• Economia di Comunione
    Persone e imprese che attivano processi di comunione.
    Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.
    Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime
    scopri di più...
  • The Economy of Francesco
    Sono aperte le candidature per partecipare all’evento di Assisi 2020!scopri di più...
  • LoppianoLab 2019
    “Custodire, valorizzare, innovare. Tempo scaduto?” è il titolo della 10a edizione di LoppianoLab che si terrà il 4 e 5 ottobre 2019 a Loppiano.scopri di più...
  • Collaborare con i Carismi
    Elementi per una relazione profetica. Al Polo Lionello Bonfanti un corso al Polo rivolto a cooperatori e professionistiscopri di più...
  • La cooperazione come opportunità
    Al Polo Lionello Bonfanti, un corso al Polo rivolto a religiosi e religiosescopri di più...

Economia di Comunione

Persone e imprese che attivano processi di comunione.

Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.

Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime.

La ricchezza della comunione

La povertà, con le sue privazioni materiali, può essere interpretata anche come isolamento, esclusione sociale. Combatterla significa allora portare la persona alla partecipazione

di Lorna Gold

da  pdf "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.41 (2.34 MB) - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.13/14 - 2015 - luglio 2015

Ogni cultura propone una propria definizione di ricchezza e povertà, e la cultura di N41 Pag 15 Lorna Gold Autore ridcomunione non è da meno. Se normalmente con il concetto di “ricchezza” si intende esprimere sinteticamente l’idea dell’aspirazione al progresso degli individui e delle nazioni, e con quello di “povertà” lo stato di inferiorità che ci si vuole lasciare alle spalle, la comunione offre una chiave interpretativa unica. Nonostante possiedano poco, infatti, coloro che vivono in comunione dispongono di un grande patrimonio di ricchezza sia in termini di beni immateriali che materiali.

Si tratta del paradosso evangelico che rivela una logica economica di distacco spirituale dai beni, che, se vissuta per amore, provoca una circolazione di beni, talenti, idee, buona volontà, che genera l’abbondanza. Nella cultura di comunione, infatti, troviamo la fenomenale capacità di generare ricchezza condivisa.

Essa esiste all'interno delle istituzioni EdC, incluse le imprese, che diventano mezzi creativi per portare le persone in questo rapporto di comunione attraverso la creazione di lavoro, trasferimenti di tecnologia, partecipazione agli utili e così via. Allora la comunione diventa come una rete elettrica, con molti trasmettitori che inviano impulsi di generosità in tutte le direzioni. Impulsi, correnti che sono in grado di generare uno tsunami di generosità, con sorprendenti e inaspettati effetti.N41 Pag 15 Comunità rid

È la misteriosa ma verificabile dinamica della comunione: la provvidenza. Analizzata da questo punto di vista, la povertà, con tutte le sue privazioni materiali, può essere interpretata come l’isolamento totale, l'essere totalmente al di fuori della comunione: l’angoscia di morire di fame in un mondo di abbondanza, con la certezza che nessuno si prenderà cura di noi e ci aiuterà. A un livello più profondo quindi, la lotta alla povertà consiste nel portare la persona alla comunione. Questa idea dà maggior peso al concetto di povertà come esclusione sociale. In effetti gli studi dimostrano che se si chiede alle persone che vivono in condizioni di privazione di descrivere la loro esperienza, inevitabilmente esse la rappresentano come esclusione, solitudine, senso di abbandono. Il nostro approccio alla lotta alla povertà, di conseguenza, deve essere centrato sulla premessa di una fraternità fra uguali, che consenta alla partecipazione e alla responsabilizzazione di mettere radici.

Marzo 2020, Assisi
"The Economy of Francesco"

 i giovani, un patto, il futuro

i giovani,un patto,il futuro

Seguici su:

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

21-09-2019

Occorre più creatività, e occorre un pensiero non ideologico che non porti a guardare i datori di...

03-09-2019

Un piano di azione possibile per un esecutivo deciso ad incidere e fare scelte ineluttabili per il...

03-09-2019

Un prudente equilibrio di bilancio è un dato di realtà per un Paese sovra-indebitato come...

22-09-2019

I Commenti de "Il Sole 24 Ore" - Mind the Economy, la serie di articoli di Vittorio Pelligra sul...

07-09-2019

Opinioni,  Dopo il Sinodo/10 - Temi cristiani condivisi per secoli sembrano diventati di colpo...

COME FARE PARTE

Image
Opla
AMU
Eoc
aipec

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 451 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.