#EocwiththePope

Image

4 febbraio 2017: Udienza del mondo Edc con Papa Francesco

#EocwiththePope, ovvero la straordinaria giornata dell'Udienza degli oltre 1.100 attori Edc da 54 paesi con Papa Francesco dello scorso 4 febbraio 2017 in Vaticano: raccoglieremo qui oltre al testo del discorso che il Papa ci ha rivolto, la rassegna stampa, le interviste, i video...

Luigino Bruni: il Papa invita a creare un'economia alternativa

Intervista a Luigino Bruni di Radio Vaticana

pubblicato su News.va il 4/02/2017

170204 Udienza Papa News VaCondividere i profitti per combattere l’idolatria del denaro, cambiare le strutture per prevenire la creazione degli “scarti” e diffondere il “lievito” di una economia associata alla condivisione. Questi alcuni dei forti richiami rivolti dal Papa ai partecipanti all'Incontro "Economia di Comunione", realtà imprenditoriale basata sulla fraternità e la messa in comune dei profitti nell’ambito del Movimento dei Focolari. Sulle impressioni e gli stimoli di questo incontro, Gabriella Ceraso ha raccolto il commento di Luigino Bruni, coordinatore internazionale della rete:

R. – È stato un messaggio molto forte, che davvero raccoglieremo, mediteremo e praticheremo molto.

Perché evidentemente ha toccato dei temi molto importanti: tutta questa natura idolatrica del capitalismo e l'idea che lui ha detto riguardo il problema delle grandi imprese di oggi, che curano le vittime che loro stesse creano. E poi quando ha detto che il giorno in cui i produttori di armi faranno gli ospedali per curare i bambini mutilati, il sistema sarà perfettamente idolatrico. Ha detto cioè delle cose molto forti. Poi ha parlato del denaro – un suo tema classico – come “idolo”; diceva che l’unico modo per dire al denaro: “Tu non sei Dio!” è metterlo in comune.

D. – Quello che lui vuole è spingere per cambiare le regole del sistema economico?

R. – Sì. Ha detto che noi imprenditori non dobbiamo soltanto dare i soldi per le vittime. Quella del Buon Samaritano è una bellissima parabola, però basta a metà. Ci ha detto: dovete evitare che nascano le vittime, dovete evitare che i briganti facciano del male alle persone; dovete cambiare le regole del gioco.

D. – Questo come si fa, professore?

R. – Si può fare innanzitutto ponendosi il problema. Perché c’è tutto un modo, anche cattolico, di vedere il sociale come filantropico: tappi le falle del sistema senza domandarti se il sistema è giusto. Occorre anche un cambiamento di rotta: non perché il Papa non lo avesse detto finora, ma oggi lo ha detto in modo molto forte e chiaro; chi vuol sentire, sentirà.

D. – Anche a voi nello specifico, che già portate avanti il discorso di economia di comunione, ha chiesto uno scatto in più…

R. – Sì, ci ha detto: “Se voi non volete morire e rimanere un movimento piccolo, dovete donare quello che fate agli altri”. L’economia di comunione è un dono per tutti, non dovete tenerla gelosamente come una faccenda privata vostra ma dovete donarla alla Chiesa e all’umanità. Quindi dovete essere più presenti nella vita pubblica, nella Chiesa e nell’azione civile: farvi conoscere di più.

D. – Come imprenditore, come uomo di economia, che cosa vede di dover fare?

R. – Se ho capito bene, quando il Papa diceva che è bello accogliere i figli che tornano prodighi a casa, però dobbiamo fare in modo che nessun figlio mangi le ghiande perché nessun uomo merita le ghiande; che il lavoro ci sia per tutti! Quindi evidentemente in Italia è un invito molto forte, e non solo in Italia.

Ascolta l'intervista a Luigino Bruni

Seguici su:

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 769 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.