International Events

L’Economia come espressione della Comunione

Si è svolto dal 26 al 28 aprile il XXXI Incontro di Economia di Comunione dell'Argentina

di Carolina Carbonell

Un fine settimana di scambio e riflessione aperto verso una comprensione sempre 130426-28 OHIggins 02 ridpiù profonda del modo di portare avanti le aziende in base al paradigma della comunione. Erano presenti nell'ultimo fine settimana di aprile a questo XXXI Incontro di Economia di Comunione tenutosi alla Mariapoli Lia – O’Higgins (Buenos Aires) , un centinaio fra imprenditori, lavoratori, studiosi e interessati all’EdC. Rappresentanze anche dal Messico con Esperanza e Gustavo, dal Paraguay, con un gruppo di quindici persone e dall’Uruguay. Molti ovviamente gli argentini da diverse regioni.

 

Il programma ha preso avvio con l’Assemblea di UNIDESA S.A., la società che gestisce il Polo Solidaridad della cittadella. Da mettere in rilievo il passaggio di consegne ai giovani nella guida della società, che andrà avanti con l’incondizionato supporto da parte di coloro che, percorrendo una lunga strada, fino ad oggi hanno lavorato per il Polo. Poichè non è possibile descrivere un’albero senza guardarne la radice (e più grande è l’albero più importante è la radice), il programma del mattino si è aperto col tema “EdC, Economia e Francesco”. Un viaggio attraverso i carismi della storia che hanno avuto la capacità di vedere prima e più lontano.

130426-28 OHIggins 01 ridTra le tante esperienze, l'appello di un giovane che ha chiesto agli imprenditori di coinvolgere nei loro progetti e sogni i giovani che vogliono intraprendere una attività, perché i giovani hanno il tempo, l’energia e l’entusiasmo per lanciare progetti che magari da soli non potrebbero fare e che l’imprenditore da solo non ci riesce neanche, per mancanza di tempo.

Interessante anche il momento di esperienze condivise con i partecipanti ad un convegno del Movimento Politico per l’Unità (MPPU), a dimostrare l’importanza che politici, imprenditori e studiosi “facciano strada insieme”.

Nel pomeriggio si sono svolti tre workshop simultanei (1- Le aziende EdC – progetto e sviluppo, 2- Rapporti interpersonali nella azienda EdC e 3- Gli studiosi nell’EdC), molto ricchi di esperienze e di scambi, le cui conclusioni sono state condivise in plenaria.

Ricordando la visita di Maria Voce (Emmaus) al Polo dell'aprile 2012, il tema della domenica mattina è stato “L’Economia come espressione di Comunione”. Quella infatti l'espressione che Emmaus utilizzò in quell'occasione per descrivere quanto lei aveva percepito visitando il Polo, frutto di una vita costruita insieme.

La pioggia battente del sabato non è riuscita a "spegnere il fuoco" che bruciava 130426-28 OHIggins 03 riddentro ciascuno e come succede spesso... il sole è uscito la domenica in tempo per la foto finale. Allora quello che rimane sempre è la comunione e per la comunione siamo liberi. Così facendo saremo una bella testimonianza per l’Umanità.

Prossimo appuntamento, dal 6 al 8 settembre, nella città di Rosario che ci accoglierà per il 32º raduno con una fiorente primavera.

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 392 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.