The Economy of Francesco

0

#EoF - Ucraina: un'economia con l'anima deve fondarsi sulla pace

#EoF Proview - Come redattori della sezione Sfide Contemporanee del blog EoF ProView, avevamo previsto di dare il via al nostro lavoro con qualcosa di più positivo, ma data la straordinaria situazione che sta affrontando l'Ucraina in questi giorni, dobbiamo modificare i nostri piani.

di Diana Salgado e Si Chun Lam

fonte: The Economy of Francesco blog

Con grande shock, tristezza e dolore assistiamo agli atti di guerra nel cuore dell'Europa. Com'è possibile che, nel XXI secolo, le nazioni usino ancora la forza per risolvere i loro obiettivi geopolitici e geoeconomici, trascurando il benessere umano?

Le nostre diverse prospettive:

Si Chun Lam: Dai confini dell'Europa, nel Regno Unito, è difficile esprimere a parole i miei sentimenti: sono le parole degli ucraini comuni che dovremmo ascoltare, piuttosto che quelle di chi parla dalla sicurezza del santuario del Si Chun LamEoFRegno Unito. Eppure, come cittadino europeo, come cittadino del mondo, le azioni atroci del regime russo di Vladimir Putin hanno implicazioni durature per tutti noi - perché gli atti di guerra contro l'Ucraina non sono rivolti soltanto contro un paese ma contro l'essenza stessa della dignità umana. E così, anche non parlare sembra sbagliato.

Diana SalgadoEoF ridDiana Salgado: Mi ritengo fortunata ad essere nata ed a vivere in un paese -il Portogallo- dove le guerre sono un passato relativamente lontano. Guardare ciò che sta accadendo in diverse parti del mondo, e ora in Ucraina, è assolutamente devastante e mi porta a chiedermi come sia ancora possibile, al giorno d'oggi. Come possono gli interessi e le strategie di alcuni prevalere sulla dignità e la sopravvivenza di molti altri? Vivendo in un'epoca sempre più globale, non illudiamoci che questa sia una guerra di pochi, più o meno distante dalla nostra realtà. Questa guerra ci tocca tutti e non possiamo continuare la nostra vita come se non fosse così!

Ian Horughiy: Dal cuore dell'Ucraina (Kiev), vedo scoppiare la guerra con i miei occhi. È difficile per me essere obiettivo. Tuttavia, cercherò di usare un approccio scientifico per dare una breve panoramica delle ragioni EoF 2022economiche che stanno dietro il comportamento strategico dei principali attori del conflitto in corso. La chiave per comprendere qualsiasi conflitto è vedere come viene creato e distribuito il plusvalore. Tutte le risorse che la terra ci concede per creare plusvalore sono scarse, e l'umanità non ha ancora inventato un modo per distribuirlo razionalmente. Ogni conflitto nasce nel caso in cui un paese non è soddisfatto della sua posizione e cerca di influenzare questa distribuzione a proprio vantaggio. La Russia ha accumulato attività finanziarie esportando risorse naturali per 30 anni ma dopo la crisi globale del 2008, le banche centrali di tutto il mondo hanno abbracciato una politica monetaria non convenzionale che ha portato all'esplosione dell'inflazione in tutto il mondo. Scambiare risorse in denaro non è razionale per la Russia ora. Le risorse sono scarse, mentre il denaro può ora essere creato dal nulla senza limiti, deprezzando vasti risparmi, accumulati da esportatori netti come la Russia. Questo cambiamento fondamentale del panorama macroeconomico crea tensioni tra i paesi con avanzi netti delle partite correnti (come Russia, Cina, ecc.) e i paesi con deficit netti delle partite correnti (come le economie occidentali come USA e Regno Unito). Sfortunatamente, l'Ucraina si è trovata al momento sbagliato e nel posto sbagliato, proprio nel mezzo di queste tensioni che sfociano in una guerra su larga scala.

Economy of Francesco, è un movimento di giovani che cercano di costruire un'economia che sia equa, sostenibile e inclusiva, senza lasciare indietro nessuno - e per questo motivo, l'atrocità in corso e la sofferenza umana in Ucraina hanno molto a che fare con l'Economia di Francesco. Un'economia con un'anima deve essere un'economia legata da regole e reciprocità; fondata sulla pace; governata da controlli ed equilibri; con risorse mondiali distribuite su una base equa per prevenire un'eccessiva polarizzazione sociale, rivoluzione e guerre; deve garantire la dignità umana fondamentale; incluso il diritto e l'obbligo umano di discutere, decidere e determinare il proprio futuro.

Un'economia con un'anima deve essere legata da regole e reciprocità; fondata sulla pace

Ian HorughiyEoF 2 ridC'è chi ritiene che l'Occidente dovrebbe fare di più, possibilmente attraverso un intervento militare. Eppure, questo scenario è pieno di rischi: non intervenire sembra sbagliato - mentre affrontiamo l'aggressione che minaccia l'ordine mondiale stabilito e l'architettura di sicurezza costruita dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Eppure, qualsiasi intervento militare diretto da parte dei nostri governi è irto di un rischio molto maggiore e potrebbe facilmente aggravarsi e portare a ulteriori sofferenze umane su una scala molto più grande e portarci più lontano dalla pace per donne, uomini e bambini comuni.

Parlando con gli ucraini comuni, e con tutti i russi che non condividono la posizione del loro presidente, ci sentiamo senza speranza - nessuno dei nostri pensieri, preghiere, parole o azioni sembrano poter fare qualcosa per cambiare la strategia scelta dal regime autocratico della Russia o fare qualsiasi cosa per affrontare il puro orrore e l'ansia che le donne e gli uomini ucraini comuni stanno affrontando - se rimangono nel paese, chiedendosi se e quando il loro paese sarà messo in ginocchio dalla distruzione delle infrastrutture critiche e dalla crisi umanitaria dovuta alle azioni militari sul loro territorio; o se sono fuori dal paese - preoccupati da morire per la sicurezza della loro famiglia e dei loro amici a casa.

Eppure, nonostante tutti i sentimenti di disperazione, dobbiamo rimanere fiduciosi, e fare ciò che è in nostro potere per ridurre la sofferenza umana e dare speranza - proprio come ogni crepa nel pavimento è un'opportunità per una foglia fresca o una pianta che emerge dal terreno.

Guardando intorno a noi, possiamo vedere che ci sono germogli di speranza: nelle città della Russia, ci sono persone comuni inorridite dalla guerra condotta dai loro governanti che non hanno paura di mettersi in grave pericolo di EoF ProView 200arresto protestando contro di essa. Nel frattempo, in Paesi vicini all'Ucraina, tra cui la Polonia e l'Ungheria, (con governi le cui azioni hanno spesso calpestato lo stato di diritto), la gente comune in città e paesi sparsi lungo il confine sta accogliendo a braccia aperte i rifugiati ucraini che fuggono dagli orrori della guerra.

Soprattutto, nella stessa Ucraina, ci sono persone comuni che stanno facendo la cosa più straordinaria, e cioè cercare di sopravvivere ai bombardamenti e alle lotte di strada, accumulare abbastanza cibo per poter uscire per settimane senza infrastrutture critiche, e fare tutto quello che possono fare di fronte agli orrori della guerra.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.