Pubblicazioni

notiziario edc, rassegna stampa, articoli, saggi, libri, interventi a convegni...

notiziario edc, rassegna stampa, articoli, saggi, libri, interventi a convegni...

In questa sezione sono raccolte pubblicazioni di vario genere su Edc e tematiche ad essa collegate: molte sono disponibili on-line: saggi, interventi a convegni, articoli. Per i libri, un link diretto ai singoli editori fornisce la possibilità di acquistarli on-line.aaa

Coltivare idee e aprire cantieri

Intervista ad alcuni corsisti della Summer school 2011

di Elena Manigrasso

pubblicato sul Corriere del giorno il 6/7/2011

110931-0904_Ostuni_08_ridMa cosa pensano i vecchi e nuovi corsisti della scuola estiva di Ostuni? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro facendo alcune domande specifiche sul corso appena concluso. Anche io che intervisto sono una corsista come loro e quindi il mio ruolo da infiltrata ha facilitato la sincerità delle risposte. Ilaria, laureata in economia e commercio e corsista già al secondo anno, mi risponde che lo ha trovato emozionante come al primo anno, ricco di relazioni umane, di contenuti e soprattutto di speranze.

I docenti ci invitano a rimboccarci le maniche, continua Ilaria, e imparare ad avere nuovamente coraggio per investire nel futuro. In poche parole, coltivare il buon daimon che è in noi. Penso ai docenti Ivan Vitali e Silvia Vacca che avevano un posto sicuro ma hanno ricominciato per trovare la loro vera dimensione umana. Poteva anche andare male ma lo hanno fatto per un senso di onestà verso se stessi, che fa necessariamente bene anche agli altri.

Manuela è arrivata ad Ostuni munita di carta, penna e pappe e passeggini per bambini. Vincenzo Mercinelli, coordinatore tecnico della Summer school, mi aveva già accennato di questa famiglia fortemente motivata a seguire il corso.Ha portato con sé i suoi figli di 3 e un anno. Non poteva lasciarli a casa. Suo marito l’ha seguita per aiutarla a tenere i bambini durante le lezioni. Quale migliore esempio di Economia di Comunione. Mi dice il marito: mia moglie è laureata in Economia, non poteva lasciarsi scappare questa bella opportunità. Manuela arriva dopo qualche minuto con la piccola in braccio e il blocchetto degli appunti. Continua a dire che è felicissima nonostante le difficoltà, ma questo lo avevo già messo in conto, perciò non mi spaventa, dice, anche perché mio marito sta cum-dividendo l’esperienza, e questo mi aiuta molto. Mi solleva anche il fatto di aver visto che non sono la sola: anche la docente Silvia haportato con sé marito e figli, nonostante questo ha affrontato il suo impegno di docente e di mamma sempre con un sorriso solare.

Laura viene da Caserta, anche lei laureata in economia e commercio e mi dice che a corso appena concluso è come se avesse una nuova visione di ciò che può significare economia.
E.M. Che significa nuova visione?
Laura: all’Università mi dicevano che una buona economia gravita intorno al concetto di massimo profitto. Ci dicevano che nelle imprese bisognava massimizzare la produzione. Nelle lezioni della Summer School si è dato invece maggior peso al lavorare insieme; importante è quindi cooperare insieme, non solo per tornaconto personale.

Ilaria, dopo aver preso il caffè, mi raggiunge nuovamente e mi dice: ho vissuto la scuola in maniera intensa perche ho visto emergere il pensiero di una economia più umana, Laura ha ragione. Anche Francesco di Cellino san Marco è d’accordo e ci dice che se restituissimo più importanza ad uno dei principi più dimenticati dall’uomo, il principio di fraternità, sarebbe tutto più semplice. Ci porterebbe a coinvolgere tutti i talenti nella nuova società che vogliamo. Il gruppo organizzativo composto da Sergio Barbaro, Simona Internò, Vincenzo Mercinelli, Daniele Nuzzi, Rocco Tagariello, ci guarda da lontano sorridente e complice della nostra felicità che traspare da ogni commento.

A conclusione della bellissima esperienza della Summer school 2011 ad Ostuni l’onorevole Domenico Amalfitano presidente del centro di cultura “Lazzati” dell’Università Cattolica di Taranto, ha espresso la sua soddisfazione per l’esito del corso invitando tutti a coltivare le idee ma le idee, ha aggiunto l’Onorevole, devono diventare cantieri. Questa è la più grande sfida, diversamente la scuola sarebbe solo un centro di alta formazione che non incontra la vita.

Simona mi chiama per i saluti fraterni con tutti. È già arrivato il momento? Il tempo è volato in mezzo agli amici, quasi come un battito d’ali. Passo successivo è far volare i sogni.

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 320 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.