Best Practices

...dalla vita delle imprese

...dalla vita delle imprese

best practices

0

Brasile: Sistema B, un modello aziendale con cui fare sinergie

Sistema B: un movimento globale che mira a creare un sistema economico inclusivo, equo e rigenerativo per le persone e il Pianeta. A partire da ciascuno di noi.

pubblicato sul sito UWP il 19/10/2021

Dal 9 al 12 ottobre, si è tenuto in Brasile il secondo congresso sulla “Co-governance”, dal titolo “Co-governance come processo di costruzione della fraternità in politica a partire dalle città”. Durante il quale abbiamo conosciuto numerose esperienze di governo partecipativo per la costruzione delle politiche pubbliche, provenienti da ogni parte del mondo.

Anche il Sistema B Brasile (dove “b” sta per benefit, beneficio), che è stato presentato da Marcel Fukayama, giovane brasiliano, co-fondatore dello stesso e direttore esecutivo del Sistema B Internazionale.

sistemaB 02 bestpracticesedc thumbnailNoi lavoriamo per un sistema economico che sia inclusivo, equo e rigenerativo, per tutte le persone e per il nostro pianeta” ha spiegato Marcel.

Che senso ha un’economia che cresce finanziariamente – si chiedono gli attivisti di Sistema B – ma che per sua natura genera disuguaglianze crescenti, prosciuga le risorse naturali del nostro pianeta, rafforza l’individualismo ed esclude migliaia di persone? 

Nato negli Stati uniti nel 2006, allineato con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, il Sistema B risponde con una comunità di aziende impegnate per il bene comune e che promuovono un’economia che abbia un impatto positivo sul mondo, le persone, le società e la Terra, sia a livello sociale che ambientale. 

Viviamo un grande cambiamento nella cultura globale e storica – afferma Marcel Fukayama – e abbiamo l’opportunità di usare il potere del mercato per risolvere complessi problemi sociali e ambientali, e per costruire una nuova economia”.

Così, uno degli obiettivi del sistema B è quello di ridefinire il concetto di “successo economico”. Nel pensiero classico, il successo economico è sinonimo di profitto, prosperità e ricchezza. Secondo il Sistema B, il profitto non dovrebbe più essere solo il fine, ma dovrebbe diventare un mezzo per generare un impatto ambientale e sociale positivo. La prosperità di un’impresa dovrebbe essere valutata insieme alla conservazione dell’ambiente e ai benefici apportati alla società.

Ridefinire il concetto di successo nell’economia, – aggiunge Fukayama – significa che il successo può e dev’essere misurato oltre l’aspetto finanziario, e considerare il benessere delle persone, della società e del nostro pianeta.

Ma per far sì che più aziende, persone e istituzioni si impegnino ad aumentare il loro impatto sociale e ambientale positivo, secondo il Sistema B, c’è bisogno di collegare il settore pubblico e quello privato, di promuovere politiche pubbliche che coinvolgano le persone che credono nella possibilità di questo cambiamento economico. sistemaB 03 bestpracticesedc thumbnail

Marcel Fukayama spiega che ci sono diversi modi in cui un governo potrebbe sostenere quelle aziende che scelgono Sistema B, a partire dalle sue leggi.

“Dobbiamo cambiare le leggi, le norme, le politiche. Oggi abbiamo più di 50 paesi in tutto il mondo – USA, Italia, Canada, Ecuador, Perù, Colombia, Uruguay, Brasile, Argentina e Cile – che introducono nei loro parlamenti, congressi, la proposta di approvare la legislazione per le Benefits Corporations – Società Benefit (Italia) – società di beneficio e interesse collettivo. Nei paesi che hanno già introdotto questa legge ci sono più di 10 mila aziende che hanno adottato questo nuovo stato giuridico, rafforzando il rendimento delle aziende con scopo, responsabilità e trasparenza”.

E che ruolo hanno i semplici cittadini nel Sistema B? Secondo un sondaggio commissionato da Google, condotto da Ipsos nel 2020 – spiega Fukayama – il 54% dei consumatori brasiliani sceglie di acquistare prodotti responsabili sia socialmente che dal punto di vista ambientale. “Quindi, questa tendenza di cambiamento nel consumo sta avvenendo. Consumare è un atto politico, consumare è un messaggio che diamo al mondo che vogliamo vedere.Noi, come consumatori, contribuenti e investitori, possiamo promuovere il cambiamento del sistema semplicemente dal nostro posto di comuni cittadini”.

Insomma, la palla passa a noi tutti: il cambiamento dipende anche dalla nostra volontà di partecipazione e di impegno, attraverso le nostre scelte quotidiane, per la costruzione di un mondo migliore e più giusto per tutti gli esseri viventi.

Per conoscere di più il Sistema B e qualli sono le aziende benefit, potete accedere al sitoSistema B BrasilSistema B Internacional.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 257 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.