• Economia di Comunione
    Persone e imprese che attivano processi di comunione.
    Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.
    Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime
    scopri di più...
  • The Economy of Francesco
    Nuove date per "The Economy of Francesco", 19-21 Novembre 2020scopri di più...
  • #EoF: Nuove date Side Event, Perugia 2020
    Promosso da Economia di Comunione, il side-event di Perugià del 20-22 novembre 2020 è per tutti coloro che non possono partecipare direttamente all’Economy of Francescoscopri di più...
  • Rapporto Edc 2018
    Disponibile il Rapporto Edc 2018. Guarda il video e scopri di più con la scheda di approfondimento.scopri di più...

Economia di Comunione

Persone e imprese che attivano processi di comunione.

Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.

Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime.

Nasce la rete EoC-IIN!

A Loppiano, rappresentanti di tutto il mondo Edc hanno progettato la nuova stagione dell'Economia di Comunione, trovando in EoC-IIN lo strumento per andare verso tutti i possibili candidati all'Edc

di Antonella Ferrucci

160310 12 Loppiano Commissioni Edc 33 ridEoC-IIN ovvero EoC International Incubating Network: è il nome scelto per designare la rete internazionale di supporto all’imprenditorialità nata lo scorso 12 marzo al culmine di un intenso incontro di lavoro della durata di tre giorni, svoltosi a Loppiano. 80 persone da 26 paesi -da vari paesi dell’Africa alla Corea ed alle Filippine, dal Brasile, all’Argentina, dal Messico agli Stati Uniti e da quasi tutti i paesi europei, si sono ritrovate in rappresentanza delle realtà Edc di tutto il mondo -Commissioni, Associazioni e Poli-, dopo un lavoro preparatorio svoltosi sia localmente che a livello centrale nell’arco degli ultimi mesi; significativa la rappresentanza dei giovani. Scopo dell’incontro era generare insieme, nell’anno del 25° Edc, un progetto in grado di rispondere alle sfide di oggi, dando così vita ad una nuova stagione di EdC in tutto il mondo.

La prima idea di mettere in moto le competenze dei nostri imprenditori e professionisti di tutto il mondo ci era venuta dai giovani che durante le varie Summer School esprimevano il desiderio di creare160310 12 Loppiano Commissioni Edc 30 rid aziende", ci confida Anouk Grevin. "Abbiamo cominciato a discuterne nell’ambito della Commissione Internazionale Edc e si è compreso che la sfida era certamente più ampia. Da qui la decisione di  coinvolgere nel processo decisionale tutti gli attori del mondo EdC: occorreva avventurarsi in un cammino di creazione collettiva. Una volta a Loppiano, insieme da tutto il mondo, ci siamo resi conto che non si trattava di creare un ennesimo incubatore di impresa come migliaia già ne esistono. L'obiettivo era più grande: mettere in atto una nuova, grande stagione di rilancio dell'Edc che attirasse con nuovi strumenti persone in gamba che già hanno una vocazione all'Edc anche se ancora non lo sanno." 

Il momento di sintesi a Loppiano di inizio marzo è stato il frutto di un processo partecipativo durato vari mesi: partendo di una prima proposta, si è valutato insieme “se160310 12 Loppiano Commissioni Edc 31 ridtale progetto si voleva realizzare, quindi “cosa” fare e “come” farlo.

Ci racconta Rebeca Gomez, dello staff organizzativo EoC-IIN di stanza al Polo Lionello: “E’ stato un percorso di lavoro a tappe:  il primo passo è stato un’immersione nelle pratiche d’incubazione d’impresa più innovative del mondo, seguito da un approfondimento delle esperienze e risorse esistenti nel mondo EdC in questo ambito. Con l’alternanza continua fra i lavori in gruppo, per regioni geografiche, e il dialogo tutti insieme, i rappresentanti di ogni paese hanno capito cosa potevano offrire a questa rete e di quali risorse avevano bisogno per la realizzazione della proposta. Nei prossimi mesi si continuerà a lavorare localmente in dialogo con la Commissione Internazionale per rendere concreto il progetto.”

Una attenzione particolare l’ha avuta il continente africano. Durante un’intera giornata, Logo Eoc iin ridsuccessiva all’incontro, si è approfondito il lavoro cominciato nel 2010, evidenziando il grande contributo dell’EdC africana al mondo, la sua specificità e il modo con cui comunicare EdC in queste terre.    

Ma che cos’è in pratica la Economy of Communion International Incubating Network (EoC – IIN) nata a Loppiano? Lo chiediamo a Florencia Locascio che già da dicembre lavora attivamente per mettere le basi di questo progetto:

EoC-IIN è una realtà globale che si esprime a forma di rete, per l’incubazione di nuove aziende con lo spirito della comunione, con nodi (hub) presenti su tutti i continenti, che offriranno diversi servizi nel processo d’incubazione con il marchio della gratuità e della 160310 12 Loppiano Commissioni Edc 34 ridreciprocità.  Obiettivo fondamentale di questo progetto è dotarsi di nuovi strumenti per accompagnare meglio una nuova generazione d’imprenditori e tanti altri che hanno la vocazione ad una economia di comunione, ma ancora non lo sanno

Incubatori, cioè, strutture di supporto sistematico a idee imprenditoriali, ce ne sono già tanti nel mondo. Il punto di forza, il vero capitale di questa iniziativa è l’Economia di Comunione: una vera comunità con una forte impronta culturale, che si occupa di favorire la crescita delle nuove generazioni di persone e di aziende. In effetti il nome scelto esprime molto bene quello che EoC-IIN farà: una rete internazionale con le specifiche caratteristiche dell'Edc che "accoglierà", o -per conservare il concetto insito  nella parola "incubazione"- "terrà al caldo", nuove aziende EdC per permettere loro di nascere, svilupparsi e crescere. 

Come funzionerà EoC-IIN?

Continua Florencia Locascio: "Il suo motto potrebbe essere: 'Attuare localmente, 160310 12 Loppiano Commissioni Edc 27 ridpensare globalmente'. Nella prospettiva della sussidiarietà, si è deciso insieme di partire da iniziative e risorse locali, supportandole e collegandole in rete, in modo da formare insieme un’unica realtà mondiale. Ogni paese che si è offerto come nodo (hub) fornirà ai portatori di progetti imprenditoriali servizi diversi, partendo dai punti di forza della propria realtà: spazi di co-working, reti di tutoring e mentoring, workshops, stages in aziende per giovani imprenditori, ecc. La rete favorirà lo scambio di risorse, conoscenze, talenti e persone. Inoltre, i poli avranno un ruolo strategico in questa realtà. Sono già disponibili risorse economiche per creare una minima struttura che lavori per rendere il progetto operativo e avviabile.

160310 12 Loppiano Commissioni Edc 36 ridL'incontro a Loppiano è stata anche l'occasione per collegarsi già in maniera concreta e operativa fra Associazioni Edc che operano in paesi diversi come nel caso dell' Associazione italiana AIPEC e della brasiliana ANPECOM:  incontrarsi e conoscersi è stato un tutt'uno col decidere di firmare un patto di "gemellaggio" e collaborazione reciproca.

EoC-IIN: in sintesi un progetto che avrà ricadute positive non solo nel favorire la creazione di nuove aziende a motivazione ideale, ma anche per rilanciare tutta l’EdC. Ci si aspetta che porterà a: rafforzare il ruolo dell’imprenditore EdC (che sarà il primo ad 160310 12 Loppiano Commissioni Edc 35 ridoffrire ai giovani competenze, esperienza e sostegno); collegare la prima e la seconda generazione EdC in modi nuovi; fare crescere la rete mondiale Edc; camminare insieme ad altri soggetti che già lavorano per una nuova economia; trovare un linguaggio affascinante ed attuale per promuovere l’innovazione che l’EdC porta; contribuire allo sviluppo dei poli; trovare nuove vie per poter ridare un posto nell’economia a quelli che ne sono stati esclusi, aiutandoli a diventare anche loro generatori di ricchezze; infine -soprattutto- porterà a "uscire" tramite bandi a altri strumenti, proponendo l'Edc alle tante persone creative e ricche di valori ideali che ancora non la conoscono: sarà il mettersi in moto verso tutti i candidati possibili all'Edc che realizzerà una nuova stagione per il progetto, capace di futuro.


Le scadenze del Call for Projects - I progetti sviluppati per EoC-IIN dagli attori EdC di tutto il mondo andranno inviati entro il 30 giugno 2016 alla Commissione Internazionale EdC, all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La Commissione Internazionale EdC li vaglierà e darà una risposta entro il 30 settembre 2016. Le condizioni per questo primo “call for projects” saranno comunicate quanto prima.

Icona Flickr ridvedi photogallery

Novembre 2020, Assisi
"The Economy of Francesco"

 i giovani, un patto, il futuro

www.francescoeconomy.org

i giovani,un patto,il futuro

Seguici su:

13-03-2020

Editoriali - Meccanismi e complessità del mercato, interdipendenza, fraternità di Luigino Bruni...

24-01-2020

Una mappa del pianeta, a partire dalle sue fonti energetiche, per capire le ragioni dei conflitti...

03-01-2020

Approvate “salvo intese” e con il voto di fiducia, le scelte del Conte 2 assicurano il mancato...

23-03-2020

I Commenti de "Il Sole 24 Ore" - Mind the Economy, la serie di articoli di Vittorio Pelligra sul...

21-01-2020

Opinioni - Rapporto Oxfam 2020. La forza di questi sguardi sull'ingiustizia. di Alessandra...

COME FARE PARTE

Image
Opla
AMU
Eoc
aipec

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 272 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.