Libri in Italiano

François Neveux, imprenditore economicamente scorretto

L Utopia in azioneIsaline Bourgenot Dutru

Citta Nuova Editrice, Roma,  marzo 2010
Collana:Vite vissute
ISBN:8831160834
Pagine:216
Fuori catalogo - Non ordinabile

Imprenditore con una straordinaria capacità inventiva - tanto da aver depositato ben trentacinque brevetti -, François Neveux (1936-2006) ha vissuto fin dall'esordio la sua attività lavorativa con una non comune attenzione alle relazioni interpersonali. Venuto a conoscenza del progetto dell'Economia di Comunione - promosso da Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari -, si trasferisce in Brasile dove mette a disposizione per lo sviluppo di questo progetto il talento e l'esperienza professionali e il suo denaro. Attraverso il racconto di quanti lo hanno conosciuto, l'Autrice ne ripercorre l'avventura professionale e umana.

La_crisi_economicaBaggio Antonio Maria, Bruni Luigino, Coda Piero

La crisi economica - appello a una nuova responsabilità

Città Nuova, Roma, 2009
Collana UNIVERSITAS
pp. 96, € 6,00

Città Nuova Editrice

La crisi che stiamo vivendo non è soltanto economica o finanziaria. Investe il modello di sviluppo che abbiamo seguito negli ultimi due secoli, spingendoci ad una nuova e radicale riflessione sul capitalismo. Da diversi ambiti disciplinari – economico, politico e teologico – gli Autori tracciano un percorso di lettura delle ragioni profonde della crisi. Pur riconoscendo la bontà dei valori del mercato, nei loro contributi individuano nel superamento della cultura economica fondata sulla centralità dell’individuo e del profitto al di fuori delle regole, e nel ritorno in economia dell’etica e dei valori di gratuità e reciprocità la via d’uscita dalla situazione attuale.

Come affrontare le crisi nelle Organizzazioni a Movente Ideale

La distruzione creatriceLuigino Bruni

Città Nuova, Roma, 2015
Collana "I Prismi - I Semi"

Acquista su Città nuova

Vedi prefazione di Marco Tarquinio
Vedi stralci di introduzione di Luigino Bruni

Il coraggio e la forza per sconfiggere dinamiche e prassi che in passato sono state decisive per la crescita e che ora possono essere diventate un limite. Le organizzazioni e le comunità non sono tutte uguali. Alcune vengono alla luce per raggiungere gli scopi specifici dei loro promotori. Altre, invece, le cosiddette organizzazioni a movente ideale (OMI), nascono attorno a degli ideali, quasi sempre dall’azione di persone portatrici di doni o carismi, e prendono forme non previste e spesso non volute dai loro fondatori.

La "distruzione creatrice" è il libro del mese di dicembre della casa editrice Città Nuova

pubblicato su Città Nuova il 7/12/2015

La distruzione creatrice 250Quando a fine 2014 nacque l’idea di proporre nelle pagine che «Avvenire» attribuisce alle “idee” una serie di articoli sulla grande crisi, quella serie che poi avrem­mo deciso di dedicare a «La grande transizione», crede­vo di avere piuttosto chiaro che cosa c’era nella testa e nell’animo di Luigino Bruni. Ed ero ovviamente certo di aver capito tutto l’essenziale di che cosa ne sarebbe venuto fuori: quale itinerario dentro il nostro tempo e il nostro operare insieme, quale messaggio in chiave di umanizzazione dell’economia, quale scomoda presa d’atto di una realtà da (ri)convertire, cioè – pensate un po’ – da rivoluzionare per amore e d’amore.

Note a margine del nostro capitalismo

La felicita e troppo poco 450Luigino Bruni

Pacini Editore, Firenze, 2017
Collana: Tracciati
Acquista su Pacini Editore

“La felicità è troppo poco” può essere considerato una serie di note a piè di pagina al “libro” che sta scrivendo il capitalismo del nostro tempo. Note tratte da un ampio lavoro di riflessione qui offerto con uno stile accessibile a un vasto pubblico e rivolte in particolare a chi vuole approfondire il processo di evoluzione e i radicali cambiamenti subiti dalla nostra società, oggi profondamente diversa rispetto a quella capitalista del XX secolo.

la_ferita_dell_altro.jpgBruni, Luigino

La ferita dell'altro

Economia e relazioni umane

Il Margine, Trento 2007
Il mercato può diventare luogo di vero incontro con l'altro purché si apra alla gratuità, purché non fugga dalla ferita dell'altro.

A 10 anni dalla sua prima uscita per  Il Margine, una nuova  edizione del libro che ha messo insieme  “ferite” e “benedizioni”: abbiamo intervistato l’autore

La ferita dellaltro new edition rid 250Luigino Bruni, perché una nuova edizione de "La ferita dell’altro"?

Per motivi soggettivi e oggettivi: dal punto di vista soggettivo, è un libro a cui sono molto affezionato perché rappresenta un  momento di svolta nella mia attività di studioso (è stato il primo dialogo fra economia e Bibbia). Oltre a questo, il libro ha generato l’Ethos del mercato e poi Il mercato e il dono dove ho continuato il discorso sui  fondamenti religiosi del capitalismo del nostro tempo. Dal punto di vista oggettivo poi  il libro, già ristampato negli anni 6 volte, era nuovamente esaurito: con Il Margine abbiamo deciso di ristamparlo ancora ma in una edizione rivista. 

Dieci parole per un'economia umana

La foresta e l albero 416Luigino Bruni

Vita e Pensiero,
collana Punti
Milano, Aprile 2016
ISBN     9788834331514
acquista su Vita e Pensiero

Merito, efficienza, competizione, leadership, innovazione… Sono parole che appartengono al lessico economico, ma che hanno ormai valicato i confini del mondo del lavoro e della produzione per occupare tutti gli ambiti della vita.

Un’introduzione alla teoria economica delle Organizzazioni a Movente Ideale

La leggerezza del ferro newLuigino Bruni, Alessandra Smerilli

Vita e Pensiero, Milano, 2010
ISBN: 9788834318720
Acquista su Vita e Pensiero

L’economia, e con essa la società, sta attraversando una fase di cambiamento epocale. Le imprese e i mercati attuali si allontanano sempre più dal modello con il quale li abbiamo immaginati, vissuti e descritti solo fino a pochi decenni fa. In particolare, ai fini del successo delle imprese, diminuisce il peso relativo dei capitali tecnologici e finanziari e aumenta quello delle persone, del capitale sociale, civile e motivazionale e quello dei beni relazionali.

Economia Civile e Political Economy a confronto

La pubblica felicitàLuigino Bruni

Vita e Pensiero,
Collana Transizioni, 60
Milano, novembre 2018
ISBN: 9788834333624
acquista su Vita e Pensiero

Profonde sono le differenze economiche e culturali tra il Nord e il Sud dell'Europa. Le loro radici risalgono a cinque secoli fa, cioè al conflitto tra la riforma protestante e la successiva contro-riforma cattolica: Lutero, Calvino e i riformatori diedero vita a una spiritualità basata sull'etica del lavoro da cui qualche secolo dopo nacque il capitalismo moderno e il liberismo anglosassone. Il sud, cattolico e più comunitario, proseguì la sua traiettoria, che sfociò nel Settecento nell'Economia civile napoletana, italiana e latina.

Un nuovo modo di fare impresa fra fraternità e reciprocità

La sfida dellEconomia di Comunione 499Franco Biancofiore

Tau Editrice, Todi (PG), 2012

Acquista su Tau Editrice

Gratuità e dono, mediante l’Economia di Comunione (EdC) che affonda le radici nell’economia civile, trovano posto, come espressione della fraternità, anche nel mercato e nei normali rapporti della vita economica e sociale. L’EdC propone di attuare un nuovo modello di sviluppo con la spinta a costruire autentici rapporti di comunione. Così il profitto, non fine a se stesso, entra nell’ottica di un investimento per generare ulteriore sviluppo e superare situazioni di disagio.

Una rilettura del libro di Giobbe

La sventura di un uomo giusto 450Luigino Bruni

Dehoniane,
Collana P6 - Lapislazzuli
Bologna, novembre 2016
EAN: 9788810558713
acquista su Dehoniane

Una persona giusta, integra e retta viene colpita, nel pieno della felicità e senza alcuna spiegazione, da una grande sventura.

Il filo rosso che attraversa il libro di Giobbe ci ricorda che la vita è molto più complessa delle nostre convinzioni meritocratiche e ci invita ad abbandonare una visione «retributiva» della fede – centrale anche nell’etica del capitalismo – portata a considerare la ricchezza e la felicità come premi per una vita fedele.

Le aziende delleconomia di comunione newMission, governance e accountability

Maria Gabriella Baldarelli ed. 

Città Nuova, Roma, 2011
Collana Idee - Economia
ISBN: 9788831101677

Acquista su Città Nuova

Da un’intuizione carismatica una nuova visione economica. A che punto siamo?

L’Economia di comunione, progetto nato in Brasile nel 1991 da Chiara Lubich, è espressione di un agire economico che coniuga le regole dell’impresa con i valori della comunione. Oggi coinvolge più circa 800  imprese in tutto il mondo ed è oggetto di studio da parte di economisti, sociologi, filosofi.

Il volume, curato da Maria Gabriella Baldarelli, ne ripercorre l’origine e gli sviluppi e analizza la realtà delle aggregazioni aziendali. Tali aggregazioni, definite «Poli industriali», stanno contribuendo allo sviluppo dei luoghi in cui hanno sede, diventando veri propulsori di crescita, oltre che economica, anche umana e culturale.

Aziende_eticamente_orientateMaria Gabriella Baldarelli

Le aziende eticamente orientate

Mission, Governance e Accountability

Editore Clueb, Bologna, 2005
Editore Clueb

Ci inseriamo nel dibattito, per affrontare più approfonditamente il contributo dell'etica all'economia aziendale, in un approccio che non può soltanto essere positivo, ma sviluppando una prospettiva, anche di carattere normativo, relativa agli orientamenti da fornire alla "mission", in relazione alle modalità, che devono essere attuate nella gestione aziendale e la coerenza, che deve essere mantenuta, nella rendicontazione esterna e nel controllo interno aziendale.

Le Donne nascoste nella Bibbia 500Luigino Bruni

AnimaMundi Edizioni, Otranto, 2020
ISBN: 9791280008145
Acquista su Anima Mundi

"La Bibbia e i Vangeli sono popolati di donne che camminano, si spostano, e quasi sempre di fretta.[...] Camminano e corrono; amano con le mani e con i piedi, che conoscono perchè se ne prendono cura. [...] La fede e la pietà proseguono la loro corsa nel mondo perchè uomini e donne continuano a correre lungo la via. E, in questa comune corsa, i piedi delle donne corrono diversamentee di più."
Luigino Bruni

Se la Bibbia, in quanto Libro per antonomasia, é Scrittura esemplare, Parola creatrice e Racconto fondativo, Luigino Bruni parte da tale assunto per ribaltarne l’usuale punto di vista.

Mercato, denaro e relazioni umane nel libro della Genesi

Le imprese del patriarca 450Luigino Bruni

Dehoniane, Bologna, maggio 2015
Collana P6 - Lapislazzuli

Acquista su Dehoniane

Finalmente raccolti in volume le riflessioni sulla Genesi della serie "L'albero della vita".

Il primo angelo della Bibbia viene inviato a consolare una serva, Agar, cacciata dalla sua padrona. La prima volta che compare la parola «mercato» è quando Abramo compra dagli Ittiti una tomba per la moglie Sara. Il «profitto» fa il suo esordio nell’episodio in cui Giuseppe viene venduto dai fratelli.

Un economista legge il libro dell’Esodo.

Le levatrici dEgitto 450Luigino Bruni

Dehoniane, Bologna, ottobre 2015
Collana P6 - Lapislazzuli
Prefazione di Giovanni Casoli

Acquista su Dehoniane

Raccolti in volume le riflessioni sull'Esodo della serie "Le levatrici d'Egitto".

Il libro dell’Esodo si apre sotto il segno delle donne che salvano la vita. La madre di Mosè disobbedisce all’ordine di gettare il figlio nel Nilo, lo nasconde e, quando non può più tenerlo nascosto, costruisce un cesto di papiro, ve lo pone dentro e lo affida alle acque del fiume. Un’altra donna, la figlia del faraone, trova il cesto che galleggia sull’acqua e quando vede che contiene un bambino ne ha compassione.

Nell'era dei beni comuni

Le nuove virtù del mercato newLuigino Bruni

Città Nuova, Roma, marzo 2012
Collana Idee - Economia

Leggi alcuni brani dell'introduzione
Acquista su: Città Nuova

Un saggio che vuole esplorare le grandi parole dell’economia e del mercato (e quindi della vita), partendo dall’originale prospettiva del dialogo: per capire l’economia di oggi, incluse le sue gravi crisi che ci stanno attraversando, occorre lasciarla parlare e saperla ascoltare, e occorre farle le domande giuste; domande difficili, generose, non banali.

La via italiana alla cooperazione ed al mercato

Le prime radici 450Luigino Bruni

Il Margine, Trento, novembre 2012
Collana "ORIZZONTI"

Acquista su Il Margine

Il capitalismo ha fallito e rischia di far fallire gli Stati, il comunismo è morto o quasi. E la terza via non sta mica tanto bene. L’alternativa? Secondo l’economista e storico Luigino Bruni c’è già ed è stata sperimentata. È l’economia civile, una tradizione che affonda le sue radici nel medioevo, da cui ha preso origine – è questa la tesi più innovativa del libro – anche il movimento cooperativo italiano. Luigino Bruni ci mostra dunque una storia del movimento cooperativo molto più ricca, plurale e antica di quanto gli studiosi della cooperazione ci abbiano finora raccontato, una storia che può essere ancora capace di futuro.

Le_prime_radici_riddi Stefano Zamagni

La via italiana alla cooperazione è un saggio intrigante e illuminante al tempo stesso. Intrigante, perché obbliga il lettore a liberarsi di certi luoghi comuni intorno alle caratteristiche peculiari della cooperazione italiana un movimento che è tram i più robusti e avanzato del mondo occidentale.

Illuminante, perché Bruni convincentemente spiega che il fondamento teorico-culturale della nostra cooperazione va cercato nell’economia civile. Il punto non è di poco conto. 

Follow us:

Who’s online

We have 327 guests and no members online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

This website uses “technical cookies”, including third parties cookies, which are necessary to optimise your browsing experience. By closing this banner, or by continuing to navigate this site, you are agreeing to our cookies policy. The further information document describes how to deactivate the cookies.