The Economy of Francesco

0

#EoF - Le radici economiche dei conflitti. C'è speranza per la pace?

#EoFProview - Sembra che sia arrivato il momento che l'Europa cresca e cominci ad essere responsabile del proprio destino.

di Ian Horughiy

Due principi del diritto internazionale: l'integrità territoriale e il diritto delle nazioni all'autodeterminazione, sono stati una base fondamentale dell'ordine internazionale basato sulle regole a partire dalla seconda guerra mondiale. E sembra che non ci sia ancora un meccanismo funzionante per riconciliare pacificamente questi principi al di fuori del sistema mondiale bipolare. Ecco perché avere una prospettiva generale su come si sono evoluti i conflitti negli ultimi cento anni ci aiuterà a capire meglio la natura della guerra e della pace, e ad alzare il velo su ciò che ci aspetta nel prossimo futuro.

I flussi di energia sono una chiave per capire i conflitti

Screen Shot 2022 04 11 at 21.48.07Perchè avvengano i conflitti è molto semplici da capire. Quando due persone o due paesi vogliono una certa cosa, o la condividono e ne ottengono solo una parte o lottano per ottenerla tutta. All'inizio del XX secolo, questa cosa erano i combustibili fossili.

Perché è così importante? L'energia è la base di ogni processo del sistema economico moderno. È fondamentale per l'estrazione delle risorse, il loro trasporto, la produzione di beni e servizi e la loro consegna al cliente.

Così l'aumento della fornitura globale di combustibili fossili ha contribuito a espandere drasticamente la produzione e la varietà di beni e servizi disponibili al giorno d'oggi. La comprensione di questo semplice fatto ci permette di avere una percezione più chiara del contesto storico.

Il XX secolo è la storia dello scontro fra imperi

 I governi dell'inizio del XX secolo capirono che coloro che controllavano l'estrazione e la distribuzione dei combustibili fossili avrebbero ottenuto una migliore economia e un maggiore vantaggio competitivo durante la grande ondata della globalizzazione. Il problema era che troppi imperi rivendicavano i loro diritti di possedere ed estrarre risorse su scala globale. All'inizio della prima guerra mondiale, erano 5 gli imperi in Europa, mentre gli Stati Uniti nel continente nordamericano, rappresentavano il sesto concorrente.

Come risultato della prima guerra mondiale l'impero ottomano e quello austro-ungarico si dissolsero. Tuttavia la Francia e il Regno Unito - quali vincitori della prima Screen Shot 2022 04 11 at 21.51.30guerra mondiale, con una posizione cementata dal mandato della Società delle Nazioni, si sono rafforzati a spese dei 'perdenti'  - in particolare la Germania. Anche l'impero russo si disgregò, ma alla fine divenne l'Unione Sovietica. Così l'obiettivo della prima guerra mondiale di trovare il vincitore finale fra i vari imperi non fu raggiunto. In questo senso, la prima e la seconda guerra mondiale possono essere viste come un unico conflitto prolungato nel tempo.

Durante la seconda guerra mondiale la Francia fu sconfitta dalla Germania. La Germania perse la guerra contro l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Il Regno Unito si indebitò troppo e, come risultato della Carta Atlantica, rinunciò al suo impero coloniale a beneficio degli Stati Uniti. Questa Carta formò in seguito la base delle Nazioni Unite, che stabilì l'ordine internazionale basato su regole dopo la seconda guerra mondiale.

Così, quando tutti gli scontri finirono nel 1945, rimasero solo due dei sei imperi, e il sistema bipolare fu stabilito nel mondo. Nel mondo occidentale, il sistema di Bretton Woods stabilì un ordine economico sostenuto dal dollaro americano per i territori sotto la giurisdizione degli Stati Uniti, della NATO e dei suoi alleati. Nel frattempo, i costituenti dell'Unione Sovietica e i paesi del Patto di Varsavia stabilirono il loro sistema di rubli trasferibili a est. Dagli anni '50 lo scontro continuò nella forma della Guerra Fredda (a causa della parità nucleare).

Nei decenni successivi ogni sistema economico ha emesso sempre più denaro, permettendo a sempre più combustibili fossili dei loro territori di partecipare agli scambi economici. Negli anni '80 entrambi i sistemi incontrarono i loro limiti di crescita e affrontarono problemi di stagflazione. Entrambi i sistemi erano limitati dalle risorse della propria sfera economica di controllo e influenza.

Ma nel 1991 l'Unione Sovietica alla fine capitolò la guerra fredda. Così gli Stati Uniti sono diventati il vincitore finale nello scontro del XX secolo. Gli Stati Uniti sono diventati il detentore del sistema economico definitivo e della valuta globale definitiva. Ed sono diventati anche il "poliziotto globale" con le sue basi militari in tutto il mondo per garantire che il suo meccanismo economico e le sue regole siano accettate ovunque.

Tutte le risorse dei paesi dell'ex patto di Varsavia sono state incluse nel fatturato economico del sistema del dollaro USA, impedendo la stagflazione per altri 30 anni, fino ad oggi. Ma nell'ultimo decennio sta diventando ovvio che questo meccanismo economico non è più in grado di fornire una crescita sostenibile.

Screen Shot 2022 04 11 at 21.56.01Il meccanismo economico ciclico ha i suoi limiti

Il sistema economico finanziario guidato dal dollaro era fatto su misura per la crescita costante della produzione e del consumo, ma è un dato di fatto che le risorse sono limitate (da tutto il mondo ormai). Un nuovo debito o la creazione di denaro non porta a un'ulteriore crescita, ma solo alla stagflazione di natura non ciclica.

In effetti, siamo riusciti a sfuggire ad un'altra grande depressione nel 2008. La politica monetaria ultra-allentata ha aiutato a non seguire il percorso della crisi deflazionistica del 1929. In compenso, abbiamo avuto un enorme aumento dei bilanci delle banche centrali e del debito globale, fino a livelli insostenibili.

Così, invece di una depressione deflazionistica, ci troviamo di fronte a una molto più profonda inflazione.

Così, con il meccanismo economico globale che arriva alla stagflazione, gli Stati Uniti hanno meno mezzi e influenza per sostenere il loro status di superpotenza e stanno perdendo il loro ruolo di "poliziotto globale". Questo fatto ha implicazioni molto profonde in tutto il mondo..

C'è speranza per la pace?

Il diritto internazionale è stato progettato in tempi di architettura di sicurezza bipolare con i suoi unici controlli ed equilibri. Per molto tempo, c'è stata la speranza che un mondo multipolare potesse sostituire il sistema bipolare, ma troppi errori strategici sono stati fatti dalla NATO / USA che hanno portato ad un aumento della concorrenza internazionale per sfidare il suo status di superpotenza globale.

Così ora che gli Stati Uniti non sono più in grado di continuare ad essere un poliziotto globale nel mondo, possiamo vedere una crescente tentazione di altre potenze emergenti di violare le norme e i regolamenti stabiliti. Sembra che non siano state fatte conclusioni negli ultimi 100 anni, e la regola della forza sia ancora considerata normale. L'invasione delle forze militari russe in Ucraina è per ora il più grande e probabilmente il più spaventoso segno di questo.

Quale sarà il prossimo passo? La Russia rivendicherà gli stati baltici? O la Cina inizierà operazioni militari nella regione del Mar Cinese Meridionale? O l'Iran si procurerà armi nucleari? C'è sono molte minacce alla pace tra India e Pakistan sul Kashmir; l'equilibrio in Israele/Palestina; o le molte sfide nella Grande Cina su Xinjiang, Tibet, Taiwan, Hong Kong, ecc... Se la Russia raggiunge i suoi obiettivi in Ucraina, tale comportamento sarà considerato normale a livello globale. Sarà un precedente che annuncia un mondo totalmente diverso. Un mondo senza le Nazioni Unite, senza diritto internazionale. Un mondo pieno di conflitti locali, dove i paesi grandi e forti possono inghiottire i loro vicini più piccoli trascurando la sofferenza della gente comune.

Screen Shot 2022 04 13 at 17.54.54E rispondendo alla domanda: c'è una speranza di pace? Io risponderei di sì. Gli ucraini la difendono con le armi in mano sacrificando le loro vite. E secondo la mia opinione personale, questo sacrificio avrà il suo valore solo se gli europei apriranno gli occhi e abbracceranno il cambiamento dell'ordine mondiale.

Sembra che sia giunto il momento che l'Europa cresca e cominci ad essere responsabile del proprio destino. Per esempio, presentando una visione alternativa di un sistema economico che non richieda la creazione di debito e l'espansione monetaria, o per iniziare a fare mosse coraggiose nel commercio internazionale, come creare un'architettura di sicurezza unica per l'Eurasia. Altrimenti, il dialogo civile, la responsabilità verso il diritto internazionale e la fratellanza delle nazioni (che sono stati guadagnati ad un costo così alto durante il XX secolo) non ci saranno più.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.