prima d'ora, ed è per questo che il momento che stiamo vivendo è così importante». 

UN NUOVO MODO DI PENSARE E DI COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE

Con una vasta esperienza nel sostegno agli imprenditori sociali e nel campo delle organizzazioni della società civile (ONG), Celia Cruz è direttrice esecutiva dell'Istituto per la cittadinanza imprenditoriale (ICE) dal 2012 e una presenza centrale in Brasile nella costruzione di quello che chiamiamo l'Ecosistema delle Nuove Economie. Oggi si definisce una "ex-conomista", in quanto si è lasciata alle spalle molti percorsi e ha invece guardato ad altre innovazioni sociali in corso.edc Brasil forum 2022 03 ant 1 thumbnail

«Ho lavorato con la raccolta fondi nelle ONG [...] e ho avuto il privilegio di partecipare al movimento che stava creando il primo corso di gestione per le ONG in Brasile nel 1995. Quindi, anche se le ONG esistono da oltre 500 anni in questo Paese, la gestione professionalizzata e la formazione di persone che lavorano nel terzo settore sono recenti» dice ricordando il suo percorso nella costruzione di nuovi modi di pensare e di costruire un mondo migliore.

Cofondatrice e presidente del consiglio di amministrazione di Artemísia, un'organizzazione pionieristica nell'ecosistema delle Nuove Economie, dove è attiva dal 2007, Maure Pessanha è una pioniera dell'agenda del Social Business e dell'Impact Business in Brasile. Il suo sogno di gioventù era quello di aprire una scuola di pedagogia democratica e ha deciso di studiare Economia Aziendale per aiutarla in questo processo. Tuttavia, ha iniziato ad apprezzare il corso solo quando un insegnante le ha fatto conoscere il concetto di Terzo Settore negli anni 2000.

«E ho detto: wow, questo è ciò con cui voglio lavorare. Non sapevo che fosse possibile lavorare ed essere pagati. Avevo ancora una visione molto embrionale. Pensavo che le ONG non fossero remunerate, ma che si trattasse solo di lavoro volontario. […] E ho iniziato a impegnarmi con l'economia solidale».

L'economia solidale è stata la porta d'accesso di Maure al mondo che avrebbe esplorato così intensamente. In seguito è entrata a far parte di Ashoka, un'organizzazione no-profit fondata in India quasi quattro decenni fa, dove ha incontrato difficoltà nel remunerare equamente i partecipanti ai progetti.

«Stavamo sostenendo una ONG che lavorava con i giovani, ma avevano un workshop per le madri dei giovani, perché volevano aiutare le madri a generare reddito. Hanno realizzato delle borsette e stavamo cercando di aiutarle a realizzare il piano di business per questo laboratorio di borsette per le madri, quando abbiamo iniziato a porci domande del tipo: come remunereremo queste donne, è in base alla produttività? Lo dice il mondo dell'amministrazione. Ma c'era una donna che produceva molto meno delle altre e sapevamo che soffriva di violenza domestica, quindi come posso pagarla meno perché la sua produttività è inferiore? Ma forse è proprio lei che ha più bisogno di questo lavoro, che ha più bisogno di una remunerazione e di un'emancipazione economica per uscire da questa situazione».

Nello stesso periodo, Ashoka sostenne un'iniziativa di indigeni che producevano cesti per grandi negozi e misuravano le loro dimensioni non in base ai centimetri o ai metri, ma alle dimensioni delle mani e delle braccia. E sono stati questi esempi a farle capire che voleva lavorare per creare moduli aziendali con una nuova logica.

PARLIAMO DI LEADERSHIP

Siamo tutti leader. Marcel Fukayama è stato selezionato nel 2014 per entrare a far parte della lista di Forbes dei "30 under 30", giovani sotto i 30 anni che si sono distinti nei loro settori. Cofondatore del Sistema B Brasile, è stato direttore esecutivo del Sistema B Internazionale e, oggi, è uno dei leader globali che cercano di ridefinire il successo dell'economia.

«Non è possibile parlare di leadership se non si parla di cultura e nemmeno di struttura. […] E un principio di leadership che ha guidato questo altro mondo possibile è il tipo di leadership in cui credo, ovvero il tipo di leadership di servizio, che è al servizio di qualcosa, al servizio di uno scopo più grande».

Per un decennio lui e il suo socio hanno avuto una società B certificata che è stata pioniera nel settore dell'investimento a impatto del crowdfunding. Oggi è costituita da una rete di oltre 750 investitori che hanno mobilitato oltre 4 milioni di euro per l'investimento d'impatto.

edc Brasil forum 2022 02 ant 1 thumbnailSecondo Marcel, una leadership deve comprendere il rischio politico di ciò che fa e per questo ogni leadership è un agente politico. Secondo lui, agire nel cambiamento sistemico è, per sua stessa natura, un atto politico. «Stiamo vivendo l'opportunità di lavorare con il settore pubblico, con il settore imprenditoriale, con la società civile organizzata, per una nuova economia. Come lavora l'edc, un'economia fraterna, rigenerativa ed equa. Come nel Sistema B che vediamo, un'economia inclusiva, equa e rigenerativa».

Fukayama ha anche elencato il profilo di leadership di coloro che cercano di agire attraverso un'altra logica nel sistema economico: avere una visione sistemica; avere una vocazione pubblica, politica e globale; avere la capacità di mobilitare risorse; avere la capacità di eseguire; saper innovare; saper gestire i conflitti; oltre ad avere fibra etica e integrità.

«E ciò che questi leader devono fare è lavorare molto in rete, una rete con uno scopo chiaro e definito, che creerà le cosiddette comunità di pratica. Sono queste pratiche che influenzeranno il cambiamento sistemico».

PER FINIRE

Sono stati giorni di molti scambi e di molte diversità, nei discorsi e nella vita. Ma non c'è bisogno di aspettare il prossimo Forum edc, basta seguire il nostro sito web e le nostre reti sociali per ascoltare storie come quella di Elba o di Marcel, e conoscere la cultura e i valori dell'Economia di Comunione. Vedi la registrazione del Forum.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 368 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.