EoC-IIN Incubating network

Tutte le news

eoc tras

L’EoC-IIN è un network internazionale che si esprime a forma di rete, per l’incubazione di nuove aziende con lo spirito della comunione, con nodi (hub) presenti in vari continenti, che offrono diversi servizi nel processo d’incubazione con il marchio della gratuità e della reciprocità.

EoC – IIN è una espressione collettiva dell'impronta culturale tipica di Edc: imprenditori e professionisti che donano i propri talenti ed esperienza per favorire la crescita di una nuova generazione di imprenditori.

per informazionieoc.iin@edc-online.org  - vai alla piattaforma Eoc-IIN

Startup Lab Edc, un laboratorio africano di comunione

Camerun, Fontem: 55 Startuppers africani, portatori di 30 progetti, hanno  trascorso 5 giorni di laboratorio di incubazione con 12 supervisori di diversa provenienza (7 africani, 5 europei, 1 sud americana)

di Michel Mbengya e Steve Azeumo

170620 24 Fontem EoC Start up Lab 04 rid 300Dopo una dura preparazione, 55 giovani imprenditori provenienti da R.D.Congo, Angola, UgandaNigeria, Costa d’Avorio, Camerun, Burkina-Faso, Madagascar, Bénin e Olanda sono arrivati a  Fontem il 19 giugno 2017. Questo l'inizio del primo StartupLab Africano al Centro Mariapoli Mafua Ndem di Fontem – in Cameroun. 55 partecipanti da dieci nazioni erano presenti al laboratorio di Startup e 30 i progetti presentati con il filo conduttore dei valori dell' Economia di Comunione.

170620 24 Fontem EoC Start up Lab 06 ridDal  primo giorno, vari momenti hanno  contribuito a dare un avvio solenne ad un evento unico nel suo genere: in particolare la presentazione delle varie delegazioni è stata seguita dalle parole di benvenuto del Prefetto del dipartimento del Lebialem che ha sottolineato il grande interesse rappresentato da questa prima internazionale; nel contempo ha ricordato la necessità di veder fiorire l'EdC, soluzione a molti dei mali che conosce il mondo in generale e le nostre società africane in particolare.

Anouk Grevin, nel corso dei cinque giorni di laboratorio, ha presentato i valori dell'Economia di comunione, come sono stati vissuti e sperimentati dagli imprenditori di tutto il mondo. La prima mattina i partecipanti hanno avuto l'opportunità di stringere fra loro un patto di reciprocità che è servito a costruire insieme questi giorni di laboratorio e che rappresenta la vita proposta da Economia di comunione ovunque si operi.

Sylvain Doua della Costa d'Avorio, racconta: «In cinque giorni, dal 20 al 24 giugno 2017, i nostri supervisori, venuti da vari paesi dell'Europa e dell' Africa, ci hanno dotato di una formazione molto specifica sugli strumenti chiave dell'impresa». Gli Startuppers hanno familiarizzato con l' «170620 24 Fontem EoC Start up Lab 05 ridElevator pitch*» introdotto da Florencia Locascio dell’EoC IIN « Economy of Communion International Incubating Network », e che consiste nel presentare il proprio progetto a un potenziale investitore in un minuto.  Pierre Chevalier, imprenditore francese, ha condotto i giovani imprenditori a ricercare fra loro le idee più innovative, introducendo il suo laboratorio con l'immagine dell' « l’illusione dell'iceberg »; questa  esprime al meglio la vita di un imprenditore per il quale il «successo» ha come prezzo un insieme di grandi sacrifici, di lavoro, di fede e di creatività. Conoscere bene il proprio progetto, fare di più con meno, essere creativi: ecco tre indicazioni che hanno permesso ai giovani presenti di delineare al meglio i contorni del proprio progetto.

Il terzo giorno con Giampietro Parolin ci si è soffermati ad  approfondire le nozioni di bilancio con un approccio che sfidava i pregiudizi e che è stato molto apprezzato dai partecipanti. Sono stati discussi tre tipi di budget: il budget di gestione, il cash flow e il piano degi ammortamenti. Le esercitazioni pratiche hanno riguardato i costi ed i prodotti di ciascun progetto, in modo da comprenderne meglio la parte finanziaria con particolare riferimento al calcolo ed alla determinazione della previsione delle vendite, del costo della produzione, del rendiconto finanziario.

170620 24 Fontem EoC Start up Lab 08 ridIl penultimo giorno è stato chiesto ad ogni partecipante di formalizzare in una tabella una presentazione della logica globale della propria impresa, spiegandone la creazione di valore aggiunto e come produrrà degli utili. Markus Ressl consulente della Ressolution e imprenditore Edc, con l'aiuto di una metodologia molto semplice ha coinvolto ogni partecipante nella elaborazione del proprio modello di business. Quindi, l'utilizzo di uno strumento CANVAS modificato per includere la dimensione interpersonale con i valori Edc, ha permesso di meglio comprendere l'insieme della coerenza dei processi ed il funzionamento di una impresa EdC.

Il quinto giorno Florencia Locascio ha affrontato la strategia di comunicazione: l’importanza del nome, del marchio e dello slogan, così come l'utilizzo dei mezzi di comunicazione che sono disponibili per i vari target di clientela. Ognuno dei giovani imprenditori presenti si è sottoposto al test dell' « Elevator pitch» che ha permesso a tutti di scoprire le sfide del futuro di ciascuno.

170620 24 Fontem EoC Start up Lab 09 ridIl laboratorio si è concluso con la consegna dei certificati di formazione e di un simbolo consegnato alla commissione internazionale dell'Edc dall'insieme dei partecipanti in segno di ringraziamento. Si tratta di un disegno che rappresenta l'insieme dei membri della rete internazionale EdC seduti attorno alla cittadella MAFUA NDEM, le braccia alzate e collegate fra loro con una cordicella, per simboleggiare il patto di reciprocità formulato il primo giorno.

Icona Flickr ridvedi la photogallery (1° giorno) 
Icona Flickr ridvedi la photogallery (tutti i giorni)


* Elevator significa ascensore. L'Elevator pitch è infatti il discorso che un imprenditore farebbe ad un investitore se si trovasse per caso con lui in ascensore. L'imprenditore, quindi, si troverebbe costretto a descrivere sé e la propria attività sinteticamente, chiaramente ed efficacemente per convincere l'investitore ad investire su di lui, ma nei limiti di tempo imposti dalla corsa dell'ascensore (la letteratura specialistica al riguardo fissa tale limite a 5 minuti).

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 721 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.