Scuole Edc Italia

Trecastagni: Focus su economia e giovani

La Scuola Popolare di economia civile e di comunione di Trecastagni (Catania) giunge al suo ultimo appuntamento per il 2014

di Flavia Cerino

141031 Trecastagni Giusy Amore ridUn tema impegnativo quello scelto per l’ultimo appuntamento della Scuola popolare, "economia e giovani", ma così coinvolgente da indurci a decidere che l’avvio del prossimo corso sarà dedicato ancora ai giovani. E lo faremo, forse, con un approfondimento a cui inviteremo alcuni più esperti di noi e soprattutto tanti giovani a cui dare parola per le loro storie a volte brillanti ma più spesso tribolate e prive di lieto fine.

Giusy Amore, mamma felice e lavoratrice precaria, ha introdotto alcune riflessioni sulla situazione lavorativa dei giovani rifacendosi alle sue stesse esperienze lavorative e ad alcuni editoriali di Luigino Bruni (che tutti avevamo già letto prima di ritrovarci per la scuola).

Suo fratello Ignazio - manager di successo con un’ottima laurea ed un master, assunto in un’importante azienda commerciale appena conclusi gli studi - ci ha descritto lunghissime giornate in azienda. Lì vengono assorbite integralmente le sue 141031 Trecastagni Rosy con Tommasino ridforze (molte, anche perché è giovane), il suo tempo (tutto), ma vengono anche riconosciuti i successi e non mancano risultati importanti e belle soddisfazioni. "Eppure dopo due giorni di vacanza, lontano dal lavoro, mi sono chiesto se la mia vita può essere tutta lì. E mi sono detto di no". Da qui l’idea di mettere a frutto i talenti “di famiglia” e di elaborare con Giusy un progetto professionale che ancora è in fase di sviluppo ma promette bene. "Sono contento di lavorare lì dove sono, ma la vita è fatta anche di altro. Ora che posso, voglio fare di tutto per crearmi delle alternative. Certo, se volessi semplicemente cambiare lavoro potrei farlo ma dovrei lasciare la Sicilia, qui non c’è nulla per me. Ma voglio restare qui e questo significa lavorare per crearmi un altro lavoro che corrisponda alle mie esigenze, che in fondo sono quelle di ogni persona".

 

Le parole di Giusy e di Ignazio e di tutti gli altri che nei mesi scorsi hanno 141031 Trecastagni Giusy e Ignaziosinceramente dato voce a pensieri e storie belle e brutte ora costituiscono il bagaglio che la scuola ci ha dato. Gli editoriali di Luigino Bruni e gli articoli di altri Autori ci hanno fatto riflettere e discutere anche su temi lontani dall’economia e su cui le opinioni sono molto diverse.  Ma proprio così la Scuola Popolare ha raggiunto il suo obiettivo. E’ il luogo civile in cui “reimpareremo ad ascoltarci, a sentire l’anima, il sangue e la carne della nostra gente”, cioè le coordinate della mappa dell’Italia che vogliamo riscoprire come l’ antica/nuova terra in cui vivere.

Ci siamo salutati con un semplice momento di festa. La Scuola riprenderà nel 2015 e sarà dedicata prevalentemente allo studio (popolare, ovviamente) dell’Economia di Comunione.

 

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 496 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.