Visione sulla Povertà

Motivo primo della nascita e dell’esistenza dell’Economia di Comunione è la povertà: l’EdC nasce infatti come tentativo di risposta agli stridenti contrasti economici e alle disuguaglianze che caratterizzano la società contemporanea, con l’obiettivo di renderla più equa e fraterna.

L’EdC non intende eliminare la povertà tout court, ma piuttosto contrastare la “miseria”, parola che descrive la forma di povertà “subita” ancora da milioni di persone nel mondo, attraverso la valorizzazione di un’altra forma di povertà, quella “scelta” da imprenditori, consumatori, cittadini… che decidono di rinunciare a qualcosa di proprio, usare i beni sobriamente, sceglierli responsabilmente, nell’idea che “i beni […] diventano […] strade di felicità solo se condivisi con gli altri” (Bruni 2004)

In questa prospettiva la miseria, derivante dalla mancanza di beni materiali, e la possibilità di una sua risoluzione sono strettamente connesse alla promozione di una serie di altre condizioni (l’istruzione, la salute, il lavoro, una casa…) che permettono ad un essere umano di “fiorire”.

Tra queste condizioni spicca in modo particolare la qualità delle relazioni che si vivono: le relazioni nella visione dell’EdC sono infatti intese come un capitale fondamentale per lo sviluppo umano.

Questa idea implica anche un modo originale di intendere le strategie di contrasto della miseria, attuate nei progetti che l’EdC sostiene e promuove: esse sono disegnate in modo da evitare l’instaurarsi di forme di aiuto asimmetriche, -come spesso nella storia è avvenuto- nelle quali c’è qualcuno, che ha, che dà a qualcuno che non ha, rimarcando uno stato di inferiorità e alimentando spesso dinamiche di dipendenza.

Le strategie di contrasto alla povertà attuate dall’EdC cercano piuttosto di valorizzare dinamiche di reciprocità, dove ognuno può offrire la ricchezza di cui è portatore, ponendo tutti su uno stesso piano di pari dignità: fratelli, membri di una stessa famiglia.

Brasile: SUPERA/2020 – Il Programma per superare la vulnerabilità economica

"Nella cultura EdC non ci sono benefattori e beneficiari, ma piuttosto la ricerca della comunione tra tutti. Nella nostra rete, chi dà il bisogno ha lo stesso valore di chi offre la risorsa"

pubblicato su Anpecom

È da questa prospettiva che l’Anpecom gestisce il Supera - Il Programma di superamento della vulnerabilità economica. Attraverso di essa, con l'aiuto di un censimento annuale, i bisogni delle persone e delle famiglie in condizioni di vulnerabilità economica in tutto il Brasile vengono catalizzati, identificati e monitorati dagli agenti di Supera.

Le persone che si trovano in situazioni che soddisfano i requisiti del regolamento ricevono ora le risorse gestite da Anpecom, provenienti dalla comunione di persone e aziende della rete dell'Economia di Comunione. Le destinazioni soddisfano quattro ambiti: educazione, salute, esigenze di base e abitazione.

Comunione e Azione è il nome della campagna annuale di raccolta di fondi per il Supera, che coinvolge l'intera rete di partner per sensibilizzare le persone e le aziende alle donazioni. Tutte le parti interessate possono mettere in Comunione le risorse materiali durante tutto l'anno, ma sono particolarmente incoraggiate a contribuire durante la campagna Comunione e Azione.

Alcune esperienze di persone che sono state sostenute dal progetto:

Michelly - studente di giurisprudenza.

(Messaggio inviato nel 2017)    

«Anche se studio in un'università statale, il corso che frequento è molto costoso, i libri, gli eventi, tutto richiede molti soldi. Quando mi è stato detto che ero stato selezionato per ricevere la borsa di studio, è stato un sollievo, perché quella settimana avrei perso diversi giorni al college perché non avevo soldi per il trasporto. Quell'anno, grazie all'aiuto, ho potuto acquistare alcuni libri di cui avevo bisogno da molto tempo, ho potuto partecipare a più eventi e persino aiutare i miei colleghi, che come me, spesso non avevano modo di prendere una copia dei nostri materiali o di andare a qualche evento».

(Messaggio inviato nel 2020) 

«Ho trovato uno tirocinio remunerato, non è molto ma è di grande aiuto, proprio come la borsa di studio EdC è stata. Credo che l'aiuto dell'EdC possa adesso passare a qualcun altro.MarcelaAnpecom thumbnail Sono molto grato per il tempo in cui ho ricevuto questa borsa di studio, perchè ho potuto raggiungere tanti risultati grazie ad essa e spero che adesso aiuti qualcun altro. Grazie per il vostro sostegno!»

Marcela

Marcela ha 3 anni ed è nata con la sindrome di Down. Con il progetto Economia di Comunione, ha potuto accedere alle attrezzature per il trattamento con l'ozono. 

 Mizael

MizaelAnpecom thumbnailJPG «Da qualche tempo taglio i capelli a casa mia, sotto gli alberi, in modo semplice, senza molta professionalità, avendo imparato praticando. Con il progetto ho avuto la possibilità di fare un corso professionale di parrucchiere e ora pur continuando a operare a casa mia nel modo migliore possibile, ho l'opportunità di avere un "luogo" e materiale adeguato per un salone. Sono molto grato per questa opportunità, con l'intenzione di continuare a partecipare e ad imparare di più sulla condivisione e su tutto ciò che viene insegnato nell'Economia di Comunione».

 Fabiano FabianoAnpecom thumbnail

«Appena sposati siamo rimasti a casa della mia famiglia, insieme ai miei fratelli. Siamo riusciti a comprare un pezzo di terra per costruire una casa, ma da tempo aveva solo i muri alzati. Con la gravidanza di Carmen è aumentato il desiderio di avere una casa propria per il nostro figlio. L'aiuto dell'EdC è arrivato e siamo riusciti a montare lastre, cancelli, finestre, acqua, elettricità e tubi di scarico. Grazie all'Economia di Comunione, che questo lavoro possa continuare a rendere felici più famiglie».

Oltre alla campagna stagionale, quando è necessario, Anpecom coinvolge la sua rete anche in campagne straordinarie. Questo è quanto è successo durante la pandemia COVID-19 quando è stato chiaro che la crisi sarebbe stata ancora più grave per coloro che già erano vulnerabili. La mobilitazione dell'associazione nella sua rete di partner ha raggiunto la somma di R$ 115.411,60 (pari a EUR 18.000,00) in poco meno di tre mesi, che sono stati destinati a 762 famiglie di 8 comunità in condizioni di vulnerabilità economica in tutto il Brasile: Tancredo Noves e Quilombo Rio dos Macacos, a Salvador (BA); Associação Zagaia, a Manaus (AM); Sol Maior Music School Project, a Londrina (PR); Comunità di São João Paulo II, a Ribeirão Preto (SP); Comunità indigene Xavantes, a Barra dos Garça (MT); Nucleo di azione comunitaria, a Benevides (PA); Nucleo di azione volontaria, a Estiva (MA); e Centro di servizi alla vita, a Caruaru (PE).

A causa di questa campagna, Anpecom stima che 3.874 persone di queste comunità sono state aiutate con 1.023 cestini e kit igienici, 1420 kg di cibo, 14 scatole di latte, 27 bombole di gas, 200 unità di alcool gel, 1.600 maschere, 15 coperte, 559 lenzuola, 25 cappotti per bambini, 58 confezioni di pannolini, vestiti e accessori per neonati, pagamento delle bollette scadute e piccole riparazioni in tre case.

Il Supera è una collaborazione tra Anpecom e il Movimento dei Focolari.

Puoi partecipare alla campagna, di seguito i riferimenti bancari per contribuire: 

Tramite trasferimento/deposito:
Associação Nacional por uma Economia de Comunhão – Anpecom
CNPJ: 07.638.735/0001-94
BANCO BRASIL
Agenzia: 2665 – 4 Conto corrente: 38788-6

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 574 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.