Si è spenta oggi Eli Folonari. Il ricordo di Luigino Bruni

Eli Folonari rid2Eli Folonari dagli anni 50 è stata la collaboratrice più prossima a Chiara Lubich: il Movimento, la sua storia, il suo sviluppo sarebbero stati diversi se Chiara agli inizi degli anni 50 non avesse incontrato Eli. Eli non è stata solo una presenza decisiva per Chiara e per il movimento dei Focolari, da molti punti di vista, ma ha dato anche il suo contributo importante nella nascita e nello sviluppo dell'Economia di Comunione.

Veniva da una famiglia importante di imprenditori bresciani, lei stessa laureata in Economia e commercio ed ha avuto uno sguardo di particolare prossimità e benevolenza nei confronti di tutto ciò che avveniva nell'ambito dell'Economia di Comunione. Io personalmente ho avuto il modo di lavorare con lei per molti anni e da lei ho imparato molte cose, e tra queste la bellezza di poter spendere una intera vita all'ascolto di due voci: quella della prima vocazione a Dio e quella di un carisma, che poi erano la stessa voce.

Ripubblichiamo con gratitudine l’intervista che Antonella Ferrucci le fece alla vigilia dell'Assemblea mondiale Edc dei 20 anni, in Brasile. In essa Eli ci svela alcuni dettagli poco conosciuti degli esordi del progetto dai quali emergono anche la sua anima e la sua ricca personalità. Se è vero che i patrimoni più importanti delle realtà che nascono da una spiritualità sono le persone, Eli è una parte significativa di questa eredità che, siamo certi, sarà sempre più apprezzata col tempo, quando studieremo con maggiore attenzione le radici dell'Economia di Comunione.

Una parte dell'anima di Eli si era spenta il 14 marzo 2008, giorno della morte di Chiara. Ci piace pensare, credere e sperare, che sia proprio lei oggi ad accoglierla ed a ringraziarla anche per noi.
________________________________________

Quell’atterraggio su San Paolo

di Antonella Ferrucci

Eli 1Eli Folonari ha accompagnato spesso Chiara Lubich nei suoi viaggi, essendone la più vicina collaboratrice. Era con lei quindi anche durante quella visita alla comunità brasiliana dei Focolari del 1991 che vide la nascita dell’Economia di Comunione. Le chiediamo qualche ricordo di quei giorni.

Eli, eri accanto a Chiara quando siete atterrate su San Paolo, hai vissuto con lei quel momento, cosa ricordi?

Ricordo benissimo quel momento. Sono con Chiara e stiamo atterrando su San Paolo e l’aereo fa alcuni giri prima di poter atterrare. Chiara vede questa grande differenza fra i numerosi grattacieli e, attorno, sulle colline che circondano la città, le favelas, case poverissime, tantissime, tantissime. Rimane impressionata da questa disparità: anche da noi ci sono persone ricche e persone povere, ma non c’era confronto fra la nostra società e quella del Brasile. Questa impressione aveva dentro, appena scese dall’aereo.

Poi arrivati alla nostra cittadella lì, parlando un po’ con l’uno e con l’altro, ha espresso questa sua preoccupazione. Tra gli stessi membri del movimento c’erano degli abitanti di queste favelas. E fu’ lì che dopo qualche giorno le venne una idea, che a me sembrò molto nuova.

Idea che lanciò il 29 maggio 1991, e che venne poi definita Economia di Comunione…

Si. Sappiamo che i cristiani dovrebbero aiutare i poveri, dando loro quello che gli avanza .. invece no, Chiara disse qualcosa di diverso: “dobbiamo
impegnare gli imprenditori a realizzare sempre più utili, quindi a migliorarsi sempre come imprenditori, per guadagnare di più e gli utili distribuirli”. Potè in quell’occasione rivolgersi ad un buon numero di imprenditori, facendo loro questa proposta, che valorizzava il loro lavoro, anzi, lo incrementava. Spiegò che nell’azienda tutti avrebbero dovuto contribuire, rendersi conto di questo impegno sociale: anche all’interno dell’azienda doveva esserci la comunione. Non dovevano sussistere divisioni troppo forti fra dirigenti, impiegati, operai: ciascuno doveva contribuire secondo le proprie capacità: quello che sa fare un operaio non è detto che lo sappia fare un imprenditore, e viceversa. Chiara valorizzava tutti i protagonisti dell’azienda, ogni persona e ogni compito nell’amore scambievole, per contribuire tutti insieme al miglior rendimento dell’azienda. Un rendimento che non doveva essere solo per il bene dell’azienda ma anche per il bene della società, soprattutto per i poveri, per chi non riesce ad andare avanti, tante volte non per demerito proprio, ma per la situazione generale. Lì parlò della suddivisione degli utili in 3 terzi: Chiara era molto concreta, andava subito sul pratico.

Eli 2Lo stesso giorno Chiara incontrò un gruppo di giovani universitari..

Nel pomeriggio di quel giorno Chiara incontrò i giovani: a loro affidò lo sviluppo di una nuova teoria che potesse promuovere una società nuova. Disse loro di buttarsi e di dedicare questo periodo di studio ad approfondire questa nuova idea:” io adesso vi dico una idea ma poi l’applicazione concreta, sotto un aspetto o l’altro, il vantaggio che potrà portare sia nell’economia aziendale che in quella di un paese o di una nazione, lo dovete approfondire e sviscerare voi.”

Eli 3Cosa ricordi delle reazioni che seguirono?

L’idea nuova lanciata da Chiara in Brasile venne comunicata a tutto il Movimento e si diffuse rapidamente in tutto il mondo: tante furono le reazioni già nel primo anno: già da subito più di un centinaio di aziende aderirono e si misero a disposizione dicendo a Chiara: anche noi vogliamo vivere così, seguendo questa linea. Più tardi, soprattutto dal Brasile e dalle Filippine, arrivavano gli echi di queste famiglie povere che testimoniavano cosa era stato per loro ricevere qualcosa di più, poter far studiare un figlio o avere un posto di lavoro. E poi erano loro stessi a dire –e Chiara era molto colpita da questo- “non occorre più che adesso ci aiutiate perché siamo arrivati ad essere autosufficienti.” Non si sentivano più poveri, volevano anche loro cominciare a “dare”.

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Seguici su:

facebook twitter vimeo icon youtubeicon flickr

Logo Prophetic economy 290 rid mod

Castelgandolfo (Roma), 2-4 Novembre 2018 - maggiori info
Prophetic Economy in practice - Award 2018 - download info e form

Edc aderisce a Slotmob!

Logo Slotmob rid mod

Tutte le info alla pagina dedicata

vedi i nuovi eventi sul FB Slotmob

facebook nsl Slotmob a Faenza 16/06/2018

facebook nsl Slotmob a Aprilia 16/06/2018

facebook nsl Slotmob a Albano Laziale 09/06/2018

facebook nsl Slotmob a Chieti 04/06/2018

facebook nsl Slotmob a Messina 23/05/2018

facebook nslSlotmob a Benevento 20/05/2018

facebook nslSlotmob a Anzio 19/05/2018

facebook nslSlotmob a Fabriano 19/05/2018

facebook nslSlotmob a Sassoferraio 12/15/2018

Rapporto Edc 2016

Cover Edc44 mod

Scarica il rapporto
Vai alla versione online

Aderisci a EdC

EoC Companies crop banner rid modRegistrando la tua azienda sul sito dedicato: edc-info.org/it/

Scopri di più...

Il dado per le aziende!

Logo cube IT 150

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Costruiscilo! Leggilo! Vivilo! Condividilo! Fanne esperienza!

Il dado per le aziende oggi anche in italiano! Scarica la APP per Android!

Dell'elemento etico...

Giuseppe_Toniolo_mod

"...quale fattore intrinseco delle leggi economi- che”

Giuseppe Toniolo

Prolusione al corso di Economia Politica tenuta il 5 dicembre 1873 all’Università di Padova
Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.