MSA

0

Abele e l'economia circolare

Cosa manca ancora a una economia circolare perché sia anche «civile» e magari di «comunione»?

di Luigino Bruni

pubblicato su Il messaggero di Sant'Antonio il 10/05/2021

«Economia circolare» sembra la parola d’ordine della nuova economia Green e sostenibile. Non possiamo certo negare che la circolarità nell’uso delle risorse sia una importante conquista della nostra civiltà, e che la filiera interna di ogni organizzazione deve pensarsi sempre più a impatto prossimo e tendente a zero. Tutto questo è ormai così evidente che non occorre aggiungere molto altro alle tante pagine che si sono scritte, a tutti i livelli, incluso il Next Generation EU Fund, tutto costruito attorno a questa nuova filosofia economica.

Invece può essere utile riflettere su che cosa manca ancora a una economia circolare perché sia anche «civile» e magari di «comunione». Innanzitutto l’etica non è solo una questione ambientale; deve essere ambientale, ma deve essere anche altro. È stato emblematico che il governo italiano, appena varato il nuovo ministero per la Transizione energetica, abbia approvato un condono fiscale sulle cartelle esattoriali.

E sarebbe molto importante che i governi mettessero lo stesso impegno che mettono nel combattere la C02 anche per combattere la «C02 della diseguaglianza», come hanno detto i giovani della Economy of Francesco; mettessero la stessa energia per eliminare lo scandalo dei paradisi fiscali, che è la più grande evasione fiscale legale del capitalismo; e che, con la stessa forza, chiedessero a quelle imprese e banche multinazionali che hanno guadagnato, e molto, dalla pandemia di restituire parte di questi extra-profitti, magari per pagare i vaccini dei Paesi più poveri.

Inoltre, ormai da diversi anni si sta verificando una sorta di effetto crowding-out (spiazzamento) delle dimensioni green rispetto alle altre. Tutto il mondo della cooperazione internazionale con i Paesi in via di sviluppo, le cooperative sociali, le organizzazioni nate per occuparsi degli esclusi e delle varie forme di povertà, stanno conoscendo una progressiva riduzione di risorse che si stanno destinando ai programmi di sostenibilità ambientale. Come se i «poveri e basta» fossero scomparsi dalla Terra, o come se occuparsi di ambiente significasse automaticamente occuparsi di alleviamento della miseria. Uno dei grandi temi della Laudato si’ è l’unicità del grido della Terra e del grido dei poveri; ma la nuova ondata di economia circolare rischia fortemente di dimenticare questo secondo grido, assorbito dal primo.

Una economia circolare è anche civile e di comunione se mentre fa di tutto per recuperare gli scarti nelle risorse fa altrettanto, e magari di più, per recuperare anche gli «scarti umani», o per ridurre la disoccupazione. E invece sono già molte le imprese circolari che non mostrano nessun interesse né per la povertà né per l’equità salariale, e neanche per la creazione di posti di lavoro. Nei nuovi bilanci ambientali possiamo trovare contabilità meravigliose sul piano circolare che però licenziano migliaia di lavoratori per massimizzare i profitti. I profitti: nessuno parla nei manuali di economia circolare della destinazione dei profitti che nascono dal rispetto dell’ambiente.

L’ecologia integrale include anche l’uso dei profitti, le tasse pagate e non pagate, il benessere dei lavoratori e la creazione di lavoro. Una economia civile e di comunione richiede la capacità di chiamare fratello e sorella l’uomo e la donna, non solo la Terra. L’umanesimo biblico e cristiano sa che quell’uomo (Adam), nato dalla terra (adamah), è chiamato a prendersi cura (shamar) della creazione ma anche del fratello: non possiamo continuare a imitare l’Adam nella custodia della Terra e Caino nella non-custodia (shomer) di suo fratello. 

Credits Foto: © Giuliano Dinon / Archivio MSA

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 587 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.