varie news

0

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) ed EdC: quale rapporto?

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite forniscono linee guida ai Paesi impegnati per uno sviluppo sostenibile del pianeta attraverso l'Agenda 2030: 169 traguardi suddivisi in 17 obiettivi.

pubblicato sul sito edc Brasil

In pochi anni, gli SDGs sono diventati popolari e oggi sono il principale riferimento per governi, le imprese e la società civile per guidare le strategie socio-ambientali per un'economia prospera ed equa.

Il settore privato svolge un ruolo essenziale in questo percorso per affrontare i problemi urgenti che affliggono il mondo. Per il loro impatto economico e innovativo, le aziende sono chiamate ad assumere un ruolo di primo piano.

MA COME INIZIARE? COME AVVIARE UNA STRATEGIA AZIENDALE COLLEGATA ALL SDGs?

Secondo la SDG Guide per le "Imprese: indicazioni per l'implementazione degli SDG nella strategia aziendale", un documento preparato dal Consiglio imprenditoriale mondiale per lo sviluppo sostenibile (WBCSD abbreviazione inglese), in generale, sono 5 i passi da adottare.

«Le imprese sono un partner fondamentale per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Le aziende possono contribuire attraverso le loro attività principali e noi chiediamo a tutte le imprese di valutare il loro impatto, di fissare obiettivi ambiziosi e di comunicare i loro risultati in modo trasparente».
Ban Ki-moon, Segretario generale delle Nazioni Unite

PASSO 1: COMPRENDERE GLI SDGs E IL LORO CONTRIBUTO ALLA CATENA DEL VALORE DELLA VOSTRA AZIENDA

Il sito ASVIS presenta tutti i 17 Obiettivi e i rispettivi traguardi dell'Agenda 2030. Leggere, comprendere e pensare a come implementare gli obiettivi nella strategia aziendale e nella sua catena del valore è già un primo passo. Ognuno degli SDG è una chiamata all'azione e, sicuramente, molte idee emergeranno dalla loro analisi.

PASSO 2: DEFINIRE LE PRIORITÀ

Ovviamente tutti gli SDG sono importanti. Infatti, chi non vuole agire per sradicare la povertà, mitigare il cambiamento climatico, preservare la vita marina, educare, proteggere la pace, ecc?

Tuttavia, un passo importante è quello di condurre una valutazione degli impatti positivi e negativi valutando l'intera catena del valore dell'azienda. Quali sono le aree che affliggono maggiormente l'ambiente? Quali sono le aree che hanno il maggior potenziale di generare impatto sociale? I miei fornitori agiscono in modo sostenibile?

Questa valutazione aiuta le aziende a ridurre i rischi e a trovare opportunità di lavoro basate su iniziative finalizzate allo sviluppo sostenibile.

PASSO 3: FISSARE I TRAGUARDI

Dopo aver capito su quali SDG la vostra azienda può concentrarsi per ottenere un impatto positivo, il passo successivo è quello di stabilire gli obiettivi e condividerli con l'intera organizzazione per allineare gli obiettivi aziendali agli SDG.

PASSO 4: INTEGRAZIONE

Una volta fissati i traguardi, il passo seguente è quello di pensare a come integrare la sostenibilità nella governance e nel core business dell'azienda. Un'azione autentica e impegnata fa della sostenibilità un obiettivo aziendale e dispiega gli obiettivi dal più alto livello di comando fino alla catena di fornitura.

PASSO 5: RAPPORTI E COMUNICAZIONE

Il quinto passo è la rendicontazione e la comunicazione dei progressi compiuti rispetto agli obiettivi, utilizzando indicatori incorporati nei rapporti di sostenibilità e nelle comunicazioni istituzionali. La comunicazione dimostra l'impegno e fornisce spunti per il miglioramento. Questo è addirittura uno degli obiettivi dell'SDG 12.

L'integrazione degli SDGs nella strategia aziendale apre le porte più diverse per trasformare, innovare, migliorare e adattare l'offerta di prodotti e servizi, la segmentazione del pubblico, la gestione della catena di approvvigionamento, l'uso delle materie prime, le reti logistiche e il fine vita dei prodotti.

Ciò significa un aumento del reddito, del capitale umano e sociale e dell'innovazione. Infatti, è finito il tempo di considerare lo sviluppo sostenibile come un'azione isolata o puramente di marketing. Ora è un valore di mercato, un'attività finanziaria.

QUALE IL RUOLO DI EDC IN TUTTO QUESTO?

Lo scopo per cui è nata Edc è già di per sé collegato all'SDG 1: vivere per sradicare la povertà, per un mondo più giusto, rigenerativo e fraterno.

Inoltre, la nostra pdf Guida all'Impatto (5.25 MB) copre diversi punti, da quelli etici a quelli pratici, strettamente legati agli SDGs: dignità sul lavoro, risorse per l'impatto sociale, tra gli altri.

Per questo il nostro movimento incoraggia la rete imprenditoriale legata all'edc a considerare e implementare coerentemente gli SDGs delle Nazioni Unite.

Con la nostra rete, i nostri esperti, i nostri consigli di amministrazione e i nostri professionisti per portare avanti la vostra strategia di sviluppo sostenibile.

 
Tags: ,
Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 370 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2024 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.