• Economia di Comunione
    Persone e imprese che attivano processi di comunione.
    Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.
    Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime
    scopri di più...
  • Rapporto Edc 2018
    Finalmente disponibile il Rapporto Edc 2018. Guarda il video e scopri di più con la scheda di approfondimento.scopri di più...
  • Il capitalismo e il sacro
    Figline e Incisa Valdarno (FI): 11 - 12 Gennaio 2020scopri di più...
  • L’economia del Natale si chiama Comunione
    C’è molta economia nella grotta di Bethlehem. Lì c’è l’immagine più forte della “economia della salvezza”, di quella convenienza misteriosa, divina ed umana, che fece diventare Bambino il Verbo di Dio.scopri di più...
  • Prophetic Economy Young
    scopri di più...
  • The Economy of Francesco
    Sono aperte le candidature per partecipare all’evento di Assisi 2020!scopri di più...

Economia di Comunione

Persone e imprese che attivano processi di comunione.

Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.

Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime.

João Laurindo, imprenditore di comunione

Quando Edc è una vocazione che nasce da lontano: chi è João Laurindo, imprenditore Edc della Movelite, nuova azienda del Polo Ginetta e co-fondatore della Associazione Talita-Cumi per il recupero di tossicodipendenti

di Emanuele A. Oliveira (*)

Joao LaurindoDa più di 40 anni João Laurindo lavora nell'ambito della falegnameria. Aveva 5 anni di esperienza nel 1975 quando decise di mettersi in proprio e sostenere, con il suo lavoro, la moglie e tutti i nove membri della sua famiglia di origine. Nel giro di un anno, pur in mezzo a tante difficoltà, aveva già dei collaboratori ed scopriva il suo talento per formare alla falegnameria:  oltre 20 i giovani formati da lui in questi anni, giovani che senza avere alcuna professione o qualifica oggi lavorano come eccellenti falegnami. Dal 1978 potè iniziare a fare alcuni investimenti e nel corso degli anni conquistava i suoi clienti più fedeli, costruendo ambienti dei più diversi tipi, da case o appartamenti completi, a uffici, hall e balconi, chioschi, negozi, stand in fiere, auditorium, centri di convegni, chiese, industrie, bar e ristoranti, banche, ecc. 

I suoi clienti delle città di Recife, Olinda e Regione Metropolitana sono persone fisiche e aziende, tra queste il Governo dello Stato del Pernambuco, Il Comune di Recife, Compesa, Caixa Econômica Federal, Grupo Tavares de Melo, Shopping Boa Vista e Shopping Recife, Movimento dei Focolari Nordest, Unitur Nordest, Sibrasa, Le imprese edili: Sonda, Moura Dubeux e Luis Monteiro Correia.

Anche se da subito la sua azione fu rivolta alle realtà dei più bisognosi, 17 anni fa cominciò una azione diretta a ragazze in situazione di vulnerabilità sociale, rivolta soprattutto a quelle che abitano sulle strade, tossico-dipendenti o soggette alla prostituzione. Con altri amici fondò l'Associazione di Assistenza Sociale Menina Levanta-te (Talita-Cume), nome che rimanda al brano del capitolo 5 del vangelo di Marco (vers 41). Dopo aver curato tanti giovani, oggi il Talita-Cumi assiste uomini adulti, tutti tossi-dipendenti, nella maggioranza vittime del crack.

Parallelamente alle sua attività di falegnaleria e di formazione di giovani nel suo settore, João Laurindo sta avviando un progetto di qualificazione professionale affinché i giovani dell'Associazione Talita-Cumi abbiamo modo anch'essi di formarsi e di inserirsi nel mercato di lavoro come falegnami.  

Oltre 10 anni fa, ben conoscendo il suo spirito imprenditoriale e la sua esperienza personale e spirituale, una cliente fece conoscere a João Laurindo l'Economia di Comunione, di fatto presentandolo come falegname ideale per i lavori necessari al Polo Imprenditoriale Ginetta (Polo EdC del Nordest). Questa cliente usò un mobile rotto come “scusa” per fargli conocere la Mariapoli Santa Maria, presso Igarassu, a 30 km da Recife. Commosso per il clima trovato alla Mariapoli, João Laurindo decise di non farle pagare la riparazione del mobile e nel giro di pochi giorni emersero nuovi lavori al Polo Ginetta e crebbe la clientela dei dintorni del Polo.

Il suo percorso Edc e l'elaborazione del progetto imprenditoriale che porta oggi alla nascita della Movelite, cominciò nel 2006 con la partecipazione ad un Congresso EdC; da lì ha conosciuto consulenti, altri imprenditori dell'Economia di Comunione, ha fatto ricerche, creato partnership... Il 6 aprile 2013 l'inagurazione della sua azienda Movelite al Polo Ginetta, desiderata da anni, è finalmente realtà.

(*) Emanuele A. Oliveira lavora all'Assaz Gestão e Comunicação Integrada che gestisce la comunicazione del Polo Ginetta.

Marzo 2020, Assisi
"The Economy of Francesco"

 i giovani, un patto, il futuro

i giovani,un patto,il futuro

Seguici su:

17-01-2020

Non daremo vita a nessun nuovo modello di sviluppo se non reimpareremo ad apprezzare la ricchezza...

20-11-2019

A partire da una visione globale di sistema, tra questione ambientale, lavoro e conti pubblici di...

03-01-2020

Approvate “salvo intese” e con il voto di fiducia, le scelte del Conte 2 assicurano il mancato...

14-01-2020

I Commenti de "Il Sole 24 Ore" - Mind the Economy, la serie di articoli di Vittorio Pelligra sul...

15-10-2019

Il grido della Terra, il grido dei giovani impegnati nei “Fridays for future”, quello più sommesso dei...

COME FARE PARTE

Image
Opla
AMU
Eoc
aipec

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 699 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.