Istituto Universitario Sophia

Master e Phd. in Fondamenti e prospettive di una cultura dell'unità

specializzazione in Economia e Management

Sophia si propone come un laboratorio di formazione e di ricerca in cui si riconnettono i home_sophia1.jpglegami profondi tra vita e pensiero, tra studio ed esperienza. E' un istituto universitario che guarda al futuro, attento alle istanze che il nostro tempo offre perché l'uomo di oggi e di domani - come amava ripetere Chiara Lubich - diventi sempre più uomo-mondo".

Sophia offre una formazione aperta a tutti e su saperi incarnati che possono diventare competenze distintive nel mondo economico e in particolare dell’impresa.

Sophia è uno strumento di formazione di quegli “uomini nuovi” intrisi ed allenati nella "cultura del dare" e nella reciprocità, senza la quale non è possibile realizzare un' Economia di Comunione. E’ per questo una parte sostanziosa degli utili dell’EdC sostiene finanziariamente Sophia.

Per saperne di più: http://www.sophiauniversity.org/it/link.gif

Studiare economia a Sophia: strumenti e metodo

Giulia Pongiglione, 25 anni, genovese, dopo la Laurea triennale in Economia e Commercio, sta concludendo la Magistrale a Sophia. Seguiamo la traccia del suo percorso.

pubblicato su iu-sophia il 17/09/2016

Giulia Pongiglione rid«“Voglio che la mia vita sia utile, vorrei fare del bene...”: questa è certamente una delle ragioni che mi ha guidato nel mio percorso di studio, una volta finito il liceo. L’impatto con il mondo universitario e con l’insegnamento dell'economia è stato forte, spesso infatti constatavo che le principali scuole di pensiero riducevano, magari anche solo per praticità, la realtà a modelli di cui però non condividevo i fondamenti antropologici perché non li ritenevo veri. Piano piano ho sentito sempre di più il bisogno di capire se la mia visione fosse conciliabile con le categorie economiche e ho iniziato ad esplorare su Internet il mondo dell'economia sociale.

Un giorno ho trovato l'Economia di Comunione (EdC)e poi Sophia. Mi sono subito accorta della grande sintonia che c’era e mese dopo mese sentivo che non era soltanto quello che cercavo, cioè un’economia al servizio dell'uomo e non viceversa, ma che c'era di più.

Così, piena di dubbi e assolutamente ignara di “che cosa fare dopo”, sono partita per la summer school sull’Economia di Comunione a Parigi, la settimana prima l’inizio di Sophia. La prima sera, guardando un video sull'Edc, non ho più avuto dubbi: anche se non capivo ancora fino in fondo, sentivo che Sophia era la cosa da fare in quel momento. Così, il giorno dopo Parigi sono arrivata a Loppiano, dove ha sede Sophia: giusto il tempo di cambiare le valigie! Qui è stata una sorpresa continua: il rapporto con studenti da tutto il mondo, la voglia di arricchirsi l'un l'altro, la ricerca di coerenza tra lo studio e la vita privata, tra teoria e pratica, l’interdisciplinarietà e la pluralità di sguardi con cui vengono approcciati i vari temi... mi sembrava tutto ciò che consapevolmente o meno avevo cercato!

Durante i mesi, questa atmosfera di accoglienza e fraternità vissuta anche nelle Studentesse Sophia ridresidenze mi ha spinta a lavorare anche su me stessa. Da un punto di vista accademico, non dimenticherò mai una delle prime lezioni di management in cui ci è stato chiesto di riguardare le principali teorie manageriali in maniera critica e di evidenziarne punti di forza e di debolezza. Per me è stato uno dei momenti di maggiore crescita, perché mi ha fatto capire che per cambiare l’economia non posso tirarmene fuori, ma devo immergermi dentro totalmente e "illuminare", esaltare le cose belle che ci sono e cercare poi di lavorare sulle ingiustizie. Questo momento ha rappresentato una forte crescita per me.

In due anni di vita con persone da tutto il mondo si impara molto, ma ad un certo punto arriva anche la fatica e… sono grata anche di questo. Penso infatti che vivere la fatica, cercando di non farsi sovrastare da essa, sia uno degli esercizi più utili per la vita: capiterà di non essere capiti e sarà importante avere acquisito gli strumenti per reagire in modo costruttivo, oltre al metodo per trovare quelli che ancora mi mancano. Sto concludendo la Specializzazione e, pensando al mio futuro, vorrei fare moltissime cose... non ho paura di mettermi in gioco anche in ambito lavorativo.

Per chi vuole o pensa di venire a Sophia i miei consigli sono apparentemente semplici: prendere contatto con l’università e gli studenti e, se si può, venire qualche giorno a sperimentare la vita accademica e in residenza; cercare di capire, con i professori, gli studenti, ma anche le persone care, se è un percorso che fa al caso proprio o no. Penso sia importante non tralasciare anche i vari timori che possiamo avere, per capire se siano un impedimento o no. Penso che il percorso di Sophia possa arricchire chiunque, ma credo che sia necessaria la volontà di mettersi in gioco: per me è stato proprio un laboratorio a 360 gradi!»

 

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 404 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.