Iniziative Italia

Iniziative, appuntamenti, convegni...

La ricerca della felicità. Entra in campo l’economia civile

Esami di maturità 2010: anche una frase di Stefano Zamagni fra quelle poste alla riflessione dei maturandi: abbiamo chiesto un parere in merito al professore

La ricerca della felicità. Entra in campo l’economia civile.

di Antonella Ferrucci

La traccia proposta quest’anno per l’ambito socio-economico della prima prova scritta dell’esame di maturità ha avuto per argomento “La ricerca Stefano_Zamagnidella felicità”. Fra i testi posti alla riflessione dei maturandi, anche una frase di Stefano Zamagni che evidenzia la separazione fra le categoria dell’utilità e della felicità mentre sottolinea le connessione fra felicità, gratuità e reciprocità.

Professor Zamagni, cosa significa dal punto di vista della cultura di oggi che questi argomenti, fino a qualche anno fa considerati “eretici”, vengano inseriti nei temi dell’esame di maturità? Stiamo raggiungendo una massa critica?

"In effetti questa piacevole sorpresa mette in evidenza come il seme gettato anni fa che ha visto coinvolti Chiara Lubich e la sua Economia di Comunione, il sottoscritto, Luigino Bruni e altri, sta dando frutto iniziando a diventare patrimonio comune. Personalmente ho cominciato a parlare di Economia Civile 17 anni fa. Da allora varie pubblicazioni, tra cui solo negli ultimi anni cito “Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica” del 2004 e il “Dizionario di Economia civile” del 2009, entrambi scritti con Luigino Bruni, hanno portato avanti queste idee. Quando un progetto culturale serio viene lanciato, se si ha la pazienza di attendere, i frutti arrivano. Proprio per questo motivo ho sostenuto con entusiasmo Chiara Lubich per la realizzazione dell’Istituto Universitario Sophia: sono convinto infatti che Sophia con il suo particolare metodo, nel giro di 10 anni realizzerà una vera rivoluzione culturale.

 

Tornando al tema della maturità va sottolineato come per la prima volta “utilità”e “felicità” vengono considerate come categorie “separate”. Inoltre se questi temi sono offerti alla riflessione degli studenti questo significa che nel corso degli anni vari professori hanno trattato il tema della “pubblica felicità” tipico dell’economia civile, in filosofia, in lettere o in storia. Questo dimostra appunto che i semi piantati negli anni stanno mettendo frutto: iniziano ad essere maturi i tempi in cui pensare ad una economia di mercato come strumento di civilizzazione, in un modo tutto nuovo. Chiara con l’Economia di Comunione ha avuto una idea “vincente”. Ora anche Lei da lassù, potrà gioire di questo."

Ecco il testo citato fra i documenti su cui elaborare la prova:
Il tradimento dell’individualismo sta tutto qui: nel far creder che per essere felici basti aumentare le utilità. Mentre sappiamo che si può essere dei perfetti massimizzatori di utilità anche in solitudine, per essere felici occorre essere almeno in due. La riduzione della categoria della felicità a quella della utilità è all’origine della credenza secondo cui l’avaro sarebbe, dopotutto, un soggetto razionale. Eppure un gran numero di interazioni sociali acquistano significato unicamente grazie all’assenza di strumentalità. Il senso di un’azione cortese o generosa verso un amico, un figlio, un collega sta proprio nel suo essere gratuita. Se venissimo a sapere che quell’azione scaturisce da una logica di tipo utilitaristico e manipolatorio, essa acquisterebbe un senso totalmente diverso, con il che verrebbero a mutare i modi di risposta da parte dei destinatari dell’azione. Il Chicago man – come Daniel McFadden ha recentemente chiamato la versione più aggiornata dell’homo oeconomicus – è un isolato, un solitario e dunque un infelice, tanto più egli si preoccupa degli altri, dal momento che questa sollecitudine altro non è che un’idiosincrasia delle sue preferenze. [...] Adesso finalmente comprendiamo perché l’avaro non riesce ad essere felice: perché è tirchio prima di tutto con se stesso; perché nega a se stesso quel valore di legame che la messa in pratica del principio di reciprocità potrebbe assicuragli.

Stefano ZAMAGNI, Avarizia. La passione dell’avere, Bologna 2009

Seguici su:

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 475 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.