A Roma si sono incontrati imprenditori, lavoratori e studiosi da 52 nazioni per offrire a papa Francesco il modesto ma sofferto frutto di venticinque anni di impegno controcorrente a realizzare una comunione produttiva aperta agli esclusi.

di Alberto Ferrucci

N44 pag03 Alberto Ferrucci Autore rid webdal Rapporto EdC 2016 (1.35 MB), su "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.44 Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.2 - 2017 - febbraio 2017

Questo rapporto 2016 esce nei giorni in cui gli operatori di economia di comunione arrivano a Roma da tutto il mondo per incontrare Papa Francesco. Essi possono offrire al Santo Padre: poli produttivi in Europa ed America Latina, vita di comunione dei lavoratori di ottocento aziende, sostegno di diverse migliaia di poveri, scuola per i loro figli, associazioni che organizzano scuole e reti di aiuto a nuove aziende di giovani imprenditori, progetti produttivi e sociali, supporto all’università della cultura dell’unità, dialogo con la cultura contemporanea.

Poca cosa di fronte alla complessità dei problemi di oggi, tanto più se offerti alla voce più autorevole sui temi del futuro sociale ed ambientale del pianeta. Sono comunque i nostri “cinque pani e due pesci”, che speriamo saranno impreziositi dai volti di tutti coloro che arriveranno all’incontro col papa con negli occhi la luce del Carisma dell’Unità, il dono di Dio affidato a Chiara Lubich sotto le bombe della seconda guerra mondiale.  

Venticinque anni fa, davanti allo scandalo delle favelas attorno ai grattacieli di San Paolo, come alternativa al consumismo trionfante dopo il crollo del muro di Berlino, Chiara aveva proposto una “comunione produttiva” inclusiva degli ultimi, invitando ad unirsi per produrre nuova ricchezza e togliere i poveri dalla loro condizione.

Questo proprio mentre stava dilagando la globalizzazione dei capitali e del lavoro, che 170204 Udienza Papa 04 ridavrebbe riscattato dall’indigenza due miliardi di persone, permettendo però ai grandi gruppi economici e finanziari, avvantaggiati dalla mancanza di regole, di eludere le imposte sui loro enormi profitti; imposte che avrebbero dovuto finanziare la ricerca e l'innovazione degli stati, necessaria a creare nuovi posti di lavoro in sostituzione di quelli tradizionali cancellati.

Ricchezze sottratte al bene comune che si incancreniscono in gruppi oramai così potenti da renderne difficile il controllo. Si consolidano così “strutture di peccato” che concentrano la ricchezza nelle mani di pochi e mettono in difficoltà molti, portandoli a dare ascolto a chi dà la colpa della situazione ai più poveri tra i poveri, quelli privati non solo dei beni, ma anche della patria che ogni giorno ci interpellano, disperati, nelle strade delle nostre città.

Si prospetta così un mondo in cui si ergono muri e crolla la fiducia, l’opposto del Mondo Unito che Chiara ha proposto indicandone la via con l’economia di comunione, il mondo che papa Francesco cerca di costruire mostrando un Dio che guarda con misericordia tutti gli abitanti di questo piccolo pianeta errante nello spazio, su cui sopravviviamo respirandone l’atmosfera che lo avvolge in uno strato davvero sottile.

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Seguici su:

facebook twitter vimeo icon youtubeicon flickr

Settimana Economia Biblica rid mod

Dal 5 al 10 giugno 2017 al Polo Lionello Bonfanti -  vedi volantino - Per maggiori informazioni

Rapporto Edc 2016

Cover Edc44 mod

Scarica il rapporto 
Vai alla versione online

Aderisci a EdC

EoC Companies crop banner rid modRegistrando la tua azienda sul sito dedicato: edc-info.org/it/

Scopri di più...

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.