SEC

0

Firenze, primo Festival Nazionale dell'Economia Civile

Da un'idea di Federcasse, progettata e organizzata con NeXt e SEC, si svolgerà dal 29 al 31 marzo nell'imponente "Salone dei Cinquecento" di Palazzo Vecchio.

Un Festival che vuole promuovere un'economia civile, mettendo al centro l'uomo, il bene comune, la sostenibilità e l'inclusione sociale. Un'economia che considera il profitto come mezzo e non come fine, che vuole offrire soluzioni concrete al problema occupazionale, crede nel lavoro e nel valore delle imprese. Che vuole ridurre le disuguaglianze e contribuire a far crescere una Italia migliore, ricca di culture, paesaggi, arti e mestieri. Nella quale l'innovazione si sposa con la tradizione. Un'Italia aperta al mondo.  Un Festival che ha l’ambizione dichiarata di riuscire a piantare i semi di un vero cambiamento nel mondo dell’economia.

L'Economia Civile, patrimonio culturale del nostro Paese, affonda le sue radici proprio nella Toscana del primo Rinascimento, trovando compiutezza nel Logo Festival Economia Civilepensiero economico di Antonio Genovesi, che nella Napoli della seconda metà del 1700 - titolare della prima cattedra di Economia - teorizzò come il fine ultimo di questa nuova scienza fosse la pubblica felicità, ossia il conseguimento del bene comune. 

Il Festival, al quale parteciperanno oltre 80 testimoni e relatori nazionali ed internazionali, si articolerà in 15 panel di confronto (nei quali si discuterà naturalmente di economia, ma anche di innovazione, lavoro, sviluppo sostenibile e con approfondimenti specifici sui temi propri della mutualità bancaria e del localismo) e 2 sessioni interattive dedicate a start-up, giovani innovatori e imprese.

Tra i relatori attesi: Jeffrey Sachs (docente di Politica e Gestione della Salute alla "Columbia University", Direttore del "The Earth Institute" nello stesso Ateneo); Stefano Zamagni (docente di economia politica all'Università di Bologna ed alla SEC - Scuola di Economia Civile); Leonardo Becchetti (docente di Economia Politica all'Università di Roma Tor Vergata e co-fondatore di NeXt); Luigino Bruni (Professore di economia all'Università Lumsa di Roma e co-fondatore della SEC - Scuola Economia Civile),  suor Alessandra Smerilli (Professoressa di Economia, Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione "Auxilium"); Stefano Bartolini (docente di Economia della Felicità ed Economia Politica presso l'Università di Siena); Marco Bentivogli (Segretario generale della FIM-CISL); Augusto dell'Erba (Presidente Federcasse); Patrizia Di Dio (Presidente del Gruppo Terziario Donna Nazionale Confcommercio); Maurizio Gardini (Presidente Confcooperative); Vittorio Pelligra (docente di politica economica all'Università di Cagliari); Giovanna Melandri (Presidentessa Fondazione MAXXI di Roma) l'atleta Daniele Cassioli. Tra gli ospiti istituzionali, sono attesi i Ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria, il Ministro  dell'Ambiente Sergio Costa; il sottosegretario al Ministero dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti.

Per partecipare al Festival e conoscere il programma, cliccare qui e seguire le istruzioni.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 328 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.