Economia di Comunione, un nuovo paradigma per lo sviluppo dell'Africa

Per la prima volta Edc presentata in una Università Africana

di Liliane Mugombozi

110126_Nairobi_32_ridNairobi, 26 gennaio - Questa mattina, la prestigiosa Università Cattolica dell'Africa Orientale (CUEA), di  Nairobi - Kenya, ha aperto le porte alla tanto attesa Conferenza Internazionale su Economia di Comunione. Già dal primo momento, professori, studenti, personale universitario, e altri ospiti, circa 300 partecipanti,  hanno affollando la sala "Jubilee" della conferenza, dimostrandosi ricchi di aspettative e di speranze.

La conferenza è stata aperta ufficialmente dal Vice Cancelliere Prof. John C. MAVIIRI che ha dato  il benvenuto a tutti gli ospiti. Nel suo intervento, ha riconosciuto l'impatto positivo del Movimento dei Focolari nel determinare la trasformazione della società. "La CUEA  ha il privilegio di ospitare questa conferenza internazionale per riflettere sul sogno di Chiara Lubic, l'Economia di Comunione, proposta oggi come nuovo paradigma per lo sviluppo dell'Africa. Un sogno preso in prestito dall’esempio delle prime comunità cristiane fra i cui membri " nessuno era 110126_Nairobi_35_ridindigente" (At 4, 34). Questa è una sfida per il continente africano!"

Il primo relatore, Aloys B. Ayako, Preside della Faculty of Commerce  ha evidenziato le sfide politiche e socio-economico che oggi l’Africa si trova di fronte. Il secondo continente più grande del mondo non è una massa di terra indifferenziata, ma piuttosto un mosaico o uno spettro di grande diversità in termini di: storia, topografia, disponibilità di risorse, tradizioni. Come continente l’Africa si trova ad affrontare diverse sfide: la democratizzazione, la stabilità politica e la pace, la lenta crescita economica, la povertà cronica…

110126_Nairobi_41_ridLuigino Bruni ha presentato il progetto EdC, la sua nascita ed il suo sviluppo, dimostrando come tutta la sua realtà nasce dal carisma dell’unità donato da Chiara Lubich alla Chiesa. L’interazione molto costruttiva che si è determinata tra Luigino Bruni e il pubblico, ha risvegliato in molti interrogativi e preoccupazioni circa l'economia mondiale di oggi e gli squilibri sociali: a partire dalle relazioni personali,  a quelle familiari  per arrivare a quelle fra le nazioni.

Come aveva affermato, introducendo, il professor Maviiri : "Un vero sviluppo per l’Africa deve portare con sé la 110126_Nairobi_39_ridspiritualità di comunione, una preoccupazione per gli altri e la solidarietà con i bisognosi. Questa conferenza è la grande opportunità di introdurre una nuova dimensione nel curriculum di studi su economia e sviluppo umano ".

"Le idee innovative offerte in questa conferenza, offrono grandi speranze e grandi opportunità per lo sviluppo umano, in un continente dove circa il 60% delle persone nel territorio sub-sahariano continua a vivere sotto la soglia di povertà”  ha concluso Kiflemariam Abraham, professore presso la CUEA.

I lavori della conferenza continuano fino al 28 gennaio.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.