Iniziative Italia

Iniziative, appuntamenti, convegni...

Emergenza lavoro: giovani in cerca di un'economia giusta

di Tiziana Nicastro

pubblicato su: La Gazzetta di Parma, il 18/03/2012

120317_Parma_ridBisogna pensare a un nuovo welfare che metta al centro i giovani e i loro bisogni. E’ questa una delle considerazioni che emerge dal convegno «Giovani, lavoro, impresa»: un’iniziativa promossa da numerose associazioni e movimenti di Parma che a distanza di un anno si son ritrovati per la seconda volta per riflettere sul mondo del lavoro, ancor più in questo periodo di crisi.

L'emergenza lavoro

E’ appena andato via da Parma il segretario nazionale della Cisl Raffaele Bonanni, quando sindacalisti, docenti universitari, imprenditori ed esponenti dell’associazionismo locale s’incontrano, nella sala Santa Elisabetta del campus universitario, per riflettere e dialogare su quella che è una vera e propria emergenza: il lavoro. Questa volta non ci si pone la domanda quanti sono i disoccupati in Italia, bensì ci si interroga su i valori che vanno rimessi alla base dell’agire sociale. Il cappellano universitario don Umberto Cocconi puntualizza che nel mondo di oggi «il lavoro è ridotto purtroppo a merce», e dunque c'è la necessità di formare i giovani «in scienza e coscienza». Attenta e precisa l’analisi svolta dal professore Franco Mosconi che vede nella crisi che governa il mondo di oggi, e permea anche l’Italia, un segnale forte di richiamo: «C’è bisogno di passare dalla finanza fine a se stessa e dal profitto accresciuto di trimestre in trimestre, a un’economia giusta - così come la definisce lo scrittore Edmondo Berselli -, ove è lo Stato a ridistribuire in modo equo la ricchezza».

E un Paese avanti all’Italia per capacità di coniugare al meglio equità ed efficienza è senza dubbio la Germania. Anche il Paese tedesco non è esente dalla crisi finanziaria che sta investendo il mondo intero; «basti pensare - spiega il prorettore dell’università di Parma Guido Cristini - che il volano finanziario in giro per il mondo è 10 volte la ricchezza del mondo», un dato che porta conseguenze - che stiamo già verificando in prima persona - pesanti. E’ per questo che diviene urgente e prioritario «rimettere al centro l’economia reale - come sostiene Cristini -, un’economia che risponda ai bisogni delle persone, lavoratori e fruitori di servizi». E poi da ultimo, ma non di minor importanza, vi è la necessità che le agenzie educative lavorino al fianco dei giovani e s’impegnino con essi a verificare passo passo obiettivi da seguire per la piena realizzazione dei giovani, come persone e lavoratori.

L'economia di comunione

Il dialogo sul tema è appassionato e ognuno dei relatori porta la propria visione e il proprio contributo. Un seme di speranza arriva dal progetto dell’economia di comunione presentato da Alberto Frassineti: «Si tratta di un’idea nata 20 anni fa in Brasile da Chiara Lubich; un’idea che vede le imprese aderenti destinare parte dei propri utili agli indigenti». Alla base dell’edc vi è la persona, non solo il profitto dell’azienda, così chi dona e chi riceve hanno pari dignità. Come diceva Chiara Lubich «l’indigenza si vince quando scatta la fraternità». Se si pone questo pensiero come regola alla base dell’agire sociale certamente vi saranno meno poveri, più persone capaci e pronte a lavorare per realizzare se stesse e per dare il proprio contributo all’umanità.

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 480 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.