Altri eventi internazionali

0

Croazia, Zagabria: un'economia ispirata per un mondo unito

Si è svolta lo 28 gennaio, una conferenza sulla visione economica di Chiara Lubich, a 100 anni dalla sua nascita

a cura della Commissione Edc della Croazia

Sono intervenute oltre 130 persone alla Facoltà di Economia e Business di Zagabria alla conferenza “Un'economia ispirata per un mondo unito“, organizzata lo scorso 28 gennaio dalla professoressa Ivana Marić e dal suo gruppo di lavoro, insieme alla locale Commissione Edc. E a voler descrivere l'atmosfera che si è respirata, in una circostanza nata per ricordare Chiara Lubich nei giorni del centenario della sua nascita, l'aggettivo migliore è certamente "gioiosa". Oltre 40 le persone che venivano in contatto con la realtà di Economia di Comunione per la prima volta, con alcuni rappresentanti da Serbia, Slovenia e Bosnia.

Nel panel iniziale dal titolo Alla ricerca di un economia che ispira con i professori della Facolta di Economia Domagoj Sajter, Mirna Valdevit, Domagoj Hruška e Ivana Marić si è parlato della crescità generale dell'interesse per un' economia diversa, della storia dei progetti EdC, e del profondo bisogno umano di ricerca di un senso più alto delle cose, in tutto quello che facciamo, e così anche nell'economia.

Evento centrale della conferenza è stata la lezione di Lawrence Chong, imprenditore EdC di Singapore che ha presentato in modo fresco, dinamico, e appassionato l' impegno, suo e della sua impresa Consulus, nel ridisegnare in maniera sistematica il pensiero e la pratica del management nel mondo del business, per una nuova cultura del dare e per provare concretamente a cambiare il sistema economico – secondo il desiderio espresso anche da papa Francesco. Ha colpito molto i presenti come Lawrence ha sottolineato il profilo e l'importanza del messaggio di Chiara Lubich per l'economia ma anche per la pace e per il dialogo inter religioso.

Alla fine le persone si sono trattenute a lungo per condividere le proprie impressioni e per conoscersi. Tra di loro un gruppo dei giovani e professori che si preparano per l'incontro Economia di Francesco in Assisi e che si incontravano lì per la prima volta. Erano esposti nell'aula della conferenza in 30 poster – i lavori dei ricercatori legati a vari temi nell'ambito dell'EdC e dell'economia sostenibile, tra questi anche EOCIIN e Pedagogia di comunione.

Alcune impressioni dei partecipanti:

È meraviglioso vedere quante persone diverse si sono radunate attorno a un'idea meravigliosa che fa davvero sperare che L'UOMO non sia ancora smarrito.

EdC? Si, il concetto è applicabile e sostenibile.

Molte persone e aziende nel mio ambiente lavorano su postulati molto simili, ma non sono collegati in rete. La rete è necessaria per l'ulteriore sviluppo del progetto EdC.

Complimenti, è stato grandioso. Con poche risorse fare un grande cambiamento, portare un argomento di qualità a livello universitario. Prossimo passo, sicuramente piu pesante, conquistare università economiche private; a coloro che "si nutrono" della filosofia del profitto spietato.

Image

SFOGLIA L'ARCHIVIO

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie Archivio

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 559 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.