Radio Vaticana - 27/01/2011

Convegno in Kenya sull'economia di comunione promosso dal Movimento dei Focolari

intervista a Geneviève Sanze

pubblicato su radiovaticana.org il 27/01/2011

110125_Nairobi_46_Genevieve

Economia di Comunione: un nuovo paradigma per lo sviluppo africano”: è il tema della conferenza internazionale organizzata dall’Università Cattolica dell’Est Africa a Nairobi, in Kenya, in collaborazione col Movimento dei Focolari. Al convegno, che si concluderà domani, sono presenti autorità civili e religiose, imprenditori, banchieri, rappresentanti di Ong locali e studenti di diversi Paesi del Continente. È la prima volta che un’università africana presenta l’economia di comunione. Ma in cosa consiste questo progetto? Adriana Masotti lo ha chiesto a Geneviève Sanze, membro della Commissione Internazionale Economia di Comunione:

L’economia di comunione è nata in una spiritualità che stava cercando di attuare la comunione tra le persone già da anni. Nel ’91, quando Chiara Lubich andò in Brasile, rimase molto colpita nel vedere tanti ricchi, ma anche tanti poveri. Capì così che questa vita di comunione doveva poter arrivare a tutti: com’era nella vita dei primi cristiani, quando si diceva “Nessuno tra loro era bisognoso”. Così, ha lanciato l’idea di far nascere delle aziende, i cui utili venissero messi in comune, liberamente, per poter aiutare, all’inizio, i più poveri tra noi. E questo ha portato a una nuova visione della vita aziendale, nella quale l’uomo viene messo realmente al primo posto!

Per la prima volta si presenterà l’economia di comunione in un’università africana. So che, per questo evento, c’è tanta attesa: perché?

Noi, come popolo africano, siamo in grande attesa per questo evento, perché in questo progetto dell’economia di comunione vediamo una reale risposta: per uscire dalla povertà, bisogna vivere la reciprocità e la comunione. Tutto questo nel pieno rispetto della dignità umana. E abbiamo potuto vedere che questo progetto rispetta anche molto la nostra cultura. In questa relazione di reciprocità scopriamo che non è soltanto chi dà che fa un’ esperienza di felicità, ma anche chi riceve: tutti e due danno qualcosa, ricevendo reciprocamente una grande gioia. Siamo tutti in grande attesa, per capire come anche noi, grazie a questa nuova visione, possiamo uscire dalla povertà.

Per dare continuità agli interventi che ci saranno in questi giorni, l’università di Nairobi ha deciso di offrire dei corsi di approfondimento sul tema dell’economia di impresa per l’Africa. Questi corsi saranno affidati ad un gruppo di economisti e studiosi che lavorano proprio nell’economia di comunione. Qual è l’importanza di questa iniziativa?

E’ veramente molto importante questa iniziativa: quello che l’università ci ha chiesto è ancora più grande: poiché in questa economia di comunione vedono la presenza di un’etica che può aiutare l’economia e non solo l’economia, nascerà in futuro un centro per informazioni e consulenze a questo modello economico. Tutti i vescovi del Paese si sono uniti insieme per creare quest’università e si augurano che questa esperienza possa continuare.

ascolta l'intervista

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.