Una proposta globale per le sfide di oggi

È questa la prospettiva strategica per contribuire ad assicurare uno sviluppo economico fondato sulla condivisione. L’EdC sta uscendo a vita pubblica e gli articoli delle pagine successive segnalano la novità.

di Alberto Ferrucci

N43 Pag 03 Alberto Ferrucci AutoreDa: "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.43 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.7 - 2016 - luglio 2016

Venticinque anni fa Chiara Lubich ebbe il coraggio di proporre l’alternativa dell’Economia di Comunione ad un mondo in piena euforia per l’affermarsi della economia liberista dopo il crollo del muro di Berlino. Allora la sua proposta venne apprezzata, ma dai più considerata solo una utopia per brave persone. Oggi, dopo un quarto di secolo di economia liberista, abbiamo come risultato un concentramento della ricchezza nei pochi operatori della finanza mondiale. Quest’ultima negli anni è riuscita ad assorbire una parte rilevante delle risorse prodotte dall’economia reale, sottraendola agli investimenti, alla ricerca e alla creazione di nuovo lavoro.

Non vi è quindi da stupirsi se viene sempre più allo scoperto la rabbia degli esclusi dal benessere che il consumismo aveva fatto intravvedere. Una rabbia così potente e diffusa da mettere a rischio i sistemi politici più solidi, inducendo un terrorismo che non si può contenere con muri ed eserciti perché nasce fra noi.

Intanto le guerre tra i potenti, esercitate per procura, cacciano dalle loro terre milioni di migranti ed altrettanto fanno i sempre negati cambiamenti climatici che portano ad abbandonare terre diventate inospitali. Dalle spiagge ci interpellano i corpi abbandonati dei più deboli, quelli che non sono riusciti ad attraversare il mare, e nelle nostre strade anche i volti smarriti e sempre più disillusi di chi invece ce l’ha fatta.

I nodi dell’economia globalizzata stanno venendo al pettine tutti assieme per cui occorre N43 Pag 03 Teresa Francis Ganzonscegliere una via per il futuro. La proposta di Chiara si impone come una vera alternativa per tutti: presentandola al parlamento coreano, in occasione del congresso Pan Asiatico per il 25° di EdC,  Luigino Bruni ha così sintetizzato il presente: «Siamo di fronte ad un bivio: la finanza e le banche potranno diventare dei veicoli di inclusione sociale e di maggiore equità, oppure potremo tornare in una sorta di medioevo feudale con pochi ricchissimi e tanti mendicanti che vivranno con un assegno di cittadinanza, in un mondo con sempre meno lavoro. Se prevarrà il primo scenario – questa è soprattutto una faccenda politica e civile –, allora l’Edc potrà svolgere il proprio ruolo».

Non si tratterà solo di un ruolo economico. Già nel 1998, vedendo quanto realizzato a sette anni dall’annuncio, Chiara ci aveva invitato a rendere possibile una “inondazione dello Spirito nelle attività umane”. In che modo? Presentandoci al dialogo con la cultura contemporanea con un progetto globale, con tutte le ricchezze del carisma, per vedere con occhi nuovi anche politica, diritto, rapporti sociali, ambiente, arti, comunicazioni. A noi dell’economia che siamo stati interpellati per primi, forse è chiesto di creare le condizioni perché questo diventi possibile.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.