#Makeitgreen

Quando un bellissimo progetto da perseguire diventa l'occasione per sperimentare la forza creativa di un gruppo di lavoro basato sull'ascolto, il rispetto delle opinioni di tutti, la collaborazione ed il “thinking out of the box”. E' una "esperienza per la vita" quella che si portano a casa i 4 ragazzi della Prometeo Summer School, svoltasi nelle scorse settimane a Philadelphia.

di Ilaria Zilio

190718 0809 Philadelphia SS Prometeo 09 ridControlli all’aeroporto superati, cinture di sicurezza allacciate, i partecipanti alla terza Summer School indetta dal progetto “Prometeo” sono pronti per tornare in Italia: chi a Roma o Napoli, chi a Savona o Vicenza. Sono trascorse in un baleno le tre settimane che hanno visto protagonisti Martina Mataldi, Mariano Manzi, Irene Saràe Ilaria Zilio, che alla Sbarro Health Research Organization di Philadelphia hanno proseguito la progettazione di “Make It Green”. L’iniziativa, nata nel luglio del 2017, è incentrata su un videogioco in realtà virtuale per sensibilizzare gli adolescenti alle tematiche del rispetto ambientale e dell’economia circolare, e in particolare quest’anno il tema cardine è stato il riuso. Infatti, è ormai forte e sentita la tematica del “reuse, reduce, recycle”, in particolare negli Stati Uniti. Il riuso è la pratica che mira a risolvere a monte il problema dell’eccessivo inquinamento causato dalla plastica, spingendo le persone non solo a riciclare in maniera corretta, ma anche ad acquistare prodotti e seguire comportamenti che non producano rifiuti. Quante bottiglie di plastica, quanti bicchieri da caffè, quante buste della spesa utilizziamo ogni giorno, gettandole via una volta che non ci servono più? Quali alternative esistono in commercio, e quante di queste sono alla nostra portata quotidianamente? 

Si chiama «Make it green» ed è il progetto a cui stanno lavorando a Philadelphia i 4 ragazzi della Prometeo Summer School

di Alessandra Smerilli

pubblicato su Corriere BuoneNotizie il 06/08/2019

Quattro ragazzi, tre settimane, due tutor, un goal: make it green. È questo un progetto che nasce da un sogno di chi scrive: aiutare i giovani a sviluppare competenze nel lavoro in équipe e nella progettazione, e allo stesso tempo collaborare nella transizione verso stili di vita più rispettosi del Pianeta e dell’umanità. I ragazzi sono studenti di diverse discipline provenienti da tutta Italia e condividono vita e lavoro in un centro di ricerca a Philadelphia con l’obiettivo di sviluppare un gioco in realtà virtuale, per sensibilizzare alla sostenibilità ambientale. L’impresa sembra ardua: può un gioco aiutare a modificare stili di vita e comportamenti individuali? Può far divertire e nello stesso tempo renderci migliori? Se ben pensato può quantomeno indurre a riflettere.

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 527 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.