The Economy of Francesco

0

#EoF - A La Verna, conclusa la Summer School con 80 giovani da 32 paesi

Si è conclusa venerdì 23 giugno la seconda edizione della International Summer School promossa da The Economy of Francesco. Per una settimana, il Santuario Francescano della Verna ha ospitato i lavori della scuola dal titolo:

Spiritual, social, and narrative capitals: going beyond capitalism.

È stato proprio Papa Francesco a sottolineare l’urgenza di questo tema, quando nel settembre 2022, in occasione dell’incontro globale con più di mille giovani economisti, imprenditori e changemaker di tutto il mondo ad Assisi, ha ricordato che «il primo capitale di ogni società è il capitale spirituale, perché è quello che ci dà le ragioni per alzarci ogni giorno e andare al lavoro, e genera quella gioia di vivere necessaria anche all’economia».

Un’esperienza di formazione e studio rivolta a giovani studenti, dottorandi, post-doc, ricercatori ma anche230618 23 EoF SS La Verna 05 rid 500 imprenditori e changemakers, in una cornice suggestiva qual è il santuario della Verna, avvolto da una monumentale foresta e che custodisce numerosi tesori di spiritualità, arte, cultura e storia. Uno dei romitori nei quali si narra che il Poverello di Assisi amava passare lunghi periodi di ritiro e che racchiude molti messaggi spirituali di bellezza, ricerca, pace. 

La partecipazione di 80 giovani da oltre 32 paesi di tutto il mondo dimostra che The Economy of Francesco è una realtà viva e dinamica soprattutto sul piano delle idee. I partecipanti alla Summer School sono, infatti, soprattutto giovani impegnati nella ricerca accademica, che hanno un forte sguardo critico sul capitalismo: uno sguardo non ideologico e generico perché nasce da persone che lavorano in ambiti concreti quali povertà, sviluppo, ambiente, ecologia. Pertanto essi propongono un cambiamento a partire da aspetti critici, concreti e puntuali. Ascoltando le riflessioni, le discussioni e gli studi dei partecipanti alla School emerge chiaramente una nuova critica al capitalismo post-ideologica e concretamente legata ai grandi temi che oggi sono prioritari per i giovani: le ingiustizie, le disuguaglianze, le povertà, l’ambiente. 

230618 23 EoF SS La Verna 02 rid 400«L’edizione di quest’anno è stata dedicata al tema della narrazione e quindi del capitale spirituale come risorsa essenziale prima di tutto per i giovani che sono i primi ad essere consapevoli della incapacità di trasmettere oggi la ricchezza spirituale ereditata dai genitori (e dalle generazioni precedenti) ad altri giovani, coetanei e colleghi, perché  – sottolineano i docenti e coordinatori della School – si è come spezzato il collegamento tra duemila anni di storia, di valori, di categorie e la capacità di farsi capire. La narrazione e il capitale narrativo e spirituale – continuano i coordinatori, evidenziando il grande coinvolgimento dei partecipanti ai lavori della scuola – sono aspetti vitali per i giovani, non una mera faccenda astratta. Come raccontare al mondo di oggi (e di domani) i grandi messaggi delle religioni, degli ideali, dell’etica delle virtù in una lingua viva sarà una delle grandi sfide dei prossimi anni». 

Anche il Vescovo di Assisi Mons. Domenico Sorrentino ha partecipato alla Summer School e durante la sua visita a 230618 23 EoF SS La Verna 03 rid 400La Verna ha ricordato che “San Francesco riconobbe il mondo per quello che è: lo riconobbe come un dono, e il suo pensiero, il suo modo di agire fu tutto impostato sull’idea della gratitudine e del dono. Un’economia che si vuole rinnovare deve fare i conti con questi concetti fondamentali, così come deve imparare la logica della relazione – e aggiunge – se questi concetti sono autentici, anche l’economia che ne deriverà sarà autentica.”

Fra i partecipanti alla School, Ivanna, ucraina, classe 1995, laureata in teologia. Dopo un periodo di studi in Italia, quando scoppia la guerra, Ivanna torna a casa per lavorare con Caritas Ucraina al servizio delle persone più bisognose, con il sogno di iniziare dopo la fine della guerra il suo dottorato di ricerca in economia civile. Erika invece arriva dalla regione settentrionale del Chiapas, nel sud-est messicano. È un ingegnere aziendale, lavora con le comunità indigene e sta studiando un master in economia sociale e solidale. Erika crede nell’Economia di Francesco: un’economia giusta, equa e in armonia con la nostra casa comune. Alla Summer School anche Emanuele, laureato in economia alla Bocconi, oggi è assistente di ricerca alla Harvard Business School di Boston, dove si occupa di econometria, flussi migratori e finanza.

Lezioni, lavori di gruppo, presentazioni di progetti, workshop ma anche tempo e spazio per pensare, camminare, ascoltare, fare silenzio. Diverse le riflessioni e attività proposte ai giovani, tra cui un workshop di scrittura diaristica per aiutare i partecipanti a riflettere sul potere della parola nell’influenzare scelte e decisioni anche economiche e sociali e a ri-scoprire la complessità del linguaggio nonché gli strumenti per analizzare i testi e scoprirne le potenzialità.

230618 23 EoF SS La Verna 04 rid 800

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 657 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.