• Economia di Comunione
    Persone e imprese che attivano processi di comunione.
    Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.
    Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime
    scopri di più...
  • Corsi di Economia Biblica
    4-6 febbraio 2019 (Libro di Qoélet) 24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) Polo Lionello Bonfanti - 50063 Figline e Incisa Valdarno (FI)scopri di più...
  • Prophetic Economy
    Castelgandolfo (Roma): 2 - 4 Nov 2018scopri di più...

Economia di Comunione

Persone e imprese che attivano processi di comunione.

Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.

Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime.

La ferita dell’altro, dieci anni dopo

A 10 anni dalla sua prima uscita per  Il Margine, una nuova  edizione del libro che ha messo insieme  “ferite” e “benedizioni”: abbiamo intervistato l’autore

La ferita dellaltro new edition rid 250Luigino Bruni, perché una nuova edizione de "La ferita dell’altro"?

Per motivi soggettivi e oggettivi: dal punto di vista soggettivo, è un libro a cui sono molto affezionato perché rappresenta un  momento di svolta nella mia attività di studioso (è stato il primo dialogo fra economia e Bibbia). Oltre a questo, il libro ha generato l’Ethos del mercato e poi Il mercato e il dono dove ho continuato il discorso sui  fondamenti religiosi del capitalismo del nostro tempo. Dal punto di vista oggettivo poi  il libro, già ristampato negli anni 6 volte, era nuovamente esaurito: con Il Margine abbiamo deciso di ristamparlo ancora ma in una edizione rivista. 

Quali le novità rispetto alla prima edizione?

Sostanzialmente ho scritto una nuova introduzione su quello che è successo nel mondo, in questi ultimi 10 anni. Il libro era uscito nel luglio 2007, alla vigilia della crisi economica, devastante peri l nostro paese e per parte dell’Europa, una crisi di cui troppo pochi parlavano in quel tempo, e della quale libro individuava una ragione profonda: la crisi del volto dell’altro, la paura dell’incontro con il diverso e il capitalismo come nuova relazione immune del nostro tempo (ancora oggi questo è ben chiaro nella conclusione della prima edizione). Mi piace riportare alcuni passaggi di questa introduzione…


La ferita dell’altro ha avuto la rara sorte di essere un libro nato vivo, e quindi di crescere con me e con i tanti lettori che ha avuto, in varie lingue. È cresciuto con la storia densissima di questi dieci anni. Quando nella primavera del 2007 finii di scriverlo, la crisi finanziaria ed Luigino Bruni AD 2015 rideconomica non era ancora esplosa, non c’erano ancora i social media né gli smartphones, non c’era la guerra in Siria, né le grandi migrazioni verso l’Italia e l’Europa. Non c’era stata la Brexit, né il referendum in Turchia, né la profonda crisi dell’idea di mondo più globalizzato e inclusivo. I loro segnali deboli potevano però già essere intravisti. Un pregio di questo libro è di aver intuito che le crisi che sarebbero esplose negli anni successivi avevano una causa comune: la paura dell’altro, la paura delle sue ferite e di quelle che poteva procurarci incontrandolo veramente – è questo il senso dell’ambiguo e felice titolo del libro. E quindi l’incapacità diventata collettiva di non riuscire più a vedere la benedizione nascosta dentro le ferite dell’altro e nostre.

……

L’immagine di Giacobbe e l’angelo, che dieci anni ispirò la Ferita dell’altro, ha continuato a crescere con me. Mi ha accompagnato, nutrito e ispirato per molti altri lavori, per molta altra vita. Quando dieci anni scoprii quello splendido ‘combattimento notturno’, avevo da poco iniziato a studiare la Bibbia, e non conoscevo i molti significati nascosti in quel brano, uno dei più belli e grandiosi di tutta la letteratura spirituale. Oggi scriverei molto di più, aggiungerei altri significati, spiegherei altri simboli di quel capitolo della Genesi. Ma non lo farò, i libri che nascono vivi non si modificano, vanno rispettati e salvati dalle mani del suo stesso autore. 

vedi scheda libro

acquista su Il Margine

Seguici su:

ARTICOLI DI...

leggi le ultime notizie dai nostri Autori

COME FARE PARTE

Image
Opla
AMU
Eoc
aipec

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 1037 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it