Rassegna stampa

Il Secolo XIX - 16/10/2013

Non solo business. Tre aziende orientate al benessere collettivo.Prometheus, Tassano e Bertola: così si coniugano, tra Liguria e Piemonte, fatturato e bene comune

L'impresa etica prende quota

di Francesco Margiocco

pubblicato sull'inserto de Il Secolo XIX il 16/10/2013

Logo secoloxixSnobbato in economia dai tempi  di Adamo Smith, il bene comune sta vivendo una seconda vita.  Aumentano gli industriali che, morsi dalla crisi, cercano nuove forme d'impresa. Orientate non tanto ad avere sempre di più - clienti, fatturato, utili -` quanto al benessere collettivo. E’ l’insegnamento, fra gli altri, di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei focolari, e paladina di una economia “del dare”. Molti di questi imprenditori non sono neppure credenti, altri sono cattolici praticanti e focolarini, tutti cercano un'alternativa al capitalismo.

Che, a giudicare da queste storie, forse esiste già. La Liguria è una piccola roccaforte. Da Genova Antonella Ferrucci, imprenditrice, gestisce il sito dell'economia di Alberto Ferruccicomunione, www.edc-online.org, tradotto in sei lingue, che ha raccolto centinaia di tesi di laurea scritte da studenti di tutto il mondo sulla  responsabilità sociale degli azionisti, la democrazia all'interno delle aziende e altri temi cari al movimento. Suo padre, Alberto, 76 anni, è stato uno dei primi a seguire le indicazioni di Chiara Lubich. Dopo una laurea in chimica e una carriera alla Erg che lo porta, neppure quarantenne, ad amministrare prima la raffineria siciliana del gruppo, poi anche quella genovese, Ferrucci traccia il progetto di un consorzio mondiale per le materie prime. Siamo nella metà degli anni'80, il prezzo del petrolio, dopo l’impennata seguita alla crisi iraniana del 1979, è crollato. I paesi produttori sono in difficoltà. Il consorzio avrebbe dovuto stabilizzare il prezzo del petrolio e usare una parte dei frutti di questo prezzo calmierato per lo sviluppo del terzo mondo. Il progetto viene presentato alle multinazionali e ai governi dei paesi consumatori e produttori, e raccoglie subito i consensi di Italia, Olanda, Arabia Saudita Poi tutto si ferma. Il gruppo Erg revoca gli incarichi al suo amministratore delegato. Il motivo non fu mai chiarito, ma verosimilmente l'ambiente petrolifero non gradiva certe idee troppo rivoluzionarie. Ne nasce un contenzioso, da cui l'ex manager uscirà riabilitato e risarcito. Da allora però, Ferrucci non ha più lavorato per conto terzi. Ha fondato la sua società, Prometheus Srl, che sviluppa software per raffinerie.

Software che non si accontentano di aumentare l'efficienza degli impianti. «Alla National Oil Company (Noc) la compagnia libica, alcuni anni fa – ricorda Ferrucci – abbiamo venduto un intero pacchetto che aumentava l’efficienza  delle raffinerie, e la qualità di vita dei suoi lavoratori e del territorio». Come? «Impiegando i maggiori profitti resi possibili dal software per dare in centivi ai lavoratori e realizzare opere, come scuole, e case. Abbiamo venduto il prodotto e la consulenza, un funzionario della Noc è anche venuto a Genova per la formazione. La guerra in Libia ha interrotto il percorso, e con quella raffineria abbiamo interrotto la collaborazione. Ma il nostro lavoro continua in altre parti del mondo, dove abbiamo raddrizzato le sorti di più di un'azienda››.

Maurizio Cantamessa ridAlla scuola di Alberto Ferrucci è cresciuto Maurizio Cantamessa, anche lui chimico, per un periodo dipendente della Prometheus, eoggi presidente della Tassano inserimenti lavorativi, uno dei consorzi che formano il gruppo Tassano di Casarza Ligure, Genova «Venire a lavorare qui –racconta Cantamessa che oggi ha 50 anni- è stata una scommessa, e nonostante le difficoltà di questi anni, se tomassi indietro rifarei tutto daccapo». Al suo esordio il Tassano riparava elettrodomestici. Oggi è un consorzio che copre un ampio  ventaglio di attività, dagli asili nido all’assemblaggio per conto terzi. Vi convivono cooperative come Il Sentiero di Arianna, che offre servizi educativi per i giovani e di assistenza agli anziani, e il consorzio Tassano inserimenti lavorativi, una fabbrica dove lavorano cento persone, quasi tutte con trascorsi difficili: dipendenza dall'alcol o dalla droga, carcere, disturbi psichici. Il direttore della fabbrica è un tedesco trapiantato a Casarza da ventanni, Klemens Ries:  «Sono venuti a prendermi a Hockenheim  -racconta- dove dirigevo una realtà simile, un centro per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate».

Lungo un nastro trasportatore gli operai assemblano filtri per le auto: «Finiscono nelle automobili di mezzo mondo››, dice il direttore. In una stanza accanto, montano centraline elettriche. Nonostante l'apparente frenesia sono, ammette Ries, tempi duri. «In un anno - spiega - la domanda è crollata del 25%.  La concorrenza della Cina è spietata Ma i clienti apprezzano la qualità, flessibilità e velocità del nostro lavoro››.

La crisi aguzza l'ingegno e ha spinto Livio Bertola, imprenditore piemontese, a fondareBertola Family la neonata Aipec, associazione italiana degli imprenditori per un'economia di comunione. «Mi hanno contattato diversi imprenditori, alcuni praticano l'economia di comunione da anni. Altri ci stanno arrivando  ora, mossi proprio dalla crisi e dalla voglia di trovare un nuovo modo di lavorare››. Bertola guida l'omonima azienda di famiglia che a Marene, provincia di Cuneo, croma componenti di automobili, di moto, di serrature. La Bertola srl ha 25 dipendenti, in maggioranza africani, con uno stipendio medio di 1.700 euro al mese. Cui però si aggiungono alcuni extra «Anche se gli utili sono in calo, ogni anno - dice Marco Bertola, figlio di Livio e al suo fianco in azienda - finora siamo sempre riusciti, ogni anno, a dare ai nostri dipendenti  una sorta di quattordicesima. E a far loro dei prestiti, senza interessi, perché non finiscano vittime dell'usura››.
Che gli operai siano quasi tutti africani è una scelta. «Quando ho preso le redini dell'azienda – racconta Livio Bertola- ho deciso che avrei aiutato gli ultimi. E, all'epoca, gli ultimi erano loro. Oggi sono anche i nostri giovani italiani, disoccupati o precari. L'ultima assunzione che abbiamo fatto, prima dell'estate, è quella di un 27enne piemontese, laureato in ingegneria. Faceva il venditore di videogame. Oggi è il nostro tecnico di laboratorio››.

E' nata a Incisa Val d'Arno

La “Scuola di economia civile"per manager di felicita pubblica

Il bene comune e la felicità collettiva non sono oggetti di studio nei corsi di laurea in economia. E per le aziende che, si veda l'altro articolo in questa pagina, non si accontentano del mero guadagno, diventa sempre più difficile trovare personale all'altezza dei propri ideali.

Silvia Vacca ridA Incisa Val d'Arno, provincia di Firenze, nasce ora una scuola che vuole colmare questa lacuna. Frutto dell'intuizione di due economisti, Stefano Zamagni e Luigino Bruni, la scuola ha da poco aperto le iscrizioni, ha ricevuto un sostegno finanziario, per il suo avviamento, da Federcasse, l'associazione delle banche di credito cooperativo, e dovrebbe ora camminare sulle proprie gambe, grazie alle rate degli iscritti.

Silvia Vacca, che presiede il consiglio d'amministrazione della Scuola di economia civile, distingue tre tipi di iscritti: «Ci rivolgiamo anzitutto a società che condividono inostri ideali». Come le cooperative o le Acli. «Realtà che possono incontrare problemi quando crescono, da associazioni diventano aziende, e hanno bisogno  di formare i dirigenti ››. La seconda tipologia proviene dalle aziende, «magari anche molto grandi, e tradizionalmente molto lontane da noi, ma interessate». C'è infine una terza fascia di «persone trai 35 e i 40 anni, mature, ma deluse. Hanno le competenze, e vogliono metterle a disposizione del bene comune».

La Scuola di economia civile è unica al mondo. La dottrina economica che vi insegnano è, del resto, invenzione di un italiano. Antonio Genovesi – 1713-1769 - titolare della prima cattedra di economia all'Università di Napoli, il primo a mettere le virtù civili alla base di ogni attività economica . Per secoli il suo coevo Adam Smith ha avuto la meglio. «Ma ora che il liberismo si è dimostrato un modello non vincente, i tempi sono maturi - dice Silvia Vacca - per parlare di felicità pubblica. Almeno in Italia››.

Seguici su:

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 684 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.