varie news

0

#Brasile: Il Polo Spartaco è ancora vivo?

Da 3 decenni, lo spazio ha ospitato aziende legate a Edc e altre iniziative economiche che desiderano sperimentare un' esperienza di Comunione.

di Cibele Lana

pubblicato sulla rivista Cidade Nova - edizione 02/2022

Il Movimento globale dell'Economia di Comunione conta in tutto il mondo 7 poli imprenditoriali che ospitano aziende impegnate per un mondo più giusto, rigenerativo e fraterno. Il Polo Spartaco, in Brasile, è considerato il primo di essi ed entra nella sua terza decade, potendo celebrare alcuni risultati.

Per rispondere in modo molto obbiettivo alla domanda posta nel titolo, che molti si pongono sul Polo Spartaco, la risposta è: sì! Con 16 aziende attive, di cui 4 industrie e 12 aziende di servizi ed e-commerce, il Polo Spartaco inizia il 2022 con tutti i suoi spazi disponibili affittati e con equilibrio finanziario.

Silvio Rosetto, vicepresidente dell' Espri S.A. e gestore di questo spazio, spiega che negli ultimi anni il Polo Spartaco ha smesso di essere uno spazio destinato unicamente alle aziende EdC, aprendosi anche a aziende che rispondono a criteri specifici come il rispetto all' ambiente, l' impegno per le persone prima di tutto e la disponibilità alla conoscenza dell'Economia di Comunione.

Inoltre, è aperto alle aziende della regione, al fine di avere un impatto locale. «Non più un polo solo per aziende di edc, ma anche per aziende che vogliono vivere un’esperienza di comunione», sottolinea.

Darci Teixeira è un imprenditore che ha installato la sua azienda nel polo nel 2019. «Uno dei motivi per cui ci siamo stabiliti nel polo è stato quello di non essere un'azienda che mira unicamente al profitto, ma che vuole anche essere solidale con le persone in situazioni di vulnerabilità economica e sociale. Più che vendere o comprare prodotti, stiamo contribuendo a una causa e ci rendiamo conto che il polo si è rinvigorito e in questo sta diventando sempre più forte e impegnato».

Nonostante tutte le sfide superate tra crisi interne ed esterne, Rosetto sottolinea che il Polo Spartaco, come gli altri poli aziendali sparsi nel mondo, svolge una funzione che è unica per l'edc. «Nulla sostituirà l'importanza del polo per le persone che entrano in contatto con Edc attraverso legami economici per realizzare lo stile di vita della nostra cultura di comunione, che fiorisce anche nell'economia. Questo è visibile nel polo», conclude.

Si tratta di una cultura di comunione che è anche un segno un po' curioso della sua origine. Il Polo è gestito da Espri S.A., oggi la società privata con il maggior numero di azionisti in Brasile, circa 4.000 - molti dei quali lettori di Cidade Nova che, all'inizio dell'Economia di Comunione, hanno messo da parte anche 10 R$ (circa EUR 1,69 ) per lo sviluppo del Polo e, di conseguenza, di edc nel paese.

Questo è un fatto curioso e anche bello, ma giuridicamente impegnativo oggi. L'Espri cerca di contattare nuovamente gli azionisti del polo per aggiornare la loro registrazione.

Se credete di essere uno di questi azionisti, contattateci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 825 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.