Notiziario EdC

Economia di Comunione una cultura nuova rivista diretta da Alberto Ferrucci

Periodico quadrimestrale nato per collegare quanti aderiscono al progetto di Chiara Lubich per una economia di comunione nella libertà.

Cover_32Una economia per persone che si realizzano nella relazionalità, anziché nell'egoismo razionale, basata - anziché su una lotta per prevalere - su un "impegno per crescere insieme", rischiando risorse economiche, inventiva e talenti, per condividere la cultura del dare del Vangelo.

Cultura del dare che si dimostra sempre più fondamentale per orientare l'umanità negli anni Duemila, alla ricerca di nuove strade per affrontare la sfida ambientale e scongiurare nuove atrocità tra gli uomini causate dalla globalizazione dell'economia.

EdC n. 32 scarica il notiziario in formato di stampa

vedi anche: documenti PDF/notiziario EdC (archivio PDF, n°20 ad oggi)

I numeri precedenti del Notiziario possono essere scaricati dal sito:
http://tesi.ecodicom.net/notiziario.phplink.gif

Una raccolta degli articoli più significativi dei primi 10 anni e 20 numeri del Notiziario "Economia di Comunione - Una cultura nuova" (dal 1994 al 2004) ha costituito il N.1 dei "Quaderni di Economia di Comunione" disponibile adesso online.

EoC-IIN: le reti di impresa diventano realtà

Parte un progetto che vuole rispondere alle sfide di oggi. Economy of Communion International incubating network

di Rebeca Gomez TafallaN43 pag 12 Rebeca Gomez Autore rid

da "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.43 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.7 - 2016 - luglio 2016

Nel marzo scorso, i rappresentanti dell’Edc di tutto il mondo si sono trovati a Loppiano con l’obiettivo di progettare un nuova stagione dell’Economia di Comunione. La premessa è stata l’essere creativi, capaci di rigenerarsi nella fedeltà al carisma Edc. Il risultato: la nascita di “EoC International Incubating Network”, una rete internazionale di supporto all’imprenditorialità.

Economy of Communion International Incubating Network (EoC – IIN) è una realtà globale che si esprime a forma di rete, per l’incubazione di nuove aziende con lo spirito della comunione, con nodi (hub) presenti in tutti i continenti, che offriranno diversi servizi nel processo d’incubazione, con lo stile della reciprocità.

Incubatori, cioè strutture di supporto sistematico a idee imprenditoriali, ce ne sono tanti nel mondo. Il punto di forza di questo progetto è l’Economia di Comunione stessa: una vera comunità con una forte impronta culturale, per favorire la crescita di una nuova generazione di imprenditori.

Come funzionerà? “Attuare localmente, pensare globalmente”. Si parte dalle iniziative e risorse locali, per dar loro supporto e collegarle in rete, in modo da costituire un’unica realtà mondiale.

N43 pag 12 Bootcamp 02 ridOgni paese che si è offerto come nodo (hub) fornirà ai portatori di progetti imprenditoriali servizi diversi, a seconda dei propri punti di forza: spazi di co-working, reti di tutoring e mentoring, workshops, stages in aziende per giovani imprenditori, ecc. La rete favorirà lo scambio di risorse, conoscenze, talenti e persone. Inoltre, i Poli avranno un ruolo strategico in questa realtà. Il percorso è già iniziato.

In Brasile l’Associazione EdC Anpecom sta studiando la possibilità di partnerships con istituzioni locali che lavorano a supporto dell’imprenditorialità: queste ultime offrirebbero risorse tecniche specifiche ai portatori di progetti, mentre Anpecom apporterebbe i fondamenti e la metodologia EdC. Nel frattempo è partita l’incubazione di 10 progetti nel “Programma di Sviluppo di Imprese Inclusive e di Comunione”, iniziato nel 2015.

In Portogallo, presso il Polo Giosi, si è realizzato nel mese di giugno il “Bootcamp di N43 pag 12 Bootcamp 01 ridImprenditoria di Comunione”: due intensi weekend in cui 20 partecipanti hanno ideato progetti di business, con l’obbiettivo di sviluppare competenze imprenditoriali utilizzando una metodologia di comunione e avendo sempre come riferimento i principi dell’EdC.

In Messico, parallelamente alla progettazione dell’hub EoC-IIN messicano, è cominciato il processo d’incubazione di un’azienda che produrrà salse piccanti.

A livello internazionale, si è pianificato un percorso di lavoro con i paesi che stanno sviluppando gli hub locali per co-progettare la rete: nel giro di qualche mese EOC-INN sarà maggiormente delineata.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 525 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.