Best Practices

...dalla vita delle imprese

...dalla vita delle imprese

best practices

0

#Edc: chi è il mio dipendente? Un'esperienza di Economia di Comunione

Per i proprietari di un'azienda Edc, la definizione di dipendente va ben oltre le normali aspettative.

di Julie Mundell, socia di Mundell & Associates

Quasi dieci anni fa, la nostra azienda ha iniziato un rapporto con una nuova società di pulizie che si occupava di pulire il nostro edificio più volte alla settimana. Hanno incaricato una giovane donna di nome Heather di venire tre volte alla settimana per passare l'aspirapolvere sui tappeti, eseguire la pulizia generale degli uffici, della sala conferenze e della cucina e svuotare i cestini dei rifiuti. Nei due anni successivi, Heather è diventata la nostra governante dedicata.

Eravamo molto soddisfatti del suo lavoro e del suo rapporto con i nostri dipendenti. Io e lei abbiamo condiviso le storie di famiglia, gli "alti e bassi" dell'essere una mamma che lavora. Lei e la sua famiglia vivevano con il padre in un Heather ridappartamento in affitto per condividere le spese, ma stava risparmiando per trasferirsi un giorno da sola. Nella sua vita erano presenti molte difficoltà - relazioni familiari complicate, uso di droghe - ma lei non si lamentava e io ammiravo il suo atteggiamento positivo e il suo senso dell'umorismo nei confronti dei "colpi duri" della vita. Era molto attiva e allegra sul lavoro, anche quando rimase incinta del suo terzo figlio. Ha lavorato fino all'ottavo mese per massimizzare il congedo di maternità con il nuovo bambino.

Si chiude una porta e se ne apre un'altra

Abbiamo detto all'impresa di pulizie che l'aveva assunta che avremmo accettato volentieri un sostituto temporaneo, ma che volevamo riavere Heather dopo il suo congedo di maternità - e loro hanno accettato. Ho inviato a Heather un biglietto di auguri quando è nato il bambino e ho atteso il suo ritorno. Dopo qualche mese, la chiamai per un piccolo regalo che avevamo per lei e scoprii che la sua azienda aveva interrotto il rapporto di lavoro (apparentemente non aveva intenzione di dircelo finché non glielo avessimo chiesto). Ho scoperto che Heather stava cercando piccoli lavori e sperava di farcela da sola, così ho gentilmente chiuso il nostro rapporto con la sua precedente azienda e ho chiesto a Heather di aggiungerci come primo nuovo cliente per la sua impresa di pulizie "in fase di avviamento".

Un giorno, dopo diversi mesi, arrivò al lavoro particolarmente felice. Aveva appena trovato una piccola casa che sapeva di potersi permettere e aveva già offerto il prezzo pieno, certa che i proprietari avrebbero accettato. Tuttavia, c'era un problema: la società di mutui aveva iniziato a fare marcia indietro a causa della sua storia creditizia. Non era cattiva, era inesistente! Non aveva mai chiesto un prestito prima d'ora! Aveva sempre pagato in contanti ciò che le serviva, risparmiando quando era necessario. Per questo la banca aveva rifiutato il prestito. Era distrutta.

Chi è il nostro dipendente?

Quando l'ho raccontato a mio marito John, abbiamo riflettuto sull'opportunità di aiutarla. Non potevamo assumerla come dipendente a tempo pieno e quindi non aveva diritto ai tradizionali benefit per i dipendenti, ma sentivamo che anche lei era una nostra dipendente e anche una nostra "vicina". Abbiamo ricordato l'esperienza di un amico dell'Economia di Comunione nel fornire microprestiti e abbiamo pensato di poterlo fare anche noi, per aiutare Heather a versare un anticipo significativo per aiutarsi. A differenza della società di mutui, la conoscevamo bene e ritenevamo che fosse un buon rischio. In effetti, il rischio non era enorme rispetto ai benefici che le avremmo pagato come dipendente a tempo pieno. Così abbiamo seguito il nostro cuore. Abbiamo accantonato il denaro e sviluppato un piano di rimborso equo, offrendole un prestito a tasso zero.

Quando le abbiamo detto il nostro piano, è rimasta sbalordita! E deliziata. E ha pianto. Abbiamo pianto insieme. Ma poi c'era un altro passo da fare. La società di mutui richiedeva l'estratto conto della nostra azienda, che dimostrava che eravamo noi la fonte di questo denaro, e una lettera in cui si dichiarava che si trattava di un regalo per lei senza alcuna aspettativa di rimborso. In questo modo, se fosse rimasta indietro con i pagamenti alla banca, avrebbe dovuto rimborsare la banca prima di noi.

Julie John Mundell LOVE 500Fiducia, speranza e preghiera

Scrivemmo la lettera alla banca con la fiducia che questo fosse un buon investimento per lei e per i suoi tre figli, a prescindere dal risultato. È quello che avremmo fatto per i nostri figli. È quello che vorremmo che il nostro vicino facesse per noi. Di conseguenza, Heather ottenne il prestito ipotecario e trasferì la sua famiglia nella nuova casa. Un giorno si presentò al lavoro raggiante di orgoglio, con tanto di foto per mostrare a tutti la sua "nuova casa". Negli anni successivi, abbiamo capito che questo nostro piccolo passo per sostenere Heather aveva fatto una grande differenza nella sua vita e in quella della sua famiglia.

Naturalmente, la storia non finisce qui. Un giorno, senza alcuna spiegazione, Heather non si presentò al lavoro come previsto. Eravamo preoccupati e abbiamo cercato di contattarla più volte, senza riuscire a stabilire un contatto. Alla fine, tramite un amico, abbiamo saputo che problemi personali e familiari l'avevano indotta a rinunciare all'azienda. Anche se non siamo più in contatto con Heather da molti anni, continuiamo a pensare e a pregare per lei e per la sua famiglia, sapendo che il nostro investimento ha fatto molto bene a una persona che ha avuto la sua parte di difficoltà e ostacoli nella sua vita.

La nostra esperienza nel vivere lo stile di vita imprenditoriale dell'Economia di Comunione in questi ultimi tre decenni ci ha dato una certa prospettiva: le benedizioni arrivano a noi imprenditori in molte forme, se riusciamo a riconoscerle. I rapporti che sviluppiamo con ogni "dipendente" e con tutti quelli che conosciamo, sono i veri tesori che ci rimangono nel cuore. Grazie Heather per il dono che ci hai fatto di averti conosciuta.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 1030 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.