Rassegna stampa

Radio Vaticana - 27/05/2011

Intervista all'imprenditore brasiliano Armando Tortelli, a Cristina Calvo, direttore di Caritas Argentina, ed all'esperto di economia politica Felice Lopresto su Radio Vaticana, 27 maggio 2011

L'economia globalizzata crea squilibri sociali

pubblicato su radiovaticana.org il 27/05/2011

Logo_radiovaticana

L'economia di Comunione, nata in Brasile da un'idea di Chiara Lubich, compie 20 anni. La ricorrenza viene celebrata a San Paolo in un convegno internazionale dal titolo "La profezia si fa storia: 20 anni di Economia di Comunione", alla presenza di 1.500 imprenditori, lavoratori e studiosi provenienti da 37 Paesi. L'economia globalizzata crea ricchezza, ma produce nuovi costi causati da uno squilibrio sociale fuori controllo che sfocia nell'intolleranza.

I temi della giustizia sociale e della comunione, per la costruzione di una società più solidale, diventano oggi il tema dominante della nuova economia. Le imprese che aderiscono all'Economia di Comunione sono circa 800 nel mondo, si impegnano a generare ricchezza, a creare nuovi posti di lavoro ed a condividere i profitti, destinandone una parte allo sviluppo dell'azienda, un'altra alla promozione della cultura di comunione ed una terza parte ai poveri. Con noi, Cristina Calvo, direttore di Caritas Argentina, l'imprenditore brasiliano Armando Tortelli e Felice Lopresto, esperto di economia politica, autore del libro "Le regole del mercato senza regole"(Luigi Pellegrini Editore).

vai al podcast

Seguici su:

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 1014 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.