IlvaTaranto

A partire da una visione globale di sistema, tra questione ambientale, lavoro e conti pubblici

di Alberto Ferrucci

pubblicato su Città Nuova il 20/11/2019

L’area a caldo della acciaieria di Genova è ferma da anni, quando cokerie ed altoforno erano in funzione si poteva riconoscere chi vi abitava accanto dal colore scuro dei loro polmoni nelle radiografie: a Genova l’area a caldo si è chiusa dirottando un migliaio di lavoratori alla manutenzione della città, ma se la chiudessimo a  Taranto non produrremmo più  l’acciaio di buona qualità per la nostra industria meccanica.

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 496 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.