The Economy of Francesco

0

La comunità Inkiri fiorisce con banche e moneta locali

EoF: le storie - La valuta ha accresciuto la domanda di prodotti e servizi locali e ha rafforzato l’intensità delle relazioni sociali

di Maria Gaglione

pubblicato su Avvenire il 14/12/2019

Incontrare Diego è un’occasione di gioia e speranza contagiose. Diego Wawrzeniak è un imprenditore sociale brasiliano, membro della comunità Inkiri. Ha una laurea in Economia e ha lavorato nel settore finanziario come analista di investimenti. Dopo aver creato una startup, ha deciso di unirsi alla comunità Inkiri dove ha sviluppato banca e moneta locali. Oggi segue i nuovi progetti della comunità che coniugano innovazione, imprenditorialità ed economia locale. «Partecipare a The Economy of Francesco è un sogno che diventa realtà – ci dice –. Un’occasione per dimostrare che un’economia più giusta e sostenibile è necessaria perché l’unica via percorribile». La comunità Inkiri è uno dei più importanti ecovillaggi brasiliani. «Nella comunità vivono circa 150 adulti e 30 bambini e adolescenti. Ogni anno accogliamo oltre 3.000 visitatori provenienti da diverse parti del mondo. L’economia locale è molto florida con più di 20 attività imprenditoriali in diversi settori. Il sistema scolastico è riconosciuto come una delle esperienze educative più innovative del Brasile».

Gli ecovillaggi sono comunità che si presentano come modelli sostenibili sul piano economico, sociale ed ecologico a cui aderiscono persone che condividono i principi fondanti; i nuclei abitativi sono generalmente progettati per ridurre l’impatto ambientale dove viene promosso l’uso delle rinnovabili. Il risultato è un sistema di grande valore estetico, produttivo e sostenibile nel tempo. Diego ha una immensa fiducia nella capacità degli uomini e delle donne di scegliere il cambiamento, di riconnettersi con la natura nel rispetto di tutte le forme di vita. Unità e cooperazione, le sue parole chiave. «Sento nel mio cuore il grande desiderio di partecipare a The Economy of Francesco per dare inizio, insieme, alla trasformazione più sorprendente che la storia umana abbia mai conosciuto».

«Negli ultimi sei anni mi sono dedicato allo sviluppo dell’economia locale di Inkiri. Come economista e imprenditore, ho potuto constatare l’impatto positivo dello sviluppo di prodotti e servizi locali e l’importanza di mettere a disposizione dei piccoli imprenditori, semplici strumenti finanziari che consentono loro di realizzare un sogno. Lo sviluppo e l’implementazione della banca comunitaria e della valuta locale hanno fatto fiorire la nostra economia in modo 'spettacolare'. La moneta ha accresciuto la domanda di prodotti e servizi locali e ha rafforzato l’intensità delle relazioni sociali». Esperto di mercati e monete, investimenti e banche, Diego saluta dicendo: «Non ho mai considerato il denaro come l’obiettivo del mio lavoro. Nel mio impegno a sostegno delle economie locali, applico i principi di giustizia, rispetto, sostenibilità, empowerment umano, senso di appartenenza e, infine, ma non meno importante, la speranza, di rendere il mondo un posto migliore».

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 354 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.