varie news

0

#edcBrasile - Associazione Casa de Clara: trasformare la vita delle donne della periferia urbana

Da 4 anni, una ONG di economia solidale di Juiz de Fora (Mato Grosso) trasforma la vita di decine di donne. Edc Brasil offrirà una formazione imprenditoriale alle donne del progetto

di Cibele Lana

pubblicato nella rivista Cidade Nova, 12/2020

La missione principale dell'Associazione Casa de Clara, un progetto sociale situato a Juiz de Fora che opera sulla base dei principi dell'arte, dell'educazione e dell'economia solidale, è quella di salvare e rivelare le potenzialità delle donne della periferia attraverso uno spazio di convivenza accogliente e collaborativo, protagonista di azioni concrete.

Casa de Clara propone corsi di ricamo e uncinetto, teatro, chitarra, orto solidale, laboratori di sapone fatto a mano, circoli di conversazione, cinema e assistenza socio-sanitaria, tutte iniziative permeate dall'ascolto attivo e dalla convinzione che le donne abbiano bisogno di riscoprire il proprio potere proprio dove credono ci sia debolezza, per far fiorire la loro forza e il loro protagonismo.

“Sappiamo che queste donne hanno un potere incredibile e che intorno a loro possono nascere nuovi modi di essere e di pensare, nuove relazioni", sottolinea Assunção Calderano, presidente dell'istituzione e ideatrice del progetto insieme al marito, Lecir Calderano

Tutto è iniziato nel 2018, quando la coppia si è sentita spinta a realizzare una qualche iniziativa per le donne della periferia. Nel mezzo di una piazza della comunità, parlando con tre donne lì residenti, hanno avuto l'idea di condurre un sondaggio tra di loro per identificare alcune possibilità per un progetto sociale. L'artigianato e l'attività fisica sono state le iniziative più richieste e presto hanno iniziato a essere proposte in uno spazio di 20 m2 .

Poco dopo sono nate anche i circoli di conversazione. "I turni di conversazione si basano su una metodologia che crea uno spazio di ascolto attivo e di esperienza pratica. Attraverso attività come un puzzle o una torta collettiva, ad esempio, ci rendiamo conto di cosa è importante lavorare: la fiducia in se stessi, la creazione di legami, ecc.", spiega Calferano.

Dopo il periodo della pandemia, le donne stesse hanno espresso il desiderio di riprendere le attività faccia a faccia e di ottenere uno spazio più grande per la Casa de Clara. Grazie alle donazioni di oltre 400 persone che hanno contribuito con cifre da 3 a 10.000 R$, in nove mesi è stato possibile trasferirsi in uno spazio proprio di circa 2.000 m2.

"In questi anni di lavoro, abbiamo assistito alla creazione di legami, al recupero dell'autostima e alla creazione di una rete tra di loro. Abbiamo anche assistito a diverse situazioni in cui donne molto depresse, che non avevano mai lasciato le loro case, ora coordinano le azioni", aggiunge.

L'Economia di Comunione sta strutturando una partnership con Casa de Clara per offrire una formazione imprenditoriale alle donne del progetto. Presto altre notizie.

Seguite @projetocasadeclara su Instagram.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 775 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.