Pubblicazioni

notiziario edc, rassegna stampa, articoli, saggi, libri, interventi a convegni...

notiziario edc, rassegna stampa, articoli, saggi, libri, interventi a convegni...

In questa sezione sono raccolte pubblicazioni di vario genere su Edc e tematiche ad essa collegate: molte sono disponibili on-line: saggi, interventi a convegni, articoli. Per i libri, un link diretto ai singoli editori fornisce la possibilità di acquistarli on-line.aaa

Undici nuove tesi Edc

n28_pag._11_antonella_ferruccidi Antonella Ferrucci

da "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.35 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.11 - 2012 - giugno 2012

Sono undici le tesi pervenute al nostro archivio negli ultimi mesi: tre lauree triennali, sei lauree magistrali o corsi post-laurea e due dottorati. Le tesi sono state discusse in università italiane, francesi, spagnole, brasiliane e statunitensi.


Suzana_Matiello_rid

Suzana T. Matiello

La cultura dell’Economia di Comunione e nuove prospettive

Baccalaureato in Teologia

Pontificia Facoltà dell’Italia Meridionale – Istituto Teologico “S. Pio X” Catanzaro, 15 marzo 2011, Lingua: italiano, Relatore: prof. Giuseppe Silvestre

Suzana T. Matiello - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
La tesi approfondisce l’enciclica di Benedetto XVI Caritas in veritate e la formazione di "uomini nuovi" proposta da Chiara Lubich nei Poli imprenditoriali, nell’università Sophia e nelle scuole di EdC. La categoria della comunione può dare risposte di speranza in questa crisi economica e finanziaria che è anzitutto antropologica.

 

Julio_Riuz_ridRuiz Julio Argentino

Valori intrinseci nel Mercato? La razionalità nella teoria economica e le esigenze della Dottrina sociale della Chiesa nella Caritas in veritate.

Master in Dottrina sociale della Chiesa.

Universidad Pontificia de Salamanca, 7 ottobre 2011, Lingua: spagnolo,  Relatore: prof. Fernando Fuentes de Alcántara

Ruiz Julio Argentino - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Nella Caritas in veritate si annuncia che fraternità, principio di gratuità e logica del dono sono intrinseci all’attività economica. L’analisi di due casi di aziende dell’EdC indica che l'enciclica apporta ricchezza e senso della trascendenza al rinnovamento già presenti nella ricerca e nella storia.


Felipe_Rui_Faia_ridRui Filipe Sardinha Faia

La reciprocità nell’EdC: una prospettiva di economia solidale.

Master di secondo livello in Economia sociale e solidale

ISCTE-IUL, Lisbon University Institute, 15 novembre 2011, Lingua: Portoghese,  Relatore: prof.ssa Maria de Fátima Ferreiro

Rui Filipe Sardinha Faia - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
L'EdC offre un cambio di paradigma che, valorizzando le relazioni in economia, porta ad un rinnovamento anche sociale. È la “reciprocità” il fattore che accomuna l'EdC all'economia solidale: entrambe mettono l'uomo al centro e questo può costruire un'altra “economia”.

 

Antonella_Perlari_1_ridAntonella Perlari

Coinvolgimento degli interlocutori (Stakeholder) e responsabilità sociale nell’EdC.

Laurea di secondo livello in Direzione aziendale

Università degli Studi di Verona, 24 novembre 2011, Lingua: inglese,  Relatore: prof.ssa Silvia Cantele

Antonella Perlari - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Dall’analisi dei risultati di una indagine su piccole aziende EdC del Nord Italia emergono due dati: vivendo l'EdC si migliorano i rapporti con fornitori, dipendenti e clienti e le aziende sono disposte a impegnarsi economicamente per applicare la Responsabilità sociale d’impresa (Rsi). Alcune aziende mostrano simboli di Rsi ma non trattano equamente i loro interlocutori; altre, invece, senza esibire nulla, curano i rapporti con i dipendenti, e praticano la Rsi con serietà e regolarità.


Edson_Mota_ridEdson Mota dos Santos

L’Economia di Comunione, un aiuto alla sostenibilità economica.

Dottorato in Filosofia della gestione aziendale

Florida Christian University, 29 novembre 2011, Lingua: portoghese,  Relatore: prof. Roberto Vertamatti

Edson Mota dos Santos - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La ricerca analizza l'influenza dell’EdC sulla comunità, osservandone l’impatto su economia locale e sostenibilità, e sottolinea il mutuo vantaggio che deriverebbe dal dedurre dal reddito imponibile delle aziende quanto le stesse devolvono a favore della comunità in cui operano, cooperando con lo Stato a favore delle persone più svantaggiate. Le banche potrebbero dare valore a queste imprese, concedendo prestiti con la tranquillità che può venire dall’evidenza dell’applicazione di buone pratiche "Social Corporative Governance".

 

celia_clelia_ridMaria Célia Silva Teixeira e Clélia R. Junqueira Binencasa

L’emergere dell’EdC di Chiara Lubich e del Microcredito di Yunus Muhammad

Laurea di primo livello in Amministrazione di impresa

Università Estácio de Cotia (SP – Brasile), 30 novembre 2011, Lingua: portoghese, Relatore: prof. Pedro Lacchia

Maria Célia Silva Teixeira - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Clélia R. Junqueira Binencasa - email:  e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lo studio analizza l’EdC e il Microcredito – che, pur avendo origini diverse, nascono entrambi per ridurre la povertà – tramite lo studio degli scritti di Chiara Lubich e di Yunus Muhammad, e con interviste ad operatori di EdC e tenendo conto dell'esperienza di lavoro di un giovane brasiliano al Banco Gramen. Si conclude che entrambi i progetti, sulla base del concetto di giustizia e di solidarietà ai poveri, cercano, pur in maniere diverse, di camminare per l’inclusione sociale, considerando i poveri dei cittadini che hanno diritto ad un giusto credito.

 

Anouk_Grevin_ridAnouk Grevin

Le trasformazioni di gestione nelle organizzazioni sanitarie e il loro impatto sulla salute: l'importanza di riconoscere le dinamiche del dono.

Dottorato in Management

Università di Nantes (Francia), 7 dicembre 2011, Lingua: Francese,  Relatore: prof. Mathieu Detchessahar

Anouk Grevin - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lo scopo del dottorato sul “malessere lavorativo nelle organizzazioni sanitarie” era di individuare condizioni organizzative e gestionali favorevoli alla salute dei manager e dei lavoratori e si è svolto con una ricerca sul campo in due organizzazioni, affette da “iperattività manageriale”. Secondo la teoria del dono, il lavoro contiene una parte di “dono di sé” che, se non riconosciuto, causa malessere lavorativo. I responsabili e i top manager devono evitare che gli strumenti di gestione si sostituiscano alla relazione e al dialogo, imparando a “cogliere il dono”.

 

Chiara_Bagnato_ridChiara Bagnato

Dalla Responsabilità sociale d’impresa all’EdC: manifestazioni di una “Cultura del dare” nel nostro tempo.

Laurea magistrale in Gestione d’azienda

Università Cattolica del Sacro Cuore - Piacenza, 16 febbraio 2012, Lingua: italiano,  Relatore: prof.ssa Carlotta D’Este

Chiara Bagnato - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Lo studio della Responsabilità sociale d’impresa mostra una certa tendenza delle imprese a tener conto, tra i propri obiettivi, delle esigenze ambientali e degli aspetti sociali del territorio in cui operano. Le imprese EdC appaiono compatibili con le forme organizzative dell’economia occidentale, e luogo di comunione in cui l’indigente è visto come protagonista di un rapporto che incentiva la collaborazione e suggerisce nuove iniziative imprenditoriali improntate alla sobrietà e all’essenzialità.


Irene_Lombardo_ridIrene Lombardo

Il lavoro come luogo di relazioni: la proposta dell’EdC nell’esperienza del Consorzio Tassano.

Laurea magistrale in Psicologia

Università degli Studi di Firenze, 28 febbraio 2012, Lingua: italiano, Relatore: prof. Giovanni Marocci

Irene Lombardo - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Obiettivo della tesi era di individuare la distanza tra i valori del modello EdC e la loro effettiva attuazione, in base alla percezione del vissuto in alcune realtà del Consorzio Tassano. I risultati evidenziano indicatori positivi di benessere organizzativo, forte cittadinanza organizzativa, coerenza di valori, valorizzazione, utilità sociale, ascolto attivo, relazioni collaborative. La centralità della persona nella cura e nei rapporti tra i lavoratori e con la dirigenza è riscontrata come una realtà: la relazione favorisce un benessere organizzativo che si riflette sulla soddisfazione nel lavoro e nei confronti dei suoi fruitori.

 

Simona_Longhitano_ridSimona Longhitano

Reciprocità, mercato, dono: il posto dell’EdC.

Laurea triennale in Scienze storiche e politiche

Università degli studi di Catania, Facoltà di Scienze politiche, 22 marzo 2012, Lingua: italiano, Relatore: prof.ssa Tiziana Briulotta

Simona Longhitano - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Quando il dono trova spazio nell’economia, l'homo oeconomicus viene soppiantato dall'homo agapicus, che è attore di un'economia altra, ormai da diversi anni applicata nell'EdC. L’attuale crisi economica, finanziaria e morale spinge a cercare economie altre che provochino un mutamento dall'interno del sistema capitalistico. L'EdC mantiene libertà ed uguaglianza ripristinando il principio dimenticato della fraternità. Una cultura economica che apre alla ragionevolezza, alla diversità, all'ascolto, alla reciprocità, alla fraternità.

 

Emanuela_Cavaleri_ridEmanuela Cavaleri

Esperienze di economia civile nell’Africa sub-sahariana. Il progetto dell’EdC.

Laurea triennale in Politica e relazioni internazionali

Università degli studi di Catania, 26 marzo 2012, Lingua: italiano, Relatore: prof.ssa Maria Olivella Rizza

Emanuela Cavaleri - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dall’analisi dell’esperienza di EdC emerge la percorribilità della proposta dell’economia civile e la sua compatibilità con l’economia di mercato. In particolare, in Africa la recente nascita di numerose nuove esperienze imprenditoriali legate all’EdC ne ha mostrato l’applicabilità in questo specifico contesto. Tali esperienze, che si sono inserite in reti di relazioni e di reciprocità già esistenti, sono un segnale della volontà di molti in Africa (giovani in particolare) di accogliere la sfida della creazione della ricchezza come alternativa virtuosa alla sola redistribuzione come primo passo per migliorare la propria situazione e quella della propria comunità.

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) 14-15 settembre 2019 (Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 784 visitatori e un utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.