Loppiano Lab

Image

“Custodire, valorizzare, innovare. Tempo scaduto?"

4-5 ottobre 2019 (Loppiano – FI)

Decima edizione - “Custodire, valorizzare, innovare”. È intorno a queste tre parole chiave che nasce la proposta della decima edizione di Loppianolab, il laboratorio per l’Italia che ritorna, il 4 e 5 ottobre 2019, rinnovato nel format e nei contenuti con focus, laboratori ed esperienze, per approfondire la nostra relazione con la Terra e con l’uomo. Nell’epoca in cui l’umanità sta consumando le risorse terrestri disponibili e il futuro dei nostri giovani, Loppianolab guarda al Pianeta.

Attraverso la consueta formula laboratoriale che contraddistingue l’evento, LoppianoLab raccoglierà interrogativi e problemi, ascolterà la voce di esperti e quella di chi ha saputo innovare, proporrà piste d’azione e sensibilizzazione, buone pratiche, si confronterà con le culture indigene, si farà promotore di una presa di coscienza individuale e collettiva che rimetta al centro dell’economia, del lavoro, della politica, l’essere umano e il Creato.

Vedi il sito di LoppianoLab - Vai al programma complessivo (il programma è ancora in corso di aggiornamento) - Iscriviti a Loppianolab 

Info e prenotazioni alloggi: 055 9051102 - loppianolab.accoglienza@loppiano.it

LoppianoLab è promosso dal Polo imprenditoriale EdC Lionello Bonfanti e dalla Cittadella internazionale di Loppiano in collaborazione con Istituto universitario Sophia e Gruppo editoriale Città Nuova .

Loghi_promoter_LoppianoLab

LoppianoLab: Povertà e ricchezze dell'Italia di oggi

La settima edizione di LoppianoLab è ormai alle porte: gli appuntamenti economici della manifestazione. Intervista a Luigino Bruni. Disponibile il programma e la scheda di prenotazione online.

a cura di Elena Cardinali

pubblicato su: Città Nuova il 13/09/2016

Al via il 30 settembre la settima edizione di LoppianoLab. Tanti gli appuntamenti 150925 26 Convention EdC 11 rideconomici della manifestazione: Convention sui 25 anni del progetto di Economia di Comunione - Laboratori su imprese e integrazione, progetti pilota contro le povertà e inclusione sociale, micro-credito per un’economia civile in Italia, giovani e futuro.

Interverranno, tra gli altri: Luigino Bruni, economista, coordinatore internazionale del progetto di Economia di Comunione; Stefano Zamagni, economista; Silvia Vacca, presidente SEC, Scuola di Economia Civile; Elisa Della Rosa, vice Direttore Generale Banca CARIM-Cassa di Risparmio Spa; Steni Di Piazza, presidente MECC, Microcredito per l’Economia civile e di comunione; Leonardo Becchetti, economista; Chiara Pacino, PILVI srl-brand kidswear-start up innovativa; Marta Cagnola, giornalista Radio24; Giuseppe Frangi, direttore del periodico Vita.

«La povertà prima in Italia è la mancanza di speranza e di entusiasmo civile. Manca la “fame di futuro”.» – parola di Luigino Bruni, economista alla LUMSA e coordinatore internazionale del progetto di Economia di Comunione – «Non a caso la settima edizione di LoppianoLab porta un titolo ambivalente, “POWERTÀ – La povertà Logo LoppianoLab 2016 crop moddelle ricchezze e la ricchezza delle povertà”: da una parte c’è un’Italia che vuole ripartire, dall’altra le stime ci dicono che la povertà assoluta è in aumento. C’è voluta la tragedia del terremoto in centro Italia per mostrarci, ancora una volta, che il senso di comunità, di solidarietà e la capacità di far rete proprio in situazioni estreme resta la nostra più grande risorsa nazionale. Insomma, la prima ricchezza di un popolo è la sua capacità di saper individuare le povertà».

«Nella sua forma laboratoriale e collaborativa LoppianoLab punta quest’anno a far uscire allo scoperto povertà e ricchezze dell’Italia, invisibili o meno. Ingiustizie, gioco d’azzardo, mancanza di legalità, fragilità strutturale, mancanza di lavoro, accanto all’enorme capacità relazionale personale e collettiva, sono elementi che sembrano opposti ma sono co-essenziali per il bene comune».

«Se saremo capaci di mettere a reddito il senso di comunità – conclude Bruni – in un modo non nostalgico, né conservatore, torneremo a guardare avanti e penso che verso il 2020 possa verificarsi “l’esplosione” della ripresa. Un ruolo fondamentale lo giocheranno Chiese, movimenti e quanti – persone e organismi – hanno idealità. Il progetto di Economia di Comunione in Italia che festeggia quest’anno il suo venticinquesimo anno di vita proprio a LoppianoLab s’inserisce in questa linea: lavorare in sinergia con tutti gli attori culturali, politici, civili ed economici del Paese per mettere a reddito il senso di comunità e ripartire».

vedi il programma  - La scheda online per prenotarsi è disponibile qui

Per informazioni: email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 055.9051.102

 

Seguici su:

Rapporto Edc 2018

Rapporto Edc 2018

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 380 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.