varie news

0

#Edc - Camerun: prosegue la formazione degli sfollati interni

AECAC: Il 10 ed il 14 novembre si sono svolte rispettivamente a Dschang e a Yaoundé due sessioni di formazione finanziaria e gestionale rivolte a sfollati interni che hanno già avviato una attività di auto-sostentamento

di Liliane Mugombozi & Segreteria AECAC

Novembre 2022 è stato un mese ricco di eventi per l' Association Action pour l'Economie de Communion en Afrique Centrale (AECAC).In 40 giovani uomini e donne sfollati interni provenienti dalla crisi delle regioni nord-occidentali e sud-occidentali del Camerun e che vivono a Dschang, Bafoussam e Yaoundé, hanno partecipato alle sessioni di formazione finanziaria.

Yaoundé, la capitale del Camerun, è un luogo perfetto per sperimentare la trasformazione sociale in atto nel Paese, con le sue molte facce e complessità, e ospita centinaia di migliaia di sfollati interni dopo la cosiddetta crisi anglofona nelle regioni del Nord-Ovest e del Sud-Ovest. Come altre città del Paese, anche Dschang e Bafoussam si stanno adattando all'arrivo di centinaia di sfollati in cerca di sicurezza. In queste città le persone hanno la possibilità di "ricostruire" le loro vite, di raggrupparsi, di costruire nuove identità e, perché no, di forgiare una coscienza socio-politica che mira a riportare la pace nei luoghi che hanno dovuto abbandonare a causa del conflitto.221110 14 Camerun Dschang training 02 rid

È in questo contesto che Association Action pour l'Economie de Communion en Afrique Centrale (AECAC) ha promosso un progetto che propone strumenti per l'empowerment e l'inserimento socio-economico degli sfollati interni, affinché possano provvedere ai loro bisogni vitali nelle città che li accolgono.

 Perché promuovere l'educazione finanziaria e la gestione aziendale?

La crisi ha portato molti ad abbandonare non solo le loro case e città, ma anche le loro occupazioni. Arrivati nelle loro "nuove case", per far fronte a problemi quali la sostenibilità, l'alloggio e le tasse scolastiche, i beneficiari del progetto gestiscono diverse piccole imprese generatrici di reddito. La formazione si è quindi concentrata sugli sfollati interni (IDP) che hanno già competenze in materia di cucito, parrucchiere, barbiere, produzione di scarpe e altro.

Ogni sessione è iniziata con la condivisione di storie personali. Storie toccanti di resilienza, coraggio e determinazione che hanno costituito la base della formazione. Kennedy ha studiato edilizia e costruzioni, non è facile trovare lavoro nei cantieri, ed è pronto a trasferirsi in qualsiasi città della regione in cui trovi un lavoro. Derrick ha un negozio di barbiere: "Frequentavo l'università, prima di terminare gli studi è scoppiata la crisi. Ho chiesto un prestito per aprire un negozio di barbiere. Ora vorrei avere un reddito sufficiente per incrementare la mia attività...".

221114 Camerun Yaoundé training 03 ridAttraverso un dialogo vivace tra i tirocinanti e i facilitatori, la formazione ha preso forma. Con delicatezza e abilità, i facilitatori Steve Azeumo e Tiku Martin hanno introdotto i beneficiari nella gestione di piccole imprese, accompagnandoli con una formazione finanziaria specifica per le loro attività, a livello tecnico e psicosociale. L'apprendimento delle competenze è avvenuto anche attraverso conversazioni sincere e aperte, ascoltando intensamente i reali bisogni, desideri, sogni e aspirazioni dei beneficiari.

Sonita ha 18 anni, non ha frequentato la scuola negli ultimi due anni, da quando è arrivata a Yaoundé. Per il suo mantenimento disegna dei ricami di abiti tradizionali, ma il suo forte desiderio è quello di tornare a scuola. La sua richiesta al progetto è un sostegno per tornare a scuola nel pomeriggio, in modo che la mattina possa lavorare per il suo mantenimento.

In altri casi, il dialogo si è aperto sul bisogno di sostegno, come nel caso di Bertila, studentessa di infermieristica e madre di tre bambini piccoli. Per vivere, e per permettersi le rette scolastiche dei figli, si dedica alla lavorazione delle perline, utilizzate per creare accessori come collane, braccialetti, ciondoli, cavigliere, cinture, oltre a decorazioni per la casa e una serie di oggetti per la casa. Per completare il suo corso di infermieristica, ha bisogno di una sede per il tirocinio, ma non può permettersi di pagare la tassa. Attraverso le sue reti, il progetto la aiuterà a ottenere un posto di tirocinio e a realizzare il suo sogno di diventare infermiera.

Altre questioni urgenti sottolineate sono state: disciplina, risparmio, microcredito e conti bancari. Assunta ha un piccolo negozio. La facilitazione ha fatto emergere l'importanza della licenza commerciale per seguire le regole e i  regolamenti del Comune. Ha concluso: "Ho bisogno di un supporto tecnico".221114 Camerun Yaoundé training 04 rid

In conclusione, alcuni beneficiari della prima fase del progetto hanno condiviso le loro storie di successo. Cyril vive a Yaoundé e durante la prima fase del progetto ha imparato a fare le scarpe. Ora ha un negozio e ha una vasta comunità di clienti attraverso i social media. Anche sua madre ha raccontato la sua commovente storia di come questo lavoro, fino ad oggi, aiuti a soddisfare le esigenze della famiglia.

Mary, insegnante di professione, vive a Dschang con la sua famiglia. Durante la prima fase del progetto ha imparato alcune abilità: fare il sapone e lavorare all'uncinetto. Ad oggi, il suo mercato si è espanso oltre i confini del Camerun.

La formazione si è conclusa molto positivamente, ogni beneficiario è stato incoraggiato a realizzare il proprio business plan, un'abilità che è stata apprezzata, a concentrarsi e a essere orientato ai risultati. Lanciando i beneficiari nel fondamento profondo e centrale dei progetti: la comunione! Sono stati incoraggiati "a intraprendere il cammino della condivisione senza dimenticare che Dio è il nostro partner invisibile, che chiama ciascuno a costruire legami di fraternità ovunque ci troviamo, anche se lottiamo per guadagnarci da vivere attraverso piccole imprese".

Come ha detto Bertila: "questa sessione di formazione ha riguardato l'educazione commerciale e finanziaria, ma è stata anche una sessione di sostegno emotivo".

Tags:
Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 563 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.